https://www.rotari.it/it
BANNER
  • Story

Macchie di vino rosso, come toglierle: breve manuale per emergenze

Dello stesso argomento

BANNER

In questi giorni di brindisi frenetici, chissà a quanti sarà capitato. Un attimo di distrazione, un gesto maldestro del vicino di posto et voilà: il vino (rosso, il più delle volte) versato sul tappeto bianco della sala, sulla preziosa tovaglia della nonna della propria dolce metà o sulla propria camicia preferita. Ma come si dice anche per il latte versato: mai piangere per quanto accaduto (a meno che non fosse l’ultimo sorso di qualche annata da sogno di un’etichetta mito: in quel caso sì, una lacrima è concessa). Ecco allora un rapido vademecum, breve manuale per emergenze su come pulire il danno causato da un calice versato e rimuovere le macchie di vino.

Come pulire un indumento o un tappeto macchiato di vino

Per quanto tragico possa essere, ogni danno può essere mitigato. Basta solo conoscere il giusto trucco da sfruttare. Anche se non si può salvare il rosso da urlo versato che stavi bevendo, si può evitare che lasci un marchio duraturo a spiacevole ricordo dell’incidente.

Come fare inizia dall’istante immediatamente successivo al danno. Dopo l’imbarazzo iniziale o l’irritazione (dipende da che lato della situazione ci si trova), la prima mossa da fare è: tamponare. La seconda è: rimedia, individuando la soluzione che fa al caso tuo.

In questi giorni di brindisi frenetici, chissà a quanti sarà capitato. Un attimo di distrazione, un gesto maldestro del vicino di posto et voilà: l'incubo delle macchie di vino si presenta alla festa
In questi giorni di brindisi frenetici, chissà a quanti sarà capitato. Un attimo di distrazione, un gesto maldestro del vicino di posto et voilà: l’incubo delle macchia di vino si presenta alla festa
  • Passaggio 1: assorbi il vino

Usa un tovagliolo asciutto o un tovagliolo di carta (bianchi, assolutamente non colorati se non si vuole rischiare di fare un doppio danno) per assorbire quanto più vino possibile. 

E mi raccomando tampona, non strofinare, gesto che non farà altro che aumentare il problema diffondendo il liquido e facendolo arrivare ancor più in profondità. 

Agisci soprattutto rapidamente: così aumenterai le probabilità di evitare una macchia permanente, cercando di rimuovere il vino versato mentre è ancora fresco.

Poi ci sono anche le cose da assolutamente non fare: come utilizzare vino bianco per diluire una macchia di vino rosso. Potrebbe (vedi quanto sopra) peggiorare la situazione spargendo la macchia e, nella migliore delle ipotesi, non è migliore del normale lavaggio sulla maggior parte dei tessuti. Anche se sul nylon la scelta protrebbe avere un qualche effetto riparatore. Ma comunque, ricorda: il vino è da bere, non va usato per pulire.

  • Passaggio 2: individua qual è il miglior trattamento da adoperare sulla macchia

Il segreto si cela nel tipo di materiale su cui il vino è stato versato. E potresti dover provare alcuni metodi diversi prima di aver successo.

Ricorda di testare prima i nuovi prodotti per la pulizia in un’area poco appariscente. E se un capo dice “solo lavaggio a secco”, lascia ai professionisti l’incombenza: portalo in lavanderia il prima possibile, indica il punto e dì loro cosa ha provocato il danno.

Per abiti e indumenti, ça va sans dire, è molto più facile rimuovere una macchia dal più robusto cotone che dalla delicata seta. Per capi più resistenti, come le tovaglie, provate a immergere la macchia in acqua bollente per diluirla prima di un buon lavaggio.

Per le macchie ancora umide su tessuti meno resistenti, c’è chi suggerisce di applicare uno spesso strato di sale, bicarbonato di sodio o polvere di talco sulla macchia per assorbire quanto più pigmento possibile prima di scuoterlo via o tamponarlo, quindi lavare il capo.

Per le macchie asciutte, c’è chi consiglia di provare un detergente igienizzante Oxy, asciugare e poi lavare con detersivo per bucato secondo le istruzioni per la cura del tessuto indicate sull’articolo danneggiato.

Esistono anche spray commerciali (tipo Vanish, per intenderci) realizzati solo per rimuovere le macchie di vino rosso e spesso possono funzionare bene per rimuovere le macchie più piccole dai vestiti prima del lavaggio. 

Anche in questo seconda fase c’è la cosa da assolutamente non fare: non mettere mai il capo nell’asciugatrice prima di verificare che la macchia sia completamente scomparsa. Il calore può infatti rendere il danno permanente.

Due i passaggi fondamentali contro le macchie di vino: prima, tamponare, poi, lavare individuando il giusto metodo
Due i passaggi fondamentali contro le macchie di vino: prima, tamponare, poi, lavare individuando il giusto metodo

E per le superfici? Come rimuovere le macchie di vino rosso da legno, marmo e pareti

Per i pavimenti o i tavoli in legno, se non hai avuto la prontezza di asciugare rapidamente il liquido e il vino è penetrato nelle venature, puoi provare alcune delle tecniche già sfruttate per gli indumenti.

Come applicare uno spesso strato di sale o bicarbonato di sodio per assorbire il vino, lasciandolo riposare per un po’ prima di rimuoverlo. 

Oppure applicare dell’aceto bianco su un panno e posizionarlo sulla superficie per cercare di rimuovere la macchia. 

Un sapone liquido all’olio specificamente progettato per la pulizia del legno può funzionare su macchie più chiare.

Tuttavia, se la macchia dovesse risultare eccessivamente ostinata e in un punto che la renda ancor più appariscente, la soluzione cui si sarà costretti potrebbe essere quella di carteggiare l’area macchiata del legno, applicando una nuova finitura.

Anche in caso di marmo, che è molto delicato, occorre fare attenzione. Dopo aver passato un panno sul vino in eccesso, una soluzione è coprire con il sale la zona macchiata per un paio d’ore, aspirando poi e lavando con un detergente apposito per la superficie.

Invece, in caso di vino rosso finito su una parete, per togliere la macchia provate a passarci sopra un batuffolo di cotone imbevuto di candeggina. Se poi la parete è lavabile, ancora più semplice: usare del sapone e sciacquare con acqua tiepida sarà sufficiente.

Una nota finale sulle macchie di vino bianco

Anche se non sono da temere quanto i danni da rosso, anche il vino bianco è un problema da non sottovalutare quando versato.

Non tutte le stoffe o le moquette mostreranno una macchia appariscente. Ma nondimeno occorre fare attenzione a dove il calice di bianco si è rovesciato e prendersene cura immediatamente. Un atteggiamento “meglio prevenire che curare”, infatti, può portare in seguito a non dover sostituire la propria maglietta o tovaglia preferita. E ovviamente, gli stessi metodi utilizzati per i danni da vino rosso possono essere applicati anche alle macchie da bianco.

Attenzione sempre alle macchie di vino: anche quando si parla di bianco
Attenzione sempre alle macchie di vino: anche quando si parla di bianco
banner
BANNER
banner
banner
BANNER