banfi.it
banner
  • Eventi

Vignaioli di Montagna 2022 cambia data: ecco quando sarà

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Dello stesso argomento

banner

Cambio data per la due giorni dedicata a porre sotto i riflettori i vini artigianali dei produttori vitivinicoli del Trentino e dell’Alto Adige, insieme a un’anteprima del 70esimo anniversario del Trento Film Festival. L’evento Vignaioli di Montagna, inizialmente fissato domenica 30 e lunedì 31 gennaio, slitta al 13 e 14 marzo.

Non cambia la location: le sale di Base Milano, che trasformeranno Milano, per l’occasione, nel punto d’incontro della narrazione enologica e cinematografica focalizzata sul rapporto fra l’uomo e la montagna.

Il programma aggiornato di Vignaioli di Montagna 2022: chi ci sarà

L’evento Vignaioli di Montagna nasce nel 2017 dalla collaborazione tra il Consorzio Vignaioli del Trentino, i Freie Weinbauern Südtirol e il Trento Film Festival, con il supporto della Camera di Commercio di Trento e della Camera di Commercio di Bolzano. 

Inizialmente con sede a Trento a Palazzo Roccabruna, nel 2020 si è spostaato a Bologna nella Cineteca, mentre in questo 2022 andrà in scena nel capoluogo lombardo.

Ricco il palinsesto. Domenica 13 marzo, al primo piano di Base Milano, in programma i banchi di assaggio di 25 vignaioli trentini e 25 vignaioli altoatesini: un sentiero che si snoderà lungo valli alpine, attraverso vini artigianali, di qualità, territoriali e sostenibili. 

Nella stessa giornata, il piano terra sarà invece la casa dell’anteprima della prossima edizione del Trento Film Festival: in serata, infatti, sarà possibile assistere alla proiezione di un film selezionato da Sergio Fant, responsabile della programmazione cinematografica della rassegna e membro del comitato di selezione anche alla Berlinale. 

Lunedì 14 marzo, poi, la seconda e conclusiva giornata dell’appuntamenti. Tre le masterclass in agenda sulla viti-enologia delle “terre alte”, guidate da relatori specializzati e dedicate a operatori, critici e giornalisti di settore, seguendo il filo conduttore dei colori dei vini di montagna, in un percorso studiato per valorizzare la varietà di territori e i vini di altura.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
banner
banner
banner
banner