In memoria di Roberto Felluga: il ricordo di Wine Couture

Marco, Roberto e Ilaria. Tre nomi, tre volti, un cognome unico: Felluga. Marco, Roberto e Ilaria Felluga, per chi scrive e fin dal primo incontro, hanno sempre rappresentato un unicum. Di padre in figlio, poi in nipote, tre generazione e un’unica – “più grande” – opera: quella di Marco Felluga e Russiz Superiore. Un simbolo del Collio. Un simbolo del Friuli del vino. Un simbolo del meglio del made in Italy. Ma prima di queste tre cose: Marco, Roberto e Ilaria Felluga, un unicum, una famiglia, quasi una filastrocca mandata a memoria in questi anni. Un po’ come quando ci si ricorda della Grande Inter: “Sarti, Burngnich, Facchetti. Bedin, Guarnieri, Picchi. Jair, Mazzola, Domenghini. Suarez, Corso”. Anche quello un unicum: e a distanza di decenni un ricordo che rimane, indelebile, di qualcosa che si è fatto “più grande” del singolo e, così, ancora oggi vive. 

Ecco, il preambolo e l’inciso “nazionalpopolare” per spiegare perché abbiamo atteso qualche ora per dare la notizia che ha colto tutti noi di WineCouture di sorpresa questo pomeriggio. Ci ha lasciato, a 63 anni, Roberto Felluga. 

Ma prima del vignaiolo Roberto Felluga, che è stato parte del Rinascimento del vino friulano; prima dell’imprenditore Roberto Felluga, che ha saputo portare il nome della cantina di famiglia in giro per il mondo intero; prima dell’uomo Roberto Felluga attento alla sua terra, le colline del Collio, tanto da essersi sempre battuto per garantirne l’integrità; ecco, prima di tutto questo, ci ha lasciato Roberto Felluga, un amico. Di davvero tanti nel mondo del vino. E, lo diciamo con immensa gratitudine, anche di chi scrive e di tutti noi di WineCouture, cui ha sempre riservato, a ogni incontro, fosse al banchetto a Merano WineFestival o intorno al focolare di casa a Russiz Superiore, la più viva attenzione per quel che avevamo da condividere con lui, ma soprattutto una parola d’incoraggiamento per ogni idea e di apprezzamento per ogni riflessione. 

Ci ha lasciato Roberto Felluga e noi ci limiteremo a ricordarlo così, esattamente per quel che era: un amico. È infatti inutile oggi elencare tutto quel che ha fatto in questi anni alla guida della cantina di famiglia, prima a fianco del padre Marco e poi della figlia Ilaria. Semplicemente non serve: perché l’opera è lì a ricordarci di lui, indelebile e “più grande”.

E anche suo padre Marco, 94 anni, e sua figlia Ilaria, classe ’95, sono lì, a ricordarci di lui, con la stessa attenzione, gentilezza, amicizia, autorevolezza, semplicità.

Perché è sempre stato così: Marco, Roberto e Ilaria Felluga. E anche domani, quando torneremo a parlare di vino, ogni volta che che incontreremo una delle etichette Marco Felluga e Russiz Superiore, il pensiero andrà lì, a quell’unicum, indelebile e vivo come non mai: Marco, Roberto e Ilaria Felluga.

E allora: ciao Roberto, amico sincero, è stato un vero privilegio averti conosciuto.

Roberto Felluga e la figlia Ilaria, a Merano WineFestival 2019
Roberto Felluga e la figlia Ilaria, a Merano WineFestival 2019

Addio a Roberto Felluga: la comunicazione della famiglia

Di seguito riportiamo la comunicazione che la famiglia Felluga ha condiviso attraverso il profilo Facebook di Marco Felluga Russiz Superiore:

È con immenso dolore che comunichiamo la scomparsa di Roberto Felluga.

È venuto a mancare durante la notte dopo aver combattuto per mesi contro una tremenda malattia.

Roberto Felluga storico vignaiolo del Collio da anni alla guida delle due prestigiose cantine Marco Felluga – Russiz Superiore, con passione e competenza ha contribuito al loro successo nel panorama enologico internazionale riportando il Collio a un ruolo di primo piano anche fuori dai confini del Friuli Venezia Giulia e dell’Italia.

Attento padre e imprenditore, da tempo ha lasciato la guida delle aziende alla figlia Ilaria sicuro del sostegno del nonno Marco e dei collaboratori più stretti.

Si uniscono al dolore la cara moglie Elena, l’amata figlia Ilaria, il padre Marco, le sorelle Patrizia, Alessandra e i familiari tutti.

Il funerale si terrà in forma privata Lunedì.

Si celebrerà la messa in suffragio il giorno Martedì 16 Novembre alle ore 11:00 presso la Chiesa di Santo Spirito “Mercaduzzo” a Gradisca d’Isonzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto