https://www.rotari.it/it
BANNER
  • Eventi
  • top

Radici del Sud: tutti i vini premiati per il 2020

Dello stesso argomento

BANNER

Sono 60 le etichette premiate da Radici del Sud, concorso dei vini del Sud Italia che si è svolto da venerdì 26 a domenica 28 febbraio al Castello di Sannicandro di Bari. Le due giurie, composte interamente da giornalisti e addetti ai lavori italiani e stranieri che vivono nel nostro Paese, hanno degustato più di 300 campioni inviati da oltre 125 aziende e provenienti da Sardegna, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Campania e Sicilia.

Il “recupero” dell’edizione 2020 svela le potenzialità d’invecchiamento delle produzioni in gara

L’appuntamento con la prossima edizione di Radici del Sud sarà dal 9 al 14 giugno prossimi
L’appuntamento con la prossima edizione di Radici del Sud sarà dal 9 al 14 giugno prossimi

In occasione del concorso di Radici del Sud, decretato un unico premio con un primo, secondo e terzo classificato per ogni batteria di vino e in aggiunta i migliori tre biologici del Sud. I giudici hanno evidenziato come dalle degustazioni sia emersa la grande attitudine delle produzioni in gara all’invecchiamento. 

Sottolinea Nicola Campanile, organizzatore della manifestazione:

“La considerazione principale risultata da questi due giorni di confronto è la splendida forma in cui i giudici hanno trovato i vini degustati, considerando che erano stati inviati ancora nel 2020 per l’edizione che doveva svolgersi a giugno”. 

L’ottima conservazione e un tempo di affinamento più lungo hanno fatto emergere un’evoluzione inaspettata in quasi tutti i vini. Questo a dimostrazione del fatto che sia i bianchi che i rosati del Sud hanno grandi potenzialità per un mercato sempre più pronto al consumo di vini invecchiati”. 

In occasione del concorso di Radici del Sud, decretato un unico premio con un primo, secondo e terzo classificato per ogni batteria di vino e in aggiunta i migliori tre biologici del Sud
In occasione del concorso di Radici del Sud, decretato un unico premio con un primo, secondo e terzo classificato per ogni batteria di vino e in aggiunta i migliori tre biologici del Sud

Le giurie hanno visto impegnati nelle valutazioni: 

Antonio Tomacelli, giornalista e presidente di giuria numero uno; Genny Van Gomez, giornalista; Franco Santini, giornalista; Maurizio Gily, agronomo e divulgatore scientifico; Paolo Frugoni, buyer; Leonardo Palumbo, enologo. 

Maurizio Valeriani, giornalista e presidente di giuria numero due; Marco Sciarrini, giornalista; Maurizio Gabriele, giornalista; Katarina Andersson, giornalista; Carlotta Salvini, sommelier Fisar; Lino Carparelli, enologo.

L’appuntamento con la prossima edizione di Radici del Sud sarà dal 9 al 14 giugno, dove emergenza permettendo, la manifestazione riprenderà le attività in calendario e si svolgerà come negli anni passati.

I vini vincitori di Radici del Sud per categorie

Spumanti Bianchi

  1. Centocamere Bianco, Barone G.R. Macrì, Calabria, 2019
  2. Isotteo, Coppi Casa Vinicola, Puglia, 2018
  3. Spumante Brut, Coppola1971, Sicilia

Spumanti Rosé

  1. Neroventuno Spumante Brut, Coppola1971, Sicilia, 2019
  2. Lampyris, Caiaffa Vini, Puglia, 2019, Bio
  3. Animanera, Rossovermiglio, Campania

Falanghina

  1. Falerno Del Massico Dop Bianco, Villa Matilde Avallone, Campania, 2019
  2. Grande Farnia, Iovino Azienda Agricola Vitivinicola, Campania, 2019
  3. Ex Aequo – Nobiles, L’antica Cantina, Puglia, 2019 / Rossovermiglio Falanghina del Sannio, Rossovermiglio, Campania, 2018

Greco

  1. Calpazio, San Salvatore 1988, Campania, 2019, Bio
  2. Rèfulu, Casa Comerci, Calabria, 2019, Bio
  3. Greco di Tufo Claudio Quarta, Sanpaolo di Claudio Quarta Vignaiolo, Campania, 2019

Vermentino

  1. Ex Aequo – Contissa, Cantina Trexenta, Sardegna, 2019 / Bianco Smeraldo 2018, Unmaredivino di Sini Gioacchino, Sardegna, 2018
  2. Capichera, Capichera, Sardegna, 2018
  3. Cala Silente, Cantina Santadi, Sardegna, 2019

Fiano

  1. Fiano Di Avellino Docg, Sanpaolo di Claudio Quarta Vignaiolo, Campania, 2019
  2. Torre Del Falco Fiano Puglia Igt, Torrevento, Puglia, 2019
  3. Ziopì, Tenuta Massanova, Campania, 2019

Gruppo misto vini bianchi

  1. Funtanafrisca, Fradiles Vitivinicola, Sardegna, 2019
  2. Ex Aequo – Verbo Malvasia, Cantina di Venosa, Basilicata, 2019, Bio / Minutolo Alture, Cantine Paololeo, Puglia, 2018 / Adènzia Bianco, Baglio del Cristo di Campobello, Sicilia, 2019
  3. Ex Aequo – Costa Del Mulino Abruzzo Cococciola Doc, Cantina Frentana, Abruzzo, 2019 / Pecorino Pasetti, Pasetti, Abruzzo, 2019

Rosati del Sud

  1. Lamezia Doc Rosato, Statti, Calabria, 2019
  2. Terre di Orazio, Cantine di Venosa, Basilicata, 2014
  3. Veritas Castel Del Monte Bombino Nero Docg, Torrevento, Puglia, 2019

Gruppo misto vini rossi

  1. Benanti Contrada Cavaliere, Etna Doc Rosso, Benanti, Sicilia, 2018
  2. Etna Rosso Doc, Neri Agricoltura dell’Etna, Sicilia, 2018
  3. Fervore, Terre Di Balbia Viticoltori in Altomonte, Calabria, 2016, Bio

Montepulciano

  1. Ex Aequo – Ritorna Montepulciano d’Abruzzo Doc, Azienda Agricola Giovenzo, Abruzzo, 2018 / Montepulciano d’Abruzzo Doc Malandrino, Cataldi Madonna, Abruzzo, 2018
  2. Montepulciano d’Abruzzo, Tenuta Tre Gemme, Abruzzo, 2017
  3. Fosso Cancelli, Ciavolich, Abruzzo, 2015

Primitivo

  1. Collezione Privata Cosimo Varvaglione, Varvaglione 1921, Puglia, 2016
  2. Patrunale Collezione Privata, Vinicola Palamà, Puglia, 2016
  3. Busa, Madri Leone, Puglia, 2019

Cannonau

  1. Mamuthone, Giuseppe Sedilesu, Sardegna, 2017, Bio
  2. Nurule, Cantina Dorgali, Sardegna, 2015
  3. Ex Aequo – Jankara Cannonau di Sardegna Doc, Jankara, Sardegna, 2018 / Cannonau di Sardegna Nero Smeraldo, Unmaredivino di Sini Gioacchino, Sardegna, 2018

Aglianico

  1. Terra Aspra Aglianico Igp Basilicata, Tenuta Marino, Basilicata, 2013, Bio
  2. Aragona, Cantine Kandea, Puglia, 2013
  3. Forentum Docg, Vitis In Vulture, Basilicata, 2016

Taurasi (Aglianico)

  1. Taurasi, Boccella Rosa, Campania, 2015
  2. Horus Taurasi Riserva Docg, Canonico & Santoli, Campania, 2015
  3. Pentamerone, Cantine Delite, Campania, 2015, Bio

Vino Bio

  1. Mamuthone, Giuseppe Sedilesu, Sardegna, 2017, Bio
  2. Fervore, Terre di Balbia Viticoltori in Altomonte, Calabria, 2016, Bio
  3. Terra Aspra Aglianico Igp Basilicata, Tenuta Marino, Basilicata, 2013, Bio
banner
BANNER
banner
banner
BANNER