Prosecco: mondo cooperativo in prima linea contro Prosek 

Anche il mondo cooperativo del vino italiano è sceso in campo a difesa del Prosecco. “Siamo in prima linea nel sostenere la procedura di opposizione alla richiesta di riconoscimento del Prosek, istanza che riteniamo lesiva per le filiere e per i territori viticoli delle tre produzioni Prosecco Doc e per le due Docg Conegliano Valdobbiadene Prosecco e Asolo Prosecco, un segmento di assoluto valore economico e territoriale nel quale la cooperazione esercita un ruolo di primo piano sia a livello produttivo che sotto il profilo commerciale”.

Così Luca Rigotti, coordinatore del settore vitivinicolo di Alleanza Cooperative Agroalimentare al termine dell’ultima riunione del gruppo di opposizione alla domanda di riconoscimento della menzione Prosek che si è svolta ieri a Venezia, alla presenza del sottosegretario alle Politiche Agricole Gian Marco Centinaio e al presidente della Regione Veneto, Luca Zaia per mettere a punto le linee e la strategia del procedimento di contestazione che sarà notificato alla Commissione europea.

Riconoscimento del Prosek è lesivo per le filiere e per i territori viticoli delle tre produzioni Prosecco Doc e per le due Docg Conegliano Valdobbiadene Prosecco e Asolo Prosecco, un segmento di assoluto valore economico e territoriale nel quale la cooperazione esercita un ruolo di primo piano
Riconoscimento del Prosek è lesivo per le filiere e per i territori viticoli delle tre produzioni Prosecco Doc e per le due Docg Conegliano Valdobbiadene Prosecco e Asolo Prosecco, un segmento di assoluto valore economico e territoriale nel quale la cooperazione esercita un ruolo di primo piano

Rigotti: “Rischio confusione per i consumatori e precedente pericoloso”

L’Alleanza Cooperative Agroalimentari ci tiene ad evidenziare come il caso Prosek violi i principi stabiliti a livello europeo, perché potenzialmente in grado di ingenerare confusione e di indurre in errore i consumatori che in taluni casi, ha ricordato Rigotti, “pur non conoscendo le caratteristiche dei prodotti Prosek e Prosecco, riconoscono, o credono di riconoscere, la notorietà del nome, corrispondente alla sua letterale traduzione”.

“Il fatto che il Prosek sia un vino ottenuto da uve appassite e non un vino spumante o frizzante non esclude pertanto”, prosegue Rigotti, “che tale circostanza non possa ingenerare confusione nel consumatore, anche considerando le recenti pronunce della Corte di Giustizia europea che in più occasioni ha garantito un ampio raggio di tutela delle Dop e delle Igp, esteso a tutti gli usi, compresi tra l’altro i servizi e non solo i prodotti, come indicato nella sentenza Champanillo, che sfruttano la notorietà dei nomi protetti”.

“Il caso Prosek”, conclude Rigotti, “potrebbe rappresentare un precedente pericoloso ed un grimaldello per indebolire in futuro altre filiere territoriali Dop e Igp”. 

“Per questo abbiamo apprezzato l’azione unitaria e coordinata tra il Governo, il Ministero delle politiche agricole, che ha attivato uno specifico tavolo di lavoro, nonché le Regioni, i Consorzi di tutela e le altre associazioni ed organizzazioni del settore vitivinicolo”.

2 pensieri su “Prosecco: mondo cooperativo in prima linea contro Prosek 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto