banfi.it
banner
  • Eventi
  • top

#WelcomeOltrepo: le eccellenze pavesi fanno squadra per raccontarsi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Dello stesso argomento

banner

Il comparto enoagroalimentare pavese sceglie di giocare di squadra con #WelcomeOltrepo. Prende così il via un nuovo progetto sinergico per la valorizzazione economica ed enoturistica di uno degli angoli più vocati del buon bere e del ben mangiare di Lombardia. Una task force inedita, che vede il mondo del vino oltrepadano, rappresentato dal Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese, dal Distretto del Vino di Qualità dell’Oltrepò Pavese e dal Consorzio Club Buttafuoco Storico, mettere da parte le incomprensioni del passato e, con il sostegno delle istituzioni e della Camera di Commercio di Pavia, farsi capofila di una nuova importante iniziativa di marketing territoriale. L’obiettivo: far uscire allo scoperto le innumerevoli eccellenze di un territorio carico di storia grazie ad azioni concrete capaci di dare vita ad una nuova rete comune, forte e costruttiva, tanto lato fisico, quanto digitale.

Quattro azioni sinergiche per l’Oltrepò Pavese del futuro

Promuovere e valorizzare un territorio in tutte le sue diverse sfumature ed eccellenze: questo l'obiettivo del progetto #WelcomeOltrepo
Promuovere e valorizzare un territorio in tutte le sue diverse sfumature ed eccellenze: questo l’obiettivo del progetto #WelcomeOltrepo

Un progetto multicanale volto a creare una dinamica virtuosa capace di rilanciare l’intero territorio pavese fortemente toccato dalla crisi legata all’emergenza Covid-19. Mettendo al centro il vino e orientando le aziende in una direzione che gli permetta di fronteggiare la crisi, restare competitive, ma soprattutto ridefinire il posizionamento all’interno della catena del valore. È questo quanto si propongono le nuove iniziative dedicate alla promozione e valorizzazione dell’immenso patrimonio dell’Oltrepò che sono state portate avanti in questi ultimi mesi e che andranno ad assumere ulteriore vigore e slancio nel nuovo anno.

Il percorso si compone di quattro azioni sinergiche tra loro per far conoscere al pubblico di appassionati e turisti che ogni anno frequentano le valli dell’Oltrepò Pavese, il ricco patrimonio di vini e prodotti tipici della zona. Ma in prima fila anche le botteghe storiche e i luoghi dove sostare per una merenda o una cena in locali che lavorano prodotti a chilometro zero, oltre che gli alberghi e gli agriturismi per una notte di riposo.

#WelcomeOltrepo si basa su azioni sinergiche per raccontare il patrimonio di vini e prodotti tipici oltrepadani, ma anche locali, botteghe storiche, alberghi e agriturismi che concorrono all'accoglienza di turisti e appassionati nel territorio
WelcomeOltrepo si basa su azioni sinergiche per raccontare il patrimonio di vini e prodotti tipici oltrepadani, ma anche locali, botteghe storiche, alberghi e agriturismi che concorrono all’accoglienza di turisti e appassionati nel territorio

Vite e Vino, Autunno Pavese in Tour, Oltrepò Food & Wine, A Pavia si beve Oltrepò: questi i nomi delle quattro direttrici che prenderà il progetto di promozione e valorizzazione delle eccellenze oltrepadane.

“Vite e Vino: cultura ed esperienza” è una guida 2.0 al turismo slow nella provincia pavese attraverso un’app, compatibile sia con telefoni iOs sia Android, completa di 15 itinerari differenti. Al suo interno: percorsi enogastronomici, luoghi dove sostare, orari di apertura e tutti i riferimenti necessari, con telefono, e-mail e sito web. I percorsi sono pensati per poter essere comodamente seguiti in autonomia, in automobile, a piedi, in bicicletta e perfino a cavallo. 

“Autunno Pavese in Tour” è, invece, un sistema di azioni e di incontri virtuali per fare crescere il vino dell’Oltrepò nel mondo. Il tradizionale evento Autunno Pavese è stato, infatti, totalmente ripensato e adattato alle nuove esigenze con una inedita formula “in Tour”: diffusa, quindi, itinerante attraverso 40 aziende storiche della provincia di Pavia che hanno aperto le porte a visitatori e operatori del settore. Oltre mille persone hanno partecipato alle iniziative in calendario, e in complesso la campagna social creata a sostegno ha raggiunto circa 560mila persone, localizzate soprattutto in Lombardia (460mila contatti) e nelle regioni limitrofe, in particolare Emilia-Romagna, Liguria e Piemonte. Non solo visite e scoperta ma anche incontri virtuali B2B: grazie alla collaborazione delle Camere di Commercio italiane in Europa, un gruppo di imprese selezionate del territorio hanno partecipato a 52 meeting virtuali molto proficui con 16 buyer europei, collegati da Francia, Paesi Bassi, Danimarca e Germania. 

“Oltrepò Food & Wine” è, poi, una serie di tre inediti appuntamenti per gustare e scoprire l’Oltrepò che mira a sopperire l’impossibilità di organizzare nell’attuale contesto storico grandi eventi in presenza. I giornalisti enogastronomici Paolo Massobrio e Marco Gatti accompagnano oltre 300 opinion leader, giornalisti food&wine e blogger, alla scoperta della storia vitivinicola dell’Oltrepò, andando a raccontare la storia di alcune delle specialità del territorio e trasformando ogni ospite in un vero e proprio ambasciatore del territorio.

Anche WineCouture è stato ospite degli appuntamenti “Oltrepò Food & Wine”, iniziativa che fa parte del progetto #WelcomeOltrepo
Anche WineCouture è stato ospite degli appuntamenti “Oltrepò Food & Wine”, iniziativa che fa parte del progetto #WelcomeOltrepo

Infine, “A Pavia si beve Oltrepò” è una campagna di marketing territoriale che nasce con l’obiettivo di fare cultura del vino dell’Oltrepò. Un’operazione ingente, che passa attraverso un portale dedicato e destinato a raccogliere notizie e curiosità sulle produzioni pavesi e tutte le informazioni utili al consumatore per orientarsi con più facilità nelle proprie scelte. A corredo, prevista anche un’ampia azione sul territorio per coinvolgere i gestori dei locali nel servizio dei vini delle aziende dell’Oltrepò con sinergie informative e promozionali.

“A Pavia si beve Oltrepò” è la campagna di marketing territoriale di #WelcomeOltrepo che nasce con l’obiettivo di fare cultura del vino oltrepadano a sostegno di sinergie informative e promozionali
“A Pavia si beve Oltrepò” è la campagna di marketing territoriale che nasce con l’obiettivo di fare cultura del vino oltrepadano a sostegno di sinergie informative e promozionali

#WelcomeOltrepo: una coralità per superare i limiti 

La sfida è quella di riuscire a far conoscere un’area rurale che non solo fotografa un mosaico di vigne, ma che è ricca di produzioni, specificità locali e di un patrimonio culturale, materiale e immateriale, in grado rendere molto attrattivo questo territorio e di favorire una diffusa cultura dell’accoglienza”, spiega Giovanni Merlino, commissario straordinario della Camera di Commercio di Pavia. 

Il nostro intento è quello di far conoscere la qualità e l’unicità del nostro territorio in una coralità che mantenga le identità di ognuno, ma che consenta di superare i limiti che i piccoli hanno, lasciando che siano i prodotti ad essere ambasciatori”.

Riuscire a far conoscere un’area rurale che non solo fotografa un mosaico di vigne: questa la sfida di #WelcomeOltrepo
Riuscire a far conoscere un’area rurale che non solo fotografa un mosaico di vigne: questa la sfida di #WelcomeOltrepo

Un’iniziativa, quella di #WelcomeOltrepo, che ha trovato il plauso e il sostegno della stessa Regione Lombardia, come spiega Fabio Rolfi, assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi: 

L’Oltrepò pavese è il primo territorio lombardo per produzione vitivinicola e la Regione sta investendo su questo comparto al fine di creare indotto economico e una completa valorizzazione di tutta la zona. La scelta vincente è quella di comunicare meglio all’esterno la qualità dei vini e creare una unione indissolubile tra etichette e aree produttive, migliorando così la narrazione dei prodotti”. 

“Le novità gestionali introdotte in questi anni e una nuova consapevolezza delle proprie potenzialità da parte di tutti gli attori coinvolti stanno contribuendo in maniera decisa e concreta a costruire l’Oltrepò Pavese del futuro”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
banner
banner
banner
banner