Italia del vino, i numeri della ripresa: a fine 2021 rimbalzo del 9%

Dal lockdown al pieno rilancio, ma non prima del 2022. Dopo l’anno della pandemia, che è costato al settore un crollo medio dei fatturati del 15% (fonte dell’Ufficio Studi Cia e dell’Osservatorio Uiv), il vino made in Italy ha innescato la risalita e per fine 2021 è atteso un rimbalzo del 9%. Ma per tornare ai livelli pre-Covid, vale a dire a quei 13 miliardi di euro di valore alla produzione del 2019, la strada da fare è ancora lunga. Questo lo scenario delineato in occasione del secondo Forum Nazionale Vitivinicolo 2021 promosso da Cia-Agricoltori Italiani in collaborazione con Unione Italiana Vini. Andato in scena ieri a Roma, all’Ara Pacis, alla presenza anche del ministro delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli, l’appuntamento ha visto la ripresa al centro del confronto.

Al Forum Nazionale Vitivinicolo 2021 promosso da Cia-Agricoltori Italiani in collaborazione con Unione Italiana Vini al centro del dibattito la ripresa del settore dopo l'anno della pandemia
Al Forum Nazionale Vitivinicolo 2021 promosso da Cia-Agricoltori Italiani in collaborazione con Unione Italiana Vini al centro del dibattito la ripresa del settore dopo l’anno della pandemia

La ripresa passa da e-commerce, Cina e boom dei rosé

Si deve dunque attendere ancora per riprendere a correre per il vino. La svolta avverrà soltanto a seguito della stabile ripresa della ristorazione e del turismo, così come del commercio mondiale, confidando che la variante Delta non imponga nuove restrizioni. 

Nel frattempo, serve puntare su nuovi canali, mercati e trend. Scommettendo sull’e-commerce (+120% nei primi sei mesi del 2021), sull’export in Paesi strategici come la Cina (+22% nel primo quadrimestre) e sul boom del vino rosato, che si affianca a quello delle bollicine italiane, avviate verso 1 miliardo di bottiglie prodotte entro i prossimi tre anni.

La débâcle 2020: le cifre definitive

Lo stato dell’arte evidenzia come, per colpa delle chiusure, il vino italiano abbia perso nel 2020 circa un quarto del proprio business sul mercato interno, pari a più di 3 miliardi di euro, con i picchi negativi registrati sul fronte della ristorazione (-40%) e delle enoteche (-23%). 

Le perdite per il lungo stop al consumo fuori casa sono state solo in parte compensate da quello tra le mura domestiche, con l’aumento degli acquisti di vino nella Gdo (+12%), insieme alla sostanziale tenuta delle esportazioni, che hanno perso il 2,3% sul 2019 a 6,3 miliardi di euro, con una contrazione notevolmente inferiore rispetto agli altri Paesi esportatori (-20,4%). 

Quanto all’anno in corso, secondo Cia e Uiv, le previsioni per il vino tricolore sono di chiudere il 2021 con un giro d’affari di circa 11 miliardi di euro, mantenendo intatto il secondo posto nella classifica globale dei maggiori Paesi esportatori, dopo la Francia, con una quota del 20% sul totale del vino esportato nel mondo. 

Vino italiano in ripresa in questo 2021: le stime indicano di una chiusura d'anno che condurrà a un giro d’affari di circa 11 miliardi di euro
Vino italiano in ripresa in questo 2021: le stime indicano di una chiusura d’anno che condurrà a un giro d’affari di circa 11 miliardi di euro

Vino made in Italy: da dove parte la ripresa

Dal settore vino, però, arrivano forti segnali di ripartenza, anche grazie alle riaperture, e si comincia a riequilibrare anche il rapporto di forza tra off e on-trade, nel 2020 tutto sbilanciato sulla Grande distribuzione organizzata. 

Nella situazione attuale, infatti, escluso il rischio di nuovi stop legati alle varianti del virus, si stima che i consumi legati al canale Horeca cresceranno del 19% sul 2020, anche se il saldo resterà ancora passivo rispetto al 2019 (-26% pari a 4,6 miliardi), mentre nella Gdo l’aumento si attesterà al +8%. 

Positive le prospettive del vigneto Italia, con un potenziale produttivo in crescita fino a toccare gli 800mila ettari entro il 2025, anche per merito della Pac, con la proroga dei diritti d’impianto e nuove opportunità per migliaia di giovani.

Le nuove tendenze del vino da cavalcare

Intanto, per sostenere il rilancio post pandemia, è necessario cavalcare le nuove tendenze del vino. Come l’e-commerce e il coinvolgimento digitale. Dai dati Cia e Uiv, infatti, risulta che il 52% dei consumatori ha acquistato vino online per la prima volta durante il lockdown. Di questi, almeno il 40% continuerà a usare il canale web per la spesa, abitualmente o meno frequentemente, con una crescita di siti aziendali e portali dedicati del 75%. 

A guidare invece la ripresa delle esportazioni made in Italy saranno ancora una volta gli spumanti, che rappresentano quasi un quarto dell’export vinicolo nazionale, per un valore di circa 2 miliardi di euro, per il 70% grazie al sistema Prosecco. Una tendenza in crescita costante, tanto che si stima il raggiungimento di 1 miliardo di bottiglie di bollicine entro il 2024, ossia oltre il 30% in più dell’attuale produzione nazionale di 750 milioni di bottiglie. 

Accanto, il nuovo fenomeno dei rosati: 120 milioni di bottiglie solo nel 2020, per un valore di 450 milioni di euro, con un effetto traino del nuovo Prosecco Rosé superiore al +10%.

La ripresa passa anche dai nuovi trend da cavalcare: uno su tutti, quello dei rosé
La ripresa passa anche dai nuovi trend da cavalcare: uno su tutti, quello dei rosé

Obiettivo: competere sempre meglio sui mercati esteri

“La lunga crisi pandemica ha segnato un punto di rottura nel settore che, per un rilancio vero, ha bisogno di uscire dalla logica emergenziale dei ristori”, evidenzia Luca Brunelli, responsabile Cia-Agricoltori Italiani Area Politiche Vitivinicole. 

“Per superare l’impasse, è necessario puntare sulla promozione, utilizzando tutti i fondi e le risorse a disposizione, a livello nazionale e Ue, con l’obiettivo di competere sempre meglio sui mercati esteri”.

Gli fanno eco le parole di Dino Scanavino, presidente nazionale di Cia-Agricoltori Italiani:

“Bisogna prendere atto dei cambiamenti interni al mercato del vino a livello nazionale e internazionale, conoscere i nuovi player in campo, capire l’evoluzione delle esigenze dei consumatori. Ci vorrà tempo, ma sarà vera ripartenza solo cambiando metodo”. 

Serve fare squadra, ragionare in ottica di sistema, creare una filiera organica. Dobbiamo essere in grado di valorizzare l’unicità delle piccole e medie imprese, promotrici di territorio e cultura, puntare su alleanze nuove con il settore fieristico e più innovative e mirate modalità di scambio con i buyer esteri”.

Nel corso dell’incontro, anche il presidente di Unione Italiana Vini, Ernesto Abbona, ha rivolto il proprio appello alle istituzioni affinché sostengano gli sforzi compiuto dal settore e favoriscano la ripresa:

Chiediamo fortemente che lo strumento della Promozione Ue sia difeso a livello europeo, nell’ambito della riforma alla quale sta lavorando in questi mesi Bruxelles, in quanto le politiche proibizioniste della Commissione potrebbero escludere il vino e altri settori del nostro agroalimentare dai finanziamenti a favore della promozione dei prodotti agricoli”. 

“È fondamentale nei prossimi mesi far fronte comune per impedire questo disegno, facendo leva sul ruolo insostituibile del vino e delle sue Dop e Igp per lo sviluppo e la sostenibilità dei territori”. 

“Al ministro Patuanelli proponiamo inoltre di farsi promotore per l’avvio di una campagna internazionale di comunicazione istituzionale per il rilancio dell’immagine del nostro Paese attraverso la narrativa dei suoi territori vitivinicoli e delle sue tipicità agroalimentari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto