https://www.banfi.it/it/
banner
  • Story

Masi: Q1 record nell’anno delle 250 vendemmie dei Boscaini

Dello stesso argomento

BANNER

Tra i leader italiani nella produzione di vini Premium, Masi Agricola si è presentata all’appuntamento di Prowein, prestigiosa vetrina del panorama vitivinicolo internazionale, forte di un primo trimestre 2022 chiuso con numeri da record. Per la storica azienda del vino della Valpolicella, ricavi per 19 milioni di euro in crescita del 38,4% rispetto a quello che era stato il Q1 2021, chiuso a 13,7 milioni di euro, e un Ebitda di 4,7 milioni di euro (2,4 milioni di euro nel Q1 2021). Analizzando il trend dei ricavi a livello geografico, sottolinea una nota di Masi Agricola, si registra il rilevante incremento dell’Italia, che cresce del 53,6% contribuendo a oltre un terzo dell’aumento dei ricavi complessivi. Gli altri Paesi Europei e le Americhe crescono rispettivamente del 33,8% e del 32,3%, mentre il Resto del Mondo segna un incremento del 40% circa, arrivando a pesare il 6,5% sui ricavi complessivi. Il mix-prodotto, classificato secondo il posizionamento-prezzo retail, nel primo trimestre 2022 si è mantenuto sostanzialmente in linea con il controperiodo: Top Wines pari al 29%, Premium Wines al 47% e Classic Wines al 24%. E ora l’appuntamento di Düsseldorf non potrà che aiutare alla crescita anche in Q2 che per il Gruppo veneto si è aperto già positivamente.

Masi a ProWein: le 250 vendemmie della famiglia Boscaini

Masi a ProWein ha scelto di puntare sui focus della sostenibilità e sulla celebrazione dell’anniversario delle 250 vendemmie della famiglia Boscaini al vigneto storico “Vaio dei Masi” in Valpolicella Classica, da cui prende il nome l’azienda. 

“Siamo davvero contenti di tornare a Prowein, tra gli eventi di portata internazionale più importanti nel mondo del vino: una rassegna che vede presenti produttori e brand di tutto il mondo”, sottolinea Federico Girotto, amministratore delegato (in copertina, a destra con il presidente Sandro Boscaini). “Dopo la New York Wine Experience, l’autorevole evento di Wine Spectator a cui anche quest’anno abbiamo avuto l’onore di essere invitati, e Vinitaly, di nuovo in presenza, questo è il terzo ritorno new normal: un’opportunità qualificante che accelera il nostro lavoro di comunicazione e distribuzione”.

Anche in questa occasione il focus alle celebrazioni della 250esima vendemmia della famiglia Boscaini nel “Vaio dei Masi”, 1772 – 2022, vedrà come emblema al centro dello stand il logo realizzato dalla cantina veronese per celebrare questo importante traguardo. 

Il disegno scelto è una simbiosi grafica di quattro elementi, tra cui il numero 250 e le date, che accompagnano Masi dalle origini verso il futuro. La parte superiore del logo è ispirata all’architettura dello scenografico soffitto del nuovo Masi Operations & Visitor Center di Gargagnago, attualmente in costruzione, e rappresenta il futuro del marchio e la sua apertura verso il mondo. La parte grafica inferiore, con le caratteristiche viti delle etichette dei vini icona di Masi, rappresenta invece l’heritage del marchio ed evoca l’abbondanza della vendemmia.

Fresco di Masi e la strategia Green

Riflettori ovviamente puntati a Düsseldorf anche sul prodotto. Masi, infatti, è presente a ProWein con l’intera gamma di vini del Gruppo, comprese le novità presentate nell’ultimo anno, mantenendo il focus sul tema della sostenibilità a più livelli, per raccontare le tante anime che nascono sotto l’egida del progetto “Masi Green”. 

Tra questi, la nuova annata della linea bio Fresco di Masi, creata con un protocollo di lavorazione per sottrazione, ovvero minimizzando l’intervento dell’uomo sulla natura e caratterizzata, in particolare nella versione rosso, da una gradazione alcolica ancor più moderata. 

Accanto a loro il Prosecco biologico Casa Canevel – Diesel, nato da un originale processo a ciclo lungo, svolto in modo naturale con un’unica fermentazione. Un prodotto che combina l’expertise spumantistica di un brand Premium come Canevel e l’approccio creativo di Diesel, che ne ha disegnato l’originale packaging.

La nuova annata della linea bio Fresco di Masi uscita nell'anno delle 250 vendemmie della famiglia Boscaini
banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »