Export di vino made in Italy: trimestre in chiaroscuro, ma il vento è cambiato

Risultati in chiaroscuro per l’Italia del vino sul fronte internazionale. Almeno se si guardano i numeri generali dell’export nel primo trimestre 2021. Il Belpaese chiude infatti il primo “traguardo volante” dell’anno facendo segnare un saldo cumulato negativo del 4% a valore e dell’8,2% a volume. Ma nonostante la pandemia e le difficoltà logistiche e di trasporti che affliggono da tempo il commercio internazionale, l’Italia ha comunque da che guardare al futuro con ottimismo. Almeno, guardando i trend.

I trend per export di vino italiano nel primo trimestre 2021
I trend per l’export di vino italiano nel primo trimestre 2021

Tutti i numeri dell’export del primo trimestre 2021

Sono le elaborazioni Ismea e Unione Italiana Vini (Uiv) sui dati Istat relativi all’export di settore a evidenziare come, nel primo trimestre del 2021, il saldo cumulato dal vino tricolore è negativo del 4% a valore e dell’8,2% a volume.

Su, tuttavia, si fissa l’orizzonte sulle cifre dei singoli mesi, agli occhi balza una curva in netto miglioramento: in volume, infatti, si è passati da -19% di gennaio al -11% di febbraio, per arrivare a saldo zero a marzo, con i frizzanti e fermi imbottigliati in scia positiva, a +7%. Sul valore, tendenza ancora migliore: il totale vino nel singolo mese di marzo arriva a +12%, dopo essere passato dal -21% di gennaio al -5% di febbraio. E ancora: spumanti che da -16% di inizio anno arrivano a +3% e imbottigliati fermi e frizzanti che da -23% risorgono a +16%.

Anche sui principali mercati di esportazione le tendenze sono per lo più simili: negli Stati Uniti, per esempio, la spumantistica archivia il cumulato trimestrale in positivo, con il Prosecco addirittura a +11% volume. I vini fermi e frizzanti confezionati, poi, pur chiudendo in passivo l’aggregato trimestrale (-7%), registrano un incoraggiante percorso in crescita, sia in volume sia in valore: dal -44% di gennaio, che rappresenta dato spiegabile nel confronto con la forte richiesta degli importatori Usa di un anno fa per i timori di un eventuale inserimento dell’Italia nel carosello tariffario, al +21% di marzo.

Numeri e trend dell’export italiano di vino per segmento qualitativo

 Gen-Mar 20Gen-Mar 21Ettolitri Var.%Gen-Mar 20Gen-Mar 21Migliaia di euro
Var.%
Dop2.375.3142.300.034-3,2963.750926.191-3,9
Fermi1.533.2221.443.101-5,9645.055619.879-3,9
Frizzanti  145.427129.397-11,040.87234.275-16,1
Spumanti696.666727.5354,4277.823272.037-2,1
Igp1.236.0831.222.664-1,1357.547348.892-2,4
Fermi1.037.895 1.046.1150,8312.040309.028-1,0
Frizzanti177.013160.165-9,539.18634.833-11,1
Spumanti21.175 16.384-22,66.3205.032-20,4
Comuni1.132.585 925.436-18,3128.080114.958-10,2
Fermi912.042746.807-18,178.31970.451-10,0
Frizzanti88.14075.120-14,817.18213.919-19,0
Spumanti132.404103.509-21,832.57930.588-6,1
Varietali208.108125.040-39,928.26424.241-14,2
Fermi174.79093.760-46,419.11415.110-20,9
Frizzanti5.7583.038-47,21.199951-20,6
Spumanti27.56028.2422,57.9518.1802,9
Altre Dop+Igp17.20719.58713,814.73918.75027,2
Mosti80.44443.153-46,411.59911.6750,7
Totale5.049.7424.635.914-8,21.503.9781.444.708-3,9

Fonte: Ismea/Uiv su dati Istat

Un pensiero su “Export di vino made in Italy: trimestre in chiaroscuro, ma il vento è cambiato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto