Bottega ad Arabba: una nuova terrazza al rifugio Gorza

La cantina Bottega inaugura – in occasione della nuova stagione sciistica – una nuova terrazza al rifugio Gorza, situato a 2478 metri di altitudine in cima a Porta Vescovo. Uno spazio personalizzato di 150 metri quadrati dove si possono degustare i vini della cantina trevigiana, insieme a prodotti di stagione, focacce preparate in casa con farine di qualità e altre gustose pietanze.

In questo contesto accogliente, reso unico dal panorama a 360° sulle Dolomiti, è d’obbligo programmare una pausa per recuperare le forze e per concedersi un lunch o uno spuntino, arricchito da un calice di qualità. Bottega, che ha quattro secoli di storia nel mondo del vino e della grappa, è al tempo stesso una cantina e una distilleria.

Guidata da Barbara, Sandro e Stefano Bottega, ha sede a Bibano di Godega (in provincia di Treviso), 50 km a nord di Venezia, dove produce grappe, vini e liquori che si rivolgono a un target di livello alto e medio alto. La gamma dei vini Bottega comprende il Prosecco, tra cui il noto Bottega Gold, e altri spumanti di grande personalità. 

Bottega, il format delle terrazze

La terrazza Bottega al rifugio Gorza di Arabba arricchisce il ventaglio di location esclusive che in Italia e nel mondo hanno scelto di collaborare con il brand trevigiano nel segno dell’eccellenza in ambito enogastronomico.

Le terrazze Bottega sono affini ai Bottega Prosecco Bar, di cui rappresentano un’evoluzione studiata per gli spazi aperti e particolarmente apprezzata in tempo di pandemia.

Le terrazze hanno riscontrato grande successo in Gran Bretagna, negli ippodromi di Bath (in foto di copertina) e Windsor, e a Londra al 38° e 39° piano dell’Hotel Bokan, nel distretto finanziario di Canary Wharf.

Ad esse si affianca, per gli appassionati della neve, quella del rifugio Luigi Gorza, che si trova al centro dell’area Dolomiti Superski e che rappresenta un passaggio obbligato per il percorso Sellaronda Tour, conosciuto anche come Giro dei quattro passi. 

Sandro Bottega

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto