Di chi sono le etichette di vino più belle? Un italiano

Italia ancora una volta sul gradino più alto del podio in questo 2021. Ma stavolta si parla di vino: per la precisione di bottiglie ed etichette. E le più belle, secondo il giudizio del riconoscimento internazionale più prestigioso in tema, sono quelle di un italiano: Mario Di Paolo, che ha ricevuto il premio come Designer of the Year alla XV edizione dei Pentawards a Londra.

Mario Di Paolo Designer of the Year: batte 2mila candidati da 60 paesi

Dal 2007, Pentawards riconosce e premia l’eccellenza nel design del packaging a livello globale ed è il più prestigioso concorso internazionale del settore. 

Quest’anno, dopo aver valutato più di 2mila candidati da 60 paesi in tutto il mondo, la Giuria del concorso, composta da esperti di fama mondiale, ha riconosciuto all’italiano Mario Di Paolo quelle caratteristiche di innovazione e visione che lo rendono il miglior designer dell’anno. 

A Mario Di Paolo è stato assegnato il premio come Designer of the Year ai Pentawards 2021: sue alcune delle etichette più belle del concorso, come quelle del Villa Angela Velenosi in copertina
A Mario Di Paolo è stato assegnato il premio come Designer of the Year ai Pentawards 2021: sue alcune delle etichette più belle del concorso, come quelle del Villa Angela Velenosi in copertina

Spazio Di Paolo: in Abruzzo il regno delle etichette del vino più innovative

Il premio di packaging design più ambito del mondo prende dunque la strada dell’Abruzzo. Destinazione Spoltore, in provincia di Pescara, dove ha sede Spazio Di Paolo, realtà dall’approccio creativo e stilistico rivoluzionario, che oltrepassa l’idea tradizionale di agenzia di comunicazione. 

Contaminazione artistica, ricerca di motivazioni e significati inesplorati, analisi dettagliata del mercato e una profonda conoscenza tecnica del prodotto, della sua produzione dalla terra all’imbottigliamento e ancora dei processi di stampa e di dispensazione dell’etichetta fanno di Mario Di Paolo e del suo team dei veri trendsetter a livello globale. 

Al designer si devono infatti alcune delle più rivoluzionarie e recenti innovazioni nell’ambito della stampa industriale di etichette di alta gamma, che offrono ai brand owner nuovi linguaggi e possibilità di distinguersi sullo scaffale. Tra i lanci che poi si sono imposti sulle scene di tutto il mondo: etichette multistrato, pigmenti materici estratti da polvere lavica, gesso e terra, ma anche etichette tridimensionali che trasformano il packaging in vere e proprie sculture che interagiscono con lo spazio e il consumatore. 

Non solo Pentawards: 20 anni di successi per Mario Di Paolo

Una storia lunga oltre 20 anni, costellata di riconoscimenti in moltissime competizioni internazionali, che raggiunge un primo fondamentale traguardo nel 2016 con l’assegnazione del primo Pentaward Bronze Award all’etichetta Litos e che continua, ininterrotta, fino ad oggi con il premio Designer Of The Year 2021, il più ambito riconoscimento. 

Ma nel corso della recente edizione, da segnalare anche come tre creazioni di Spazio di Paolo abbiano brillato, per innovazione, creatività e visione, tra le selezioni della giuria: le etichette scultoree delle bottiglie Velenosi Villa Angela, Urciuolo Votiva, Urciuolo Dannami. 

“Nel 2012 il primo concorso di packaging design vinto, nel 2016 il primo Pentaward all’invenzione dell’etichetta con carte sovrapposte”, sottolinea Mario Di Paolo

Oggi, dopo 23 anni di lavoro, sono oltre 200 i premi di design internazionali vinti dai progetti di packaging che ho disegnato, ma tuttora l’emozione che provo è grande. Ogni riconoscimento è una vittoria per me e per Spazio Di Paolo. Ma il Design Of The Year di quest’anno valorizza soprattutto la Cultura, la Biodiversità e l’Arte italiane, un merito a tutti gli italiani che, come me, lavorano con passione per portare il made in Italy in tutto il mondo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto