WineCouture meets Teo KayKay: se l’etichetta (tricolore) è d’autore

Arte e vino: un binomio che lo street artist italiano Teo KayKay sa coniugare alla perfezione. Lo fa con i suoi ferri del mestiere: bombolette, pennarelli e tanti colori. Dalla sua mano e dalla sua creatività nascono etichette davvero d’autore. Ci siamo fatti raccontare del suo ultimo progetto: la limited edition da poco firmata per Signorvino.

L’uomo mascherato, ben prima che le circostanze lo imponessero a tutti, che personalizza le bollicine. Grazie a un tocco di strada, che trasforma le bottiglie dei vini più pregiati in vere e proprie opere d’arte. Esattamente come nel caso della sua ultima collaborazione, quella con l’enocatena Signorvino, per cui ha firmato una nuova esclusivissima limited edition, etichetta di cui vi abbiamo raccontato. Ma come nasce il progetto? Lo abbiamo chiesto al suo autore: “l’artista”, Teo KayKay.

Dopo tante personalizzazioni di bottiglie di Champagne, che ti hanno fatto conoscere da New York a Parigi, da Berlino a Los Angeles, come prende forma questa tua ultima collaborazione?

30 pezzi unici in vendita dal 13 novembre: è davvero esclusiva la  limited edition firmata Teo KayKay per Signorvino
30 pezzi unici in vendita dal 13 novembre: è davvero esclusiva l’ultima limited edition firmata Teo KayKay per Signorvino

Da un incontro, questa volta, nel segno della più bella italianità. Perché è proprio di un progetto 100% italiano quel di cui parliamo, che vede nascere una stupenda partnership tra grandi realtà e che trova il suo fondamento sui due cardini dell’amore per l’Italia e della voglia d’innovare attraverso la street art. E così, è sbocciata un’inedita idea che vede coinvolti Signorvino, l’enocatena che vende esclusivamente vini italiani, il sottoscritto, Teo KayKay, che non è un artista americano, a dispetto di quel che in tanti spesso pensano, ma 100% “born and raised in Italy”, e Giulio Ferrari, icona delle bollicine del nostro paese. È quindi un’operazione che batte bandiera tricolore. Ed è soprattutto un messaggio che, insieme, abbiamo voluto inviare a tutti i nostri concittadini: di essere forti, ma soprattutto uniti, proprio come abbiamo fatto noi.

Ma, in una frase, chi si cela dietro la maschera di Teo KayKay?

Uno street artist che ha cominciato a esercitarsi coi primi graffiti nell’ormai lontano 1996.

Un’artista che da allora ha fatto tanta strada e oggi è conosciuto in tutto il mondo per le sue preziose personalizzazioni all’insegna del lusso: qual è il processo creativo che sta dietro quest’ultima opera targata Signorvino?

Tutto ruota attorno alla bandiera italiana. Un soggetto che ho presentato ovviamente in stile street art, arricchendolo di diamanti, in contrasto, disegnati sopra. Quest’ultimo dettaglio è molto importante: le mie sono sempre tutte opere realizzate a mano. Parliamo, di conseguenza, di un processo di personalizzazione abbastanza lungo, proprio come in questo caso. E ogni bottiglia, poi, differisce dall’altra: esattamente come in questa esclusiva limited edition in soli 30 pezzi. Si tratta davvero di opere d’arte uniche, che vogliono ergersi a simbolo in un particolare e complicato frangente storico che la nostra Italia sta vivendo. Ed è una risposta quella che vogliamo dare, indirizzando un messaggio di positività che possa raggiungere proprio tutti.

Per la nuova esclusiva creazione, la scelta dello street artisti Teo KayKay è ricaduta su un simbolo delle bollicine italiane: il Giulio Ferrari
Per la nuova esclusiva creazione, la scelta dello street artisti Teo KayKay è ricaduta su un simbolo delle bollicine italiane: il Giulio Ferrari

Perché la scelta è ricaduta sul Giulio Ferrari per questa tua ultima personalizzazione?

Perché Giulio Ferrari è un’etichetta simbolo: una bottiglia altamente esclusiva da acquistare. Disegnata da me, poi, diviene ancor più rara. È un pezzo unico, da avere assolutamente per chi ama l’italianità e la leggerezza creativa di personalizzazioni che aggiungono valore anche alla bottiglia più prestigiosa. È un vero pezzo d’arte, da non lasciarsi sfuggire. Ogni bottiglia, ovviamente, è corredata da un certificato di autenticità e, anche, da una speciale tessera, di cui non posso, però, ancora svelare quale sorpresa contenga.

Ma dopo questa esclusiva limited edition in soli 30 pezzi per Signorvino, ne arriveranno altre firmate Teo KayKay?

Abbiamo voluto creare un connubio che punta a non fermarsi a questo progetto. Chissà, infatti, che questa unione, tra un’azienda simbolo e un negozio 100% italiani nel segno della street art, non porti a qualche altra sorpresa in futuro. Vedremo…

2 pensieri su “WineCouture meets Teo KayKay: se l’etichetta (tricolore) è d’autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto