Zai Urban Winery partner della mostra del designer Andrea Bocca fino al 13 novembre

Dopo il successo della partnership con la Guarimba International Film Festival, il più grande festival del cortometraggio in Italia, l’azienda veronese Zai Urban Winery è beverage partner di Nutville. Ossia, la mostra personale dell’artista e designer Andrea Bocca.

In programma a Milano, dal 7 ottobre al 13 novembre presso lo spazio Riviera, in Via Gorani, 4, punto di incontro per creativi con background diversi, dove design e lifestyle trovano la loro naturale collocazione, sarà possibile ammirare questo nuovo allestimento dove la luce torna a essere protagonista dell’arte di Bocca.  La mostra è curata da Edoardo Monti, collezionista di origini bergamasche, fondatore del centro culturale e residenza d’artista Palazzo Monti. 

Una reinterpretazione di pezzi unici del design

Nello spazio Riviera, le grandi tende di cotone, Folding Screen 1 e Folding Screen 2 si impadroniscono di due angoli, arrotondandoli e creando uno spazio nello spazio che fa da scenografia a 3 lampade. Sul cotone color giallo pallido, sono state impresse immagini tramite la tecnica della cianotipia, una tecnica di stampa a contatto, mediante raggi UV, che richiede un negativo della stessa dimensione dell’immagine finale.

Le immagini impresse nascono da scannerizzazioni di cataloghi dei mobili di Charles e Ray Eames, maestri del design modernista. Manipolando luce e forme, Andrea Bocca reinterpreta pezzi di design iconico e il continuo e morbido movimento delle tende trasportano il pubblico in un’atmosfera che sa di cinema.

I cataloghi e i libri di riferimento si dispiegano nella stanza, diventando i frame di una scena sospesa nel tempo. A spezzare il paesaggio delle cianotipie, tre lampade scultura, due si protendono dal soffitto verso il basso e l’altra posizionata a terra. Agganciate alle strutture, lampadine ai vapori di sodio a bassa pressione che trasformano tutto in bianco e nero.

Zai Urban Winery: vini in degustazione

Una mostra che catapulta a Hollywood, nella Los Angeles degli anni ’60 e in tutte quelle città dove sono stati realizzati spazi ideali e all’interno della quale si inserisce la presenza di Zai Urban Winery come beverage partner dell’evento.

 I vini che saranno in degustazione durante la serata inaugurale del 7 ottobre sono Bubble e Lady Blendy. Le referenze di Zai incarnano storie ambientate in un futuro non troppo lontano: per l’esattezza nel 2150, anno che vede l’estinzione del 99% delle specie animali e vegetali, uva compresa, a causa del cambiamento climatico. Ogni lattina rimanda a un personaggio, protagonista di un viaggio incredibile per risolvere il mistero dell’antica profezia sul vino e salvare il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto