https://www.banfi.it/it/
banner
  • Collection

Parabuio, il Merlot che illumina Castello di Meleto

Dello stesso argomento

Da un luogo impervio, profondo e segreto nasce il nuovo Toscana Rosso Igt di Castello di Meleto. Tra due colline, in una fessura in cui il sole filtra poco, scorre un borro impetuoso, carico e potente nel periodo delle piogge, protetto dalla fitta vegetazione d’estate, impenetrabile d’inverno, Parabuio è un angolo di terra di una rara bellezza selvaggia, che risponde solo alle sue regole. Un luogo nascosto e un luogo per chi si nasconde: la storia racconta che in tempo di guerra, qui si rifugiavano i renitenti ai rastrellamenti nazisti, celandosi in covi incassati nel terreno, protetti dalla natura inaccessibile e sovrana. Oggi Parabuio parla di vino, nuovo simbolo di Castello di Meleto dove il Merlot diviene protagonista assoluto. 

Un vino simbolo per Castello di Meleto: Parabuio

Situato nella sottozona di Casi, il vigneto Parabuio porta un nome evocativo, a richiamare la sua posizione magica, nascosta alla vista dell’uomo, in una penombra dove la natura fa da padrona. 

Un vigneto scoperto come un dono prezioso in mezzo a fitti boschi, Parabuio è presto diventato la punta di diamante dell’azienda: qui si è deciso di coltivare l’unico vitigno internazionale dei cru di Castello di Meleto, il Merlot, che in questo clima protetto e isolato trova la libertà di esprimersi con originalità.

Qui la luce è obliqua e accompagna le uve in una maturazione che si prende il suo tempo, indisturbata. La vendemmia di Parabuio è naturalmente ritardata, e avviene nella quiete delle ultime settimane di settembre. 

La liquida luce dorata a ridosso dell’autunno si unisce a una maggiore escursione termica, e le argille e minerali nel suolo proteggono la terra dallo stress estivo. Il risultato sono uve dal profilo fenolico ricco e affascinante. 

Nell’etichetta, il designer Raimondo Sandri cattura il luogo e il suo spirito. Al contenuto della bottiglia, fatto di tempo, dedizione, cultura, sapere, l’artista appone una veste che ne esprime la personalità. 

“Unico e miriade, il segno-macchia concentra e amplifica la storia, il luogo, il racconto”, spiega Sandri. “Ho interpretato con la molteplicità e l’oro, la natura potente, le sue infinite varietà di forme spontanee e il dono prezioso che è Parabuio”.

Parabuio Toscana Rosso Igt

Un vino di natura, di rarità, di potenza selvaggia. Al naso, aromi di ribes nero, marasca, vaniglia, burro e crema si presentano sin dall’inizio, lasciando spazio pian piano a spezie e note grigliate. L’assaggio è pieno, potente e morbido, seguito da una freschezza importate che pulisce la bocca ed allunga il sorso. Perfetto con carni rosse e pollame, formaggi di media stagionatura e piatti vegetariani. 

banner
BANNER
BANNER

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »