Laurent-Perrier Grand Siècle Iterazione N°25: il ritorno dell’annata perfetta

Quello di Grand Siècle Iterazione Champagne Grande Cuvée di Laurent-Perrier è caso unico nel suo genere. Si parla, infatti, di una Cuvée de Prestige che non si esprime però sotto forma di grande millesimato. È creazione al plurale: il frutto dell’assemblaggio non solo di vitigni, ma soprattutto di annate straordinarie – in numero di tre – differenti tra loro. Una ricerca del meglio di quel che la Champagne offre, per una tecnica dell’assemblage che, con Grand Siècle Iterazione Champagne Grande Cuvée, raggiunge la sua più alta espressione.

A certificarlo, una volta ancora, l’ultima edizione, la N°25, di cui siamo andati alla scoperta in anteprima, durante un pranzo sul palcoscenico del D’O di Cornaredo dello chef Davide Oldani, guidati da Lucie Pereyre de Nonancourt, quarta generazione della proprietà e brand ambassadeur di Grand Siècle: la bisnipote di Marie-Louise de Nonancourt, che nel 1939 acquisì la storica Maison nata a Tours-sur-Marne nel 1812, e nipote di quel Bernard de Nonancourt, vera leggenda della Champagne, che a partire dal dopoguerra trasformò il marchio in uno tra i più importanti al mondo.

Un debutto non in solitaria. Con la Cuvée de Prestige secondo Laurent-Perrier che si ripresenta accompagnata dalla “seconda vita” in Magnum dell’edizione N°23.

Lucie Pereyre de Nonancourt, quarta generazione della proprietà e brand ambassadeur di Grand Siècle Laurent-Perrier, insieme a Edouard Cossy, Global Director Grand Siècle e a Stefano Della Porta, direttore commerciale di Laurent-Perrier Italia
Lucie Pereyre de Nonancourt, quarta generazione della proprietà e brand ambassadeur di Grand Siècle Laurent-Perrier, insieme a, da sinistra, Edouard Cossy, Global Director Grand Siècle, e Stefano Della Porta, direttore commerciale di Laurent-Perrier Italia

La massima espressione dello Champagne secondo Laurent-Perrier

Quando ci riferiamo a Grand Siècle Iterazione, parliamo di una Grande Cuvée già pronta al suo arrivo nel calice. I 10 anni di affinamento minimi cui è chiamata, infatti, non sono indicativi della data di uscita, che varia, di edizione in edizione, a seconda dell’imprimatur seguito all’assaggio e alla valutazione da parte dello Chef de Cave e della proprietà. Solo allora Grand Siècle Iterazione si mostra al grande pubblico. Una platea di appassionati e intenditori, che godono costantemente della presenza di due edizioni in commercio: l’ultima in ordine numerico in bottiglia da 0,75 lt (oggi la N°25) e quella che fa il suo secondo “debutto” in Magnum (oggi la N°23), formato che da una parte chiama a più lunghi tempi di affinamento per via del suo maggior volume, dall’altro regala una complessità e un’evoluzione aromatica differente rispetto alla prima versione.

Con Grand Siècle Iterazione, dunque, Laurent-Perrier esplora davvero ogni piega del concetto di Cuvée de Prestige, vino che va sempre atteso per comprenderlo fino in fondo.

Eppure, in questo caso possiamo anche parlare di uno Champagne che nella sua edizione N°25 offre già spazio a una prima degustazione caratterizzata da un’esuberanza e una prontezza sorprendenti per un prodotto di questo genere.

La sede della Maison Laurent-Perrier
La sede della Maison Laurent-Perrier

Il primo assaggio di Grand Siècle Iterazione N°25 e N°23 Magnum: le impressioni

Scalpita l’ultima uscita di Grand Siècle Iterazione. Poi, alla preferenza di ciascuno è lasciata quella che Edouard Cossy, global director Grand Siècle, ha definito “la libertà di lasciare ulteriormente affinare ogni edizione”. Il gusto, infatti, può protendere verso la scelta d’immediatezza con una freschezza più accentuata o in direzione di una complessità aromatica più marcata e che cresce col tempo. Ma il bello di Grand Siècle Iterazione, nonché una delle sue principali caratteristiche, è la capacità di non perdere il tratto distintivo fresco, anche dopo molti anni di attesa in bottiglia.

Una caratterizzazione, quest’ultima, che più in generale definisce la firma Laurent-Perrier. Una Maison che ha scelto vinificazioni in solo acciaio per ricreare l’annata perfetta di Grand Siècle Iterazione, fin dal debutto del 1959. Un procedimento che dona finezza e offre una fotografia degli 11 dei 17 Grand Cru di Chardonnay e Pinot Noir selezionati per elaborare la Grande Cuvée.

Sono solo i terroir ritenuti adatti a contribuire alla causa a venir scelti in una degustazione che definisce l’assemblaggio di ciascuna edizione. Ma c’è di più: si parla infatti di micro vinificazioni distinte non solo vitigno per vitigno, ma avanti fino al vigneto e la singola parcella. E poi il tocco finale del dosaggio: 7 grammi per litro.

Da ultimo il segreto del tempo, dei formati e dei calici: perché tutti questi elementi contribuiscono ogni volta a rinnovare l’esperienza che si può fare nell’incontro con una nuova edizione di Grand Siècle Iterazione. Per la N°25, unione di 60% Chardonnay (Avize, Cramant, Oger, Le Mesnil-sur-Oger) e 40% Pinot Noir (Ambonnay, Bouzy, Verzy, Tours-sur-Marne, Mailly), 12 anni sui lieviti, in gioco sono entrate le annate 2006 (10%), 2007 (25%) e 2008 (65%).

Il risultato, al primo assaggio, racconta una complessità aromatica e una lunghezza chiare e identitarie. Ma, al contempo, anche un’immediata caratterizzazione di freschezza, con la nota di acidità che persiste. Esuberante, evolve in frutto tropicale. E nel raffronto con Grand Siècle Iterazione N°23 in Magnum, poi, si coglie tutto il fascino del lavoro fatto dalla Maison sulla Cuvée: una caratterizzazione aromatica più decisa, per uno Champagne, 14 anni sui lieviti, che nel suo assemblage di 56% Chardonnay e 42% Pinot Noir, da 2002 (15%), 2004 (20%) e 2006 (65%), oggi si presenta con un’anima più riservata e una rotondità e struttura di più spiccato impatto.

Da assaggiare? Senza dubbio, entrambe. Da conservare? Assolutamente, per scoprire soprattuto come nel tempo evolverà l’esuberanza di questa sorprendente Grand Siècle Iterazione N°25 Laurent-Perrier. 

Laurent-Perrier Grand Siècle Iterazione N°25 al suo esordio in Italia accompagnata dal debutto della Magnum dell'edizione N°23 (Ph. Giovanni Battista Righetti)
Laurent-Perrier Grand Siècle Iterazione N°25 al suo esordio in Italia accompagnata dal debutto della Magnum dell’edizione N°23 (Ph. Giovanni Battista Righetti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto