https://www.banfi.it/it/
banner
  • Collection

Casanuova di Nittardi: 40 anni di Chianti Classico da collezione

Dello stesso argomento

Casanuova di Nittardi è il Chianti Classico storico di Nittardi, azienda che nel Rinascimento è stata di proprietà di Michelangelo Buonarroti. A questo vino è dedicato sin dalla sua prima annata un progetto d’arte che oggi, con l’annata 2020, è giunto alla 40esima edizione. Un riconoscimento che nel corso degli anni ha visto protagonisti alcuni dei più grandi artisti internazionali.

40 anni di Casanuova di Nittardi Vigna Doghessa: da Yoko Ono a Mimmo Paladino

Il Chianti Classico Casanuova di Nittardi nasce in prossimità della casa padronale a Castellina in Chianti e dal 2012 è espressione di una vigna particolarmente vocata, “Vigna Doghessa”. Questo è un appezzamento che si trova a 450 metri s.l.m, con una splendida esposizione a sud e un terreno di media profondità, ricco di Galestro ed Alberese. Formazioni geologiche che definiscono il carattere di questo Chianti Classico, unico in quanto estremamente complesso, proprio come può essere un’opera d’arte.

Dal 1981, la famiglia Canali-Femfert si ripropone di esaltare il carattere di Casanuova di Nittardi con un vestito su misura. Per ogni annata, infatti, un artista è stato invitato a creare due opere, una per la carta seta e una per l’etichetta. 

Negli anni hanno firmato le etichette del cru Chianti Classico Casanuova di Nittardi Vigna Doghessa artisti del calibro di Pierre Alechinsky, Corneille, Dario Fo, Karl Otto Götz, Günter Grass, Friedensreich Hundertwasser, Yoko Ono, Mimmo Paladino, Fabrizio Plessi, Mikis Theodorakis e molti altri. Tutte opere, le loro, che sono oggi custodite a Nittardi dove, peraltro, si trovano anche 45 installazioni sparse tra le case, i vigneti e la cantina. 

40 anni di Casanuova di Nittardi Vigna Doghessa, il Chianti Classico da collezione.

Arte e vino: nasce il Premio Nittardi

Per festeggiare l’annata 2020 la famiglia Canali-Femfert ha deciso di scegliere non un solo artista ma ben sei e di farlo attraverso un concorso: il Premio Nittardi.

L’idea è offrire agli appassionati collezionisti del vino Nittardi una irripetibile cassa da 6 bottiglie di Chianti Classico Vigna Doghessa 2020 vestite con 6 diverse etichette e fasciate da 6 diverse carta seta. 

Per selezionare i protagonisti di questa “collezione nella collezione”, è stato indetto un concorso artistico internazionale, il Premio Nittardi. Gli artisti potranno presentare le loro proposte entro il 3 luglio 2022 a mezzanotte. 

“Nittardi”, spiega Léon Femfert, seconda generazione della proprietà, “vuole celebrare il quarantesimo anniversario guardando verso il futuro e aprendo la possibilità di partecipare ad artisti di tutto il mondo, anche emergenti”.

Una giuria composta tra gli altri da un direttore di museo, un gallerista, un artista e un critico d’arte sceglierà insindacabilmente le etichette vincitrici, ognuna completata dalla sua carta seta. 

Le opere d’arte dei 6 vincitori saranno esposte a Firenze in una mostra aperta al pubblico in autunno 2022 e a Francoforte (Germania) presso Die Galerie nel 2023, insieme a tutte le etichette e le veline delle 39 annate precedenti.

Gli artisti scelti, oltre all’onore di vestire questo vino e partecipare alla collezione Nittardi, vinceranno una settimana di soggiorno per 2 persone presso Nittardi durante l’autunno 2022 e 24 bottiglie di Chianti Classico Casanuova di Nittardi 2020. I vincitori saranno annunciati il 29 luglio 2022. Tutte le informazioni per partecipazione sono disponibili sull’apposita pagina all’interno del sito dell’azienda toscana.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »