https://www.banfi.it/it/
banner
  • Story

Serena Wines 1881: ripartenza nel segno della solidarietà con Obiettivo3 e Alex Zanardi

Dello stesso argomento

BANNER

Un Vinitaly da protagonisti. Il ritorno a Verona, nell’edizione della ripartenza, per chi realmente non si è mai fermato, celebrando negli scorsi 12 mesi i suoi primi 140 anni all’insegna di nuovi record. Parliamo di Serena Wines 1881, azienda vitivinicola di Conegliano (Treviso) che impiega 90 addetti e fattura 84 milioni di euro. 

Una realtà che per volumi di prodotto lavorato si colloca tra i primi 10 produttori di Prosecco Doc. I suoi numeri, fra vini spumanti e frizzanti, tra Prosecco Doc, Prosecco Doc Rosè e Prosecco Docg, ma anche bianchi fermi come Pinot Grigio, Chardonnay e Sauvignon o rossi, tra cui Merlot, Cabernet e Refosco, sono da capogiro: 25,9 milioni di bottiglie da 0,75, 7,4 milioni di bottiglie da 0,20 e 0,187, 500 mila fusti d’acciaio, 30 mila fusti in plastica. 

In più, da molti anni, la famiglia Serena è protagonista anche Oltralpe: è, infatti, proprietaria dello Chateau De Rilly, dove viene prodotto il rinomato Champagne De Vilmont. 

Ed è forte di questa variopinta offerta che ha scelto di ritornare a Verona, per accendere i riflettori su tanti nuovi progetti che guardano al futuro.

141 anni e un’anima funky: il Vinitaly di Serena Wines 1881

“Siamo un’azienda fortemente legata al territorio nel quale operiamo da 141 anni”, racconta Luca Serena. “Al Vinitaly abbiamo inaugurato uno stand di nuova concezione completamente in legno per evidenziare la nostra attenzione all’ambiente, dotandolo di un banco mescita aperto al pubblico, dove abbiamo presentato i Prosecchi della nuova linea Serena 1881 e quelli di Costaross, il brand aziendale più funky e moderno, dedicato a un target giovane ed eclettico”.

Inaugurato alla presenza del presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, e del ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli, lo spazio Serena Wines 1881 ha ospitato importanti ospiti, a partire dalle Istituzioni, con i quali si è brindato con il Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg, iniziando col sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro.

Ma numerosi anche i passaggi di influencer, come Canal il Canal, Tracy e Aquila, vincitori delle ultime due edizioni di Masterchef, Bionditudo e molti altri.

Decisivi poi sono stati i tre temi della digitalizzazione, della solidarietà e dell’attenzione al territorio, che hanno trovato il loro sviluppo tra appuntamenti dedicati, novità di prodotto e occasioni d’incontro.

Serena Wines 1881 ha infaatti collaborato alla realizzazione del convegno “L’innovazione digitale al servizio del settore vinicolo: dal vigneto al consumatore” organizzato nel centro congressi insieme a Vinophila, un Expo digitale aperto tutto l’anno.

Non sono poi mancati momenti legati allo sport, ambito al quale Serena Wines ha sempre prestato grande attenzione sponsorizzando realtà rilevanti come Treviso Basket, Triestina Calcio, la squadra ufficiale di Hockey Sportivi Ghiaccio di Cortina D’Ampezzo. Serena Wines sostiene anche l’organizzazione di tornei Internazionali di tennis in provincia di Treviso e nella regione Friuli Venezia Giulia. E proprio al Vinitaly ha ricevuto gli atleti di Benetton Rugby Treviso e Prosecco Doc Imoco Volley Conegliano, squadre che sostiene da parecchi anni.

Luca e Giorgio Serena con Amerino Zatta e Benetton Rugby

Infine, a caratterizzare l’ultima giornata, la visita di alcuni atleti paralimpici di Obiettivo3. “Ci ha reso particolarmente orgogliosi”, afferma Luca Serena, “annunciare l’avvio di una collaborazione con Obiettivo3, associazione fondata da Alex Zanardi per reclutare e sostenere persone diversamente abili nel percorso di avvicinamento agli sport paralimpici, dando loro una nuova ragione di vita”. 

“Con alcuni atleti di Ob3 abbiamo quindi lanciato la nuova linea di bottiglie di Prosecco doc e Prosecco doc rosé dalla cui vendita verranno ricavate le risorse da devolvere alla causa. Con loro saremo presto a Milano all’Armani Silos dove il 27 aprile presenteremo un altro progetto importante”.

La novità della linea di Prosecco in collaborazione con Obiettivo3 di Alex Zanardi

Un’iniziativa, quest’ultima, che vi abbiamo svelato in anteprima proprio sull’ultimo numero di WineCouture in distribuzione a Vinitaly. Novità pronta a scendere in pista, progetto nato nel segno della solidarietà. Un successo planetario, il Prosecco Doc. Due etichette, firmate Serena Wines 1881. Tre obiettivi: eliminare pregiudizi, creare modelli positivi, unire nello sport. Hanno fatto il loro debutto a Verona l’elegante e morbido, con una vena piacevolmente zuccherina, Prosecco Doc Treviso Extra Dry Millesimato e il fresco e armonico, 88% Glera e 12% Pinot Nero, Prosecco Doc Rosé Brut Millesimato Serena Wines 1881, con cui l’azienda trevigiana supporterà in maniera diretta l’associazione Obiettivo3 di Alex Zanardi. 

Per ogni bottiglia venduta, infatti, parte del ricavato sarà devoluto al progetto che coinvolge atleti disabili per avviarli allo sport. Un’iniziativa che sarà anticipata da un “aperitivo”, quando le due etichette saranno bollicine ufficiali alla presentazione della mostra Passage, racconto fotografico della grande staffetta Obiettivo Tricolore, nata nella primavera del 2020 per lanciare un segnale di speranza all’Italia dopo il lockdown e ripartita nel 2021 con il medesimo spirito.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »