https://www.banfi.it/it/
banner
  • Eventi

Ariosto Social Club: un assaggio di Sicilia a Milano

Dello stesso argomento

banner

Dalla colazione all’aperitivo, lo chef Pino Cuttaia, alla guida del bistrot Uovodiseppia Milano, lunedì 16 maggio porterà i sapori e i profumi della Sicilia all’interno di Ariosto Social Club con una giornata dedicata a celebrare l’isola. E ogni momento di questa maratona del gusto sarà scandito e accompagnato dalle etichette delle migliori cantine vinicole siciliane.

Lo Chef Pino Cuttaia porta a Milano i sapori della sua terra il 16 maggio

Dopo l’inaugurazione del bistrot Uovodiseppia Milano che ha segnato il debutto dello Chef Pino Cuttaia nel capoluogo meneghino, all’interno dello spazio poliedrico di Ariosto Social Club di via Ariosto 22, lunedì 16 maggio, si torna a festeggiare con un open day dedicato ai gusti e sapori di Sicilia, terra dello Chef, ma anche di Emanuele Vitrano, proprietario della struttura.

Dalla colazione all’aperitivo, la giornata si svolgerà nel dehors e sarà scandita da una serie di proposte sfiziose gustate nella loro essenzialità. Materie prime sapientemente coccolate che racconteranno la cultura di un luogo, le radici, per accompagnare gli ospiti con la mente e il palato direttamente da Milano in terra siciliana.

“È un grande piacere per noi ospitare questo evento nel nostro Ariosto Social Club”, sottolinea Emanuele Vitrano proprietario di Ariosto Social Club. “La Sicilia è la mia terra, e anche quella dello Chef, per me è famiglia, è casa. Portare i valori e le tradizioni siciliane qui a Milano permette di elevare ulteriormente i nostri prodotti e di celebrarli in un contesto cosmopolita come quello del capoluogo meneghino”.

Una iniziativa che nel suo intento vuole celebrare una regione ricchissima dal punto di vista gastronomico ed enologico e che al contempo vuole raccontare una cucina domestica, rassicurante, che non ostenta ma che è fatta di cura e di ingredienti semplici nobilitati dalle mani dello chef Pino Cuttaia.

Ariosto Social Club, un assaggio di Sicilia: lo Chef Pino Cuttaia porta a Milano i sapori della sua terra il 16 maggio
Valeria Benatti, Pino Cuttaia, Emanuele Vitrano Catania

Il programma della giornata gourmet con gli assaggio di Sicilia all’Ariosto Social Club

L’iniziativa, aperta al pubblico previa prenotazione fino a esaurimento posti, si articolerà in diversi momenti gourmet. 

Ecco il programma.

  • Dalle ore 9 alle ore 11: il primo appuntamento è dedicato alla colazione, il pasto più importante della giornata, con protagonista la mozzarella e la burrata, due prodotti caseari che regaleranno emozioni uniche a chi li prova.
  • Dalle ore 11 alle ore 12: lo spuntino di metà mattina è riservato al prosciutto crudo dei Nebrodi, dell’azienda agricola Agostino. I proprietari, Luisa e Sebastiano, si occuperanno di tagliare al coltello il loro prosciutto crudo, ottenuto dal suino nero di Nebrodi – Presidio Slow Food – che fino a 25 anni fa era a rischio estinzione ma che oggi, grazie all’impegno e alla passione dei due produttori e della Regione Siciliana, è tornato a essere allevato e apprezzato.
  • Dalle ore 12,30 alle ore 14,30: la pasta con la ricotta, è il piatto servito durante il pranzo. Una proposta semplice, dal sapore intenso, tipica della tradizione contadina siciliana che lo chef attualizzerà, custodendone l’essenza.
  • Dalle ore 16 alle ore 18: il momento della merenda viene celebrato con la tipica brioche con tuppo e gelato, dolce tipico della pasticceria siciliana. Golosissima, morbida e perfetta per un break di metà pomeriggio, il nome deriva dalla forma che ricorda lo chignon basso che le donne siciliane erano solite portare e che in dialetto si chiama tuppo.
  • Dalle ore 18 alle ore 20: per concludere la giornata, all’ora dell’aperitivo, non potevano mancare le amate arancine, un classico della migliore tradizione, nonché uno dei più celebri street food isolani conosciuto in tutto il mondo.
banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »