• Trend

Riunite & Civ resta cantina leader del vino italiano e brinda con Orietta Berti

BANNER

Tempo di bilanci anche per i numeri uno del vino italiano. Con l’Assemblea Generale di Cantine Riunite & Civ, svoltasi nei locali recentemente rinnovati delle Cantina di Albinea Canali, che ha approvato i numeri dell’esercizio chiuso al 31 luglio 2021. 

La Cooperativa, il cui capitale è suddiviso tra circa 1.500 soci produttori di uve e diverse cantine associate in Emilia-Romagna e Veneto, fa segnare un fatturato pari a 237 milioni di euro, in crescita di oltre il 5% rispetto all’esercizio precedente e confermando la propria leadership nei vini frizzanti emiliani, quali Lambrusco e Pignoletto, e nel Prosecco, grazie ai prodotti di Cantine Maschio.

Dunque, anche per quest’anno Cantine Riunite & Civ si conferma realtà leader del settore vitivinicolo tricolore per dimensioni, a fronte di un consolidato di Gruppo di oltre 620 milioni, cui contribuiscono anche le performance della controllata Gruppo Italiano Vini e delle società estere di distribuzione, tra le quali la francese Carniato e la statunitense Frederick Wildman and Sons.

Tutti i numeri del bilancio d’esercizio 2020/2021

L’esercizio 2020/2021 si chiude per Cantine Riunite & Civ con un margine operativo lordo pari all’8,7% del valore della produzione, corrispondente a oltre 21,5 milioni di euro, che consente alla Cooperativa di remunerare ai soci che nella vendemmia 2020 hanno conferito oltre 810 mila quintali di uva, un prezzo medio di riparto di 52,80 euro al quintale. 

L’utile d’esercizio, destinato dall’assemblea a riserva indivisibile è pari a 12,5 milioni di euro. Mentre il patrimonio netto della Cooperativa raggiunge un ammontare di 187,4 milioni di euro, pari al 44% delle proprie fonti.

Ammonta, invece, a 25,7 milioni di euro il valore depositato dai soci sotto forma di prestito sociale. E la Cooperativa chiude l’esercizio con una posizione finanziaria netta positiva pari a 3,8 milioni di euro evidenziando un significativo miglioramento e raggiungendo l’obiettivo del piano triennale.

Le performance di Riunite & Civ negli ultimi anni a confronto
Le performance di Riunite & Civ negli ultimi anni a confronto

Le performance di Riunite & Civ e il brindisi con Orietta Berti

I risultati conseguiti sottolineano la solidità finanziaria e patrimoniale della Cooperativa. Poi, sul fronte dell’export, la vocazione internazionale di Cantine Riunite & Civ è confermata dalla presenza dei propri vini in oltre 90 paesi con una crescita del 12% evidenziando ottimi risultati in Centro e Sud America, nel Regno Unito, in Russia e nel resto d’Europa.

Sul mercato nazionale, nonostante l’emergenza sanitaria abbia ridotto i consumi fuori casa, il risultato è complessivamente positivo: +3%. Ottime performance di crescita si sono registrate nelle vendite del Pignoletto Righi, che si conferma leader di mercato nel canale moderno.

Nel corso del 2021 la cooperativa ha poi continuato ad investire per rafforzare la propria identità di marca e per sviluppare nuovi progetti sui più importanti mercati. Come nel caso della campagna “Riunite, il Lambrusco ci unisce” a supporto del Lambrusco Reggiano 1950 che ha avuto quale volto della comunicazione social una testimonial di eccezione come Orietta Berti.

La campagna “Riunite & Civ, il Lambrusco ci unisce” a supporto del Lambrusco Reggiano 1950 che ha avuto quale volto della comunicazione social una testimonial di eccezione come Orietta Berti.
La campagna “Riunite, il Lambrusco ci unisce” ha avuto quale volto della comunicazione social una testimonial di eccezione come Orietta Berti
BANNER
BANNER
BANNER
BANNER IDEALWINE
BANNER