https://www.banfi.it/it/
banner
  • Eventi

Le Donne del Vino: premio personaggio dell’anno 2022 a Carlos Veloso dos Santos

Dello stesso argomento

“Incarna a livello più alto il tema 2022 dell’Associazione Nazionale Le Donne del Vino: Donne, Vino, Futuro”. È con questa motivazione che la figura dell’amministratore delegato Amorim Cork Italia Carlos Veloso dos Santos è stata insignita del premio “Personaggio dell’anno 2022”. Un connubio prezioso già da diverso tempo, quello delle due realtà, che vede un futuro di ricchezza morale: proprio in questo 2022 l’Associazione ha aderito al progetto Etico, iniziativa di raccolta e riciclo dei tappi in sughero usati in tutta Italia, e i fondi derivanti dall’operazione saranno destinati alle donne vittime di violenza. Amorim, dal canto suo, conta di divenire una Org+, un’organizzazione positiva, luogo di lavoro ma anche dell’anima, in cui le persone evolvono in relazione le une con le altre.

L’amministratore delegato Amorim Cork Italia e il suo impegno “oltre il sughero”

Nel dettaglio, il riconoscimento a Carlos Veloso dos Santos quale “Personaggio dell’anno 2022” dell’Associazione Nazionale Le Donne del Vino è dovuto al suo sguardo lungimirante, rivolto sempre avanti, impegnato a costruire un futuro migliore per tutti.

Da sempre uno dei motti preferiti dell’amministratore è, infatti: “Passiamo più di 1/3 della nostra vita al lavoro. Se lo facciamo in modo positivo e felice produciamo di più e viviamo meglio. Uno dei miei obiettivi è che l’azienda diventi un luogo felice dove venire a lavorare”.

I pilastri della filosofia, applicata anche ad Amorim Cork Italia, sono stati particolarmente rilevanti nell’assegnazione del premio ricevuto da Le Donne del Vino: qualità ambientale, giustizia sociale, prosperità economica, cultura. Non a caso Amorim Cork Italia è una delle poche aziende in Veneto a essere certificata Family Audit con in atto, oggi, 17 misure di conciliazione tra vita e lavoro. 

Carlos Santos, in particolare, ha investito molto nello sviluppo delle pari opportunità. Più del 50% del personale di Amorim Cork Italia, infatti, è composto da donne e metà degli incarichi di responsabilità vede ai vertici figure femminili. 

Un altro progetto per un futuro migliore è Etico, non solo perché promuove una sensibilità ecologica, ma anche perché riesce a far coincidere con la raccolta una destinazione benefica del ricavato dalla vendita dei tappi usati. 

Un circolo virtuoso di solidarietà ed ecologia, che ora arricchisce anche culturalmente offrendo, ad esempio, percorsi come il progetto museale “Sug_hero Metaforme – Le mille vite di uno straordinario dono della natura, il sughero”, giunto alla seconda edizione in partenza al WiMu di Barolo, il prossimo 22 maggio.

Una visione del futuro a 360° che Carlos Veloso dos Santos ha applicato con grande generosità all’azienda che conduce, non senza risultati di grande successo se pensiamo al recente bilancio Amorim Cork Italia che ha registrato il 14% di produzione di chiusure in più rispetto al 2020, con un fatturato consolidato in Italia di 70,5 milioni di euro.

Le Donne del Vino: premio personaggio dell'anno 2022 a Carlos Veloso dos Santos
Carlos Veloso dos Santos e Donatella Cinelli Colombini
banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »