https://www.banfi.it/it/
banner
  • Trade

Edoardo Freddi International, la crescita dello specialista dell’export di vino non si ferma

Dello stesso argomento

BANNER

10 anni di storia alle spalle e un trend positivo costante che non si arresta dal 2012, suo anno di nascita, ha portato la Edoardo Freddi International, prima azienda italiana di export management del settore vino, a chiudere il 2021 con 65 milioni di euro di fatturato, per quanto concerne il gestito presso le realtà rappresentate, in crescita di circa il 20% rispetto all’anno precedente. Un vero e proprio “acceleratore di business”, così si può definire. Con la Edoardo Freddi International che oggi conta 28 milioni di bottiglie commercializzate e 40 cantine in partnership, rappresentate in esclusiva, tra cui San Leonardo, Marchesi di Barolo, San Michele Appiano, Tunella, Montevetrano, Capichera, Codice Citra, Broglia e Michele Satta. Nell’ultimo mese, poi, il portfolio si è arricchito con l’arrivo di Feudi San Gregorio, cantina leader del Sud Italia. Ed entro maggio, Edoardo Freddi International inaugurerà la nuova sede a Castiglione delle Stiviere, spazi più che raddoppiati che, oltre agli uffici, includeranno anche una galleria espositiva delle bottiglie che l’azienda rappresenta, una cucina per fare le degustazioni e un negozio per la vendita dei prodotti. 

I numeri di Edoardo Freddi International nel mondo e i vini più venduti

Nonostante il 2021 sia stato un anno ancora incerto e di transizione, e a ulteriore dimostrazione della lungimiranza dell’azienda nell’intercettare e anticipare i trend che andranno a consolidarsi nel tempo, Edoardo Freddi International ha continuato a presidiare i mercati mantenendo una posizione di tutto rilievo. 

90 sono infatti i Paesi del mondo in cui opera, con una distribuzione delle attività che riguarda l’Europa per il 40%, gli Stati Uniti e il Canada per il 30%, l’Asia per il 24%, l’Africa per il 3% e l’Oceania per il 3%. 

L’obiettivo di continuare a incrementare l’espansione dell’azienda sta proseguendo con l’apertura di nuovi mercati dal grande potenziale quale la Polonia. Il Vietnam è fra i mercati più fiorenti, mentre restano da guardare con maggiore attenzione i Paesi Baltici che stanno diventando sempre più interessanti, nonostante la congiuntura internazionale.

Per quanto riguarda l’Horeca, è pari al 30% la quota commerciale sviluppata per il canale On-trade, ma la quota maggioritaria (65%) ricade su quello Off-trade (Gdo e retail), mentre assume sempre maggiore importanza l’Online, che ad oggi rappresenta già ben oltre il 5% del totale.

Le Denominazioni che hanno performato meglio nell’ultimo anno ponendosi al vertice dei vini più venduti sono state Prosecco, Primitivo di Manduria ed Amarone della Valpolicella.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »