https://www.banfi.it/it/
banner
  • top
  • Trade

C’è chi non si arrende: a Milano, new look e quinta location per Quore Italiano

Dello stesso argomento

Nuovo concept, mood contemporaneo e un menù ispirato alla cucina regionale italiana: si presenta così, all’alba del 2021, Quore Italiano. In un momento difficile per il mondo della ristorazione, l’imprenditore Marcello Rizza non lascia, ma raddoppia, dando forma a un ambizioso progetto. Inaugurata a due passi da Piazza Gae Aulenti la quinta location milanese dell’insegna, che dal 2013 fa della pasta fresca e della pizza il “quore” della propria offerta. Un opening diverso, senza grandi festeggiamenti come è ovvio che sia in questo periodo, ma con un attento focus sul delivery, in attesa di poter aprire al pubblico.

New look e location per Quore Italiano

Il nuovo Quore Italiano, al civico 2 di via Vincenzo Capelli, è caratterizzato da un look che rispecchia il fermento del quartiere. Moderno e accogliente, il locale presenta imponenti vetrate che rendono quasi impercettibile lo stacco in&out, lasciando intravedere l’atmosfera interna. Tutte caratteristiche che, una volta aperto, lo candidano a diventare un punto di riferimento per coloro che vogliono concedersi un momento di pausa dal lavoro o dallo shopping. 

Un menù in modalità delivery

Nel frattempo, il nuovo menù creato dall’executive chef Francesco De Marco è già disponibile a pranzo e a cena in modalità delivery e ha tra i suoi punti di forza la pasta fresca, la pizza e i salumi emiliani con lo gnocco fritto. A capo della brigata di cucina Tymur Isayev, ex Dry Milano, realizza piatti che rendono omaggio alla tradizione gastronomica italiana, ma con un twist più contemporaneo.

La selezione di primi, ordinabili direttamente a casa tramite le principali piattaforme di delivery, vede grandi classici, come le tagliatelle con ragù di Chianina, accanto a ricette più originali, come i tortelli di zucca serviti con burro nocciola.

Tra i primi di Quore Italiano, grandi classici come i Cappelletti in brodo
Tra i primi di Quore Italiano, grandi classici come i Cappelletti in brodo

Classiche o alla pala, le pizze di Quore Italiano. Realizzate con un impasto di farina semi-integrale biologica macinata a pietra e lasciate lievitare per almeno 72 ore, rappresentano invece una naturale prosecuzione della lista dei primi piatti e sono caratterizzate da un’ampia varietà di topping per un’esperienza di cucina autentica. 

Classiche o alla pala, le pizze di Quore Italiano sono una naturale prosecuzione della lista dei primi piatti
Classiche o alla pala, le pizze di Quore Italiano sono una naturale prosecuzione della lista dei primi piatti

La nuova scommessa di Marcello Rizza e Giuseppe Beani

In attesa di poter aprire al pubblico in maniera stabile, l’opening della quinta esclusiva location racconta il nuovo corso dell’insegna fondata da Marcello Rizza e Giuseppe Beani. Con il rebranding di Quore Italiano, i due imprenditori del settore della ristorazione portano, infatti, a compimento un altro progetto ambizioso, attraverso un concept che presenta una squadra professionalmente di livello e all’altezza delle aspettative del rinnovato percorso, al quale si adegueranno presto anche gli altri locali dell’insegna.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »