Collio Doc, la pandemia è alle spalle: +15% d’imbottigliato

Anno di crescita per i vini del Collio. Il Consorzio di Tutela della pregiata Doc friuliana ha reagito energicamente alle difficoltà date dalla situazione pandemica che si sono protratte nel 2021 e ha chiuso questi ultimi 12 mesi segnando il 15% in più di imbottigliato rispetto al 2020, nel periodo di riferimento tra gennaio e novembre. 

“È ottimo per noi riscontrare una crescita così significativa per l’imbottigliato”, sottolinea David Buzzinelli, oresidente del Consorzio Tutela Vini Collio. “Il 2021 si è rivelato essere un anno di miglioramento e di ripresa. Una ripresa che, oltre a passare attraverso queste cifre rassicuranti, si manifesta anche con una ritrovata positività e fiducia nei nostri produttori”.

Il 2021 della Doc Collio, tra incoming e approfondimenti digital

Per tutta la durata del 2021, il Consorzio di Tutela Vini Collio ha saputo animare il territorio con una serie di attività dedicate agli stakeholder. Grazie a queste iniziative la “mezzaluna” italiana del vino si conferma un territorio dinamico, pronto ad affrontare le sfide del presente con una ricetta che passa attraverso la promozione del Collio come meta enoturistica.

Eventi come “Enjoy Collio Experience” ed “Enjoy Autumn Collio Experience” hanno avuto grande richiamo sia per la stampa italiana sia per la stampa estera. Una riprova del crescente interesse per i vini di quest’area così vocata riscontrabile dentro e fuori i confini nazionali. 

Nello specifico, “Enjoy Autumn Collio Experience”, chiusosi nel mese di novembre, ha portato nella regione giornalisti provenienti dal Regno Unito e dagli Stati Uniti d’America che hanno potuto degustare gli eccellenti vini bianchi della regione, caratterizzati da una spiccata mineralità e da una riconosciuta longevità. 

“È stata un’importante occasione, per noi come Consorzio di Tutela Vini, ospitare ben due appuntamenti dell’evento Enjoy Collio Experience e avere nella nostra regione giornalisti provenienti da varie zone del mondo”, commenta nuovamente il presidente Buzzinelli. “Entrambe sono state preziose occasioni per far conoscere l’inestimabile patrimonio enologico ed enoturistico che questa zona di confine è capace di offrire”. 

“Il Collio è da sempre legato all’attività vinicola, in particolare alla produzione di vini bianchi, autoctoni ed internazionali, che qui hanno trovato la loro massima espressione. Farli conoscere attraverso queste attività è parte integrante di un piano lungimirante che il Consorzio sta mettendo in atto con uno sguardo puntato al futuro”.

Un panorama ricco quello riguardante le attività proposte dal Consorzio di Tutela Vini Collio e che, in questo anno ormai in chiusura, ha incluso una serie di incontri e approfondimenti in formato digitale, anch’essi con l’importante obiettivo di mostrare al mondo l’alta qualità dei vini prodotti.

David Buzzinelli, oresidente del Consorzio Tutela Vini Collio
David Buzzinelli, oresidente del Consorzio Tutela Vini Collio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto