https://www.banfi.it/it/
banner
  • Trade

Nutriscore, abuso e attacco Oms: il vino italiano replica da Vinitaly

Dello stesso argomento

Un punto di incontro tra vino e salute. Una convergenza in nome del buon senso e di una corretta interpretazione delle evidenze scientifiche che trova nella Dieta mediterranea e nei consumi moderati alleati preziosi del prodotto enologico. È quanto auspicato dalle 2 principali organizzazioni di settore, Federvini e Unione Italiana Vini (Uiv), al convegno andato in scena a Vinitaly dal titolo: “La cultura del vino: un modello mediterraneo”. Secondo Uiv e Federvini, gli emendamenti al Cancer plan approvati dall’Europarlamento rendono parziale giustizia al mondo del vino e ai suoi consumatori moderati, ma l’attacco al settore prevede altri round nel corso dell’anno, a partire dai piani dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) – al voto a maggio – fino alle iniziative europee su promozione, fiscalità ed etichettatura Nutriscore, in discussione nei prossimi mesi. E sul tema, nel corso della manifestazione hanno avuto occasione di dire la loro tanto le autorità, quanto gli altri protagonisti del vino italiano.

La posizione della politica italiana su nutriscore, abuso e attacco Oms: le voci di Patuanelli, Centinaio e Costa al Vinitaly

Per il ministro delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli, i temi Nutriscore e abuso dei consumi vanno affrontati in maniera diretta. “Bisogna avere il coraggio di dire la verità, e dire che l’alcol è un problema per certe persone, con certi comportamenti e in certi Paesi”, evidenzia. “In questo caso però non ci si può riferire all’uso, ma all’abuso di alcune sostanze, e sono 2 cose ben diverse. Perciò mi sento di ringraziare tutti i parlamentari europei che hanno in qualche modo sventato una dinamica che era pericolosa, e non lo dico per difendere a spada tratta i produttori”.

A fargli eco il sottosegretario alle Politiche agricole, Gian Marco Centinaio. “Il vino fa parte della Dieta mediterranea, è espressione della nostra cultura, dei nostri territori e soprattutto del nostro stile di vita”, ricorda. “Un consumo moderato non nuoce alla salute, anzi, e siamo riusciti a riaffermare questo principio anche in Europa. 9 italiani su 10 bevono vino e lo fanno in modo responsabile: fa parte della nostra identità”.

Sulla stessa linea il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa: 

“Il filo conduttore deve essere la moderazione, su questo si possono condividere insieme strategie e messaggi corretti. Voglio testimoniare che siamo di fronte a un percorso condiviso a tutela di un patrimonio italiano e delle buone e sane abitudini, di cui anche il vino potrà essere protagonista”.

Parola alle aziende e alla scienza su vino e salute

Anche i protagonisti del vino italiano hanno voluto dire la loro sul tema Nutriscore e abuso dei consumi in occasione di questo Vinitaly, prima occasione pubblica che ha sancito il ritorno a una “normalità” del calendario fieristico come da abitudini prepandemia.

Per il presidente dell’Associazione europea Wine in moderation, Sandro Sartor: “È assolutamente condivisa dal settore la necessità, da parte delle istituzioni pubbliche, di implementare politiche efficaci per contrastare l’abuso di alcol. La filiera del vino lo sta già facendo e moltiplicherà gli sforzi per affermare sempre più il binomio vino-moderazione attraverso iniziative di formazione verso i wine lover, il mondo dell’enoturismo, degli enologi, dei sommelier e della cultura”. 

“Il vino in Italia non è solo una bevanda alcolica, il suo percepito è parte integrante di un modello mediterraneo che è l’antitesi dell’approccio compulsivo. Un assunto, questo, confermato anche da una recente indagine Eurostat, che indica il nostro Paese come l’ultimo in Europa, dopo Cipro, per episodi legati al consumo eccessivo di alcol”.

Nel corso del talk “A tavola? Un bicchier di vino”, organizzato da Alleanza Cooperative Agroalimentari al Vinitaly, si è poi levata la voce di esperti e mondo della cooperazione.

“Il vino, fin dai tempi antichi, sia per le sensazioni di allegria che trasmette, sia per il contributo a rendere piacevole l’assunzione del cibo, è la bevanda simbolo della condivisione e della festa”, ribadisce Luigi Moio, presidente Oiv, Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino. “È indubbio che un apporto fondamentale in questo suo ruolo sia dovuto anche all’alcol in esso contenuto. Tuttavia, soprattutto per la sua naturalità e per i forti valori storici e culturali che esso trasmette è necessario separare nettamente la sua immagine dalle altre bevande alcoliche. Nel valutare i suoi effetti bisogna necessariamente tener conto dell’intero stile di vita delle persone, riflettendo sul fatto che nell’ambito di una vita sana ed equilibrata il suo consumo responsabile, legato ai pasti ed alla convivialità della tavola, è fonte di gioia. Infatti, non è per nulla un caso che negli ultimi decenni, l’immagine del vino sia cresciuta in un modo straordinario in tantissimi paesi dimostrando la sua vocazione universale”.

“La nostra dieta ci insegna a consumare in modo equilibrato un po’ di tutto, senza eccedere”, ha proseguito Giorgio Calabrese, presidente del Comitato nazionale della sicurezza alimentare del ministero Salute. “In effetti, ha prevalso il buon senso perché c’è una profonda differenza fra abuso e consumo moderato e responsabile. Il vino in particolare fa parte della Dieta Mediterranea ma bisogna ricordare che la salute non si tutela demonizzando un settore o un singolo prodotto che è legato alla cultura e allo stile di vita dell’Italia che è leader mondiale di longevità”.

Da ultimo, Luca Rigotti, coordinatore settore vitivinicolo dell’Alleanza Cooperative Italiane, così conclude il dibattito su Nutriscore e abuso dei consumi:

“I lavori di oggi rappresentano un momento di riflessione contro la continua demonizzazione di alcune delle nostre eccellenze agroalimentari. Dalla bistecca fiorentina alla pizza. Dal latte ai formaggi. È toccato anche al vino. Noi condividiamo pienamente gli obiettivi della Commissione Europea in materia di salute. L’Oms punta l’indice contro gli abusi. Tutti i consumi eccessivi sono dannosi. Il vino fa parte del nostro patrimonio culturale oltre a essere un alfiere del made in Italy nel mondo e primeggiare nell’export dei nostri prodotti di qualità. Ippocrate padre della medicina scientifica, affermò che il vino è cosa straordinariamente appropriata all’uomo se, nella salute come nella malattia, si amministra con giudizio e giusta misura, secondo la costituzione di ciascuno. Sembra che 2500 anni non siano bastati. E noi oggi siamo qui per ribadirlo”.

Nutriscore, abuso e attacco Oms: il ministro delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli, al Vinitaly in occasione del talk “A tavola? Un bicchier di vino”, organizzato da Alleanza Cooperative Agroalimentari
Il ministro delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli, al Vinitaly in occasione del talk “A tavola? Un bicchier di vino”, organizzato da Alleanza Cooperative Agroalimentari
banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »