https://www.banfi.it/it/
banner
  • Eventi

Le Famiglie Storiche, 13 magnum all’asta da Christie’s

Dello stesso argomento

BANNER

L’associazione Le Famiglie Storiche parteciperà dal prossimo 15 marzo 2022 con un lotto di 13 Magnum dei suoi migliori Amarone alla prestigiosa Asta online “Rescue the Grapes” che sarà attiva per 15 giorni sul sito web di Christie’s (www.christies.com).

L’evento, istituito dal Ceo di GFH Global Arlene Willis, si propone come risposta ai drammatici cambiamenti che stanno interessando la vitivinicoltura con regioni viticole storiche costrette a considerare nuovi vitigni e la vitalità di intere aree minacciata.

L’iniziativa è stata promossa da Arlene Willis insieme a Miguel Torres (tra i più importanti produttori spagnoli e co-fondatore dell’International Wineries for Climate Action) e dal giornalista Hugh Johnson.

Con i proventi ricavati dalle vendite dei vari lotti saranno devoluti ad alcune organizzazioni impegnate nella elaborazione di  soluzioni climatiche per la vitivinicoltura tra cui The Porto Protocol, Tasting Climate Change, Climate Adaptation Certificate Program e Napa Valley Vintners Association oltre che a  partners storici Yamba Malawi e Has Haiti.

Le Famiglie Storiche nel gotha del vino mondiale

Partecipano all’asta oltre 40 aziende internazionali del gotha del vino offrendo lotti di vini rari, degustazioni uniche e tour nelle aziende.

“Abbiamo accolto con favore l’invito ad essere presenti all’Asta Rescue the Grapes consapevoli delle vaste problematiche che i mutamenti climatici pongono alla vitivinicoltura e che ci coinvolgono direttamente”, spiega il presidente in carica di Le Famiglie Storiche, Alberto Zenato.

“La responsabilità di impresa su questi temi e la ricerca della sostenibilità produttiva sono diventate un dovere così come contribuire a sostenere ricerche e studi che ne favoriscano l’implementazione”.

“Siamo onorati di partecipare attivamente a questa iniziativa, accanto alle etichette più blasonate di tutto il mondo, a dimostrazione del riconoscimento e della reputazione che le Famiglie Storiche e i loro  Amarone hanno saputo costruire negli anni”.

Famiglie Storiche
I produttori di Le Famiglie Storiche

Il lotto messo in asta dalle Famiglie Storiche

Ecco il lotto di 13 magnum di Amarone, ciascuna firmata dal suo produttore, che Le Famiglie Storiche hanno messo a disposizione:

  • Allegrini Amarone della Valpolicella Classico Docg 2017
  • Begali Amarone della Valpolicella Classico Docg 2017
  • Brigadara Case Vecie Amarone della Valpolicella Docg 2015
  • Guerrieri Rizzardi Amarone della Valpolicella Docg Classico Villa Rizzardi 2011
  • Masi Riserva di Costasera Amarone Classico della Valpolicella Docg 2015
  • Musella Amarone della Valpolicella Docg 2012
  • Speri Sant’Urbano Amarone Classico della Valpolicella Docg 2015
  • Tedeschi Capitel Monte Olmi Amarone della Valpolicella Docg Classico Riserva 2015
  • Tenuta Sant’Antonio Antonio Castagnedi Amarone della Valpolicella Docg 2016
  • Tommasi Amarone della Valpolicella Classico Docg 2016
  • Torre d’Orti Amarone della Valpolicella Docg 2017
  • Venturini Amarone della Valpolicella Classico Docg 2015
  • Zenato Amarone Classico della Valpolicella Docg Riserva Sergio Zenato 2008
banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »