https://www.banfi.it/it/
banner
  • Eventi

Feudo Antico debutta a Cantine Aperte in Abruzzo

Dello stesso argomento

Debutto a Cantine Aperte per Feudo Antico, sabato 28 e domenica 29 maggio. Porte aperte per conoscere il suo progetto di archeo-enologia e degustare le etichette dell’azienda, tra i protagonisti del vino in Abruzzo.

Il programma Feudo Antico per il weekend di Cantine Aperte in Abruzzo il 28 e 29 maggio

L’Abruzzo del vino di Feudo Antico apre le sue porte a visitatori e wine lover partecipando per la prima volta a Cantine Aperte in Abruzzo, la manifestazione organizzata dal Movimento Turismo del Vino regionale in programma sabato 28 e domenica 29 maggio, che vede l’adesione di oltre 40 realtà vitivinicole abruzzesi.

L’evento a Feudo Antico sarà l’occasione per assaggiare i vini dell’azienda e conoscere il suo progetto di archeo-enologia: a partire dalle 15 di sabato 28 maggio e per tutta la durata dell’iniziativa, in gruppi di 5 persone, sarà infatti possibile visitare la cantina e la zona archeologica, il sito della villa romana di epoca imperiale scoperta nel 2013 durante i lavori di preparazione del suolo per i primi reimpianti di Pecorino. Con visita e wine tasting che sono a ingresso libero.

In programma nel corso del weekend anche alcune masterclass dedicate ai vini di Feudo Antico: alle 16 di sabato 28 maggio si terrà una esclusiva verticale di 4 annate di Casadonna Pecorino Terre Aquilane Igp, Pecorino d’alta quota che nasce tra l’Alto Sangro e l’Altopiano delle Cinque Miglia, frutto dell’incontro di Feudo Antico con lo chef tristellato Niko Romito. 

Alle 17, invece, è in programma una degustazione di 4 diverse espressioni di Rosato e di Montepulciano d’Abruzzo. 

Inoltre, dalle 15 alle 20, esperti sommelier condurranno gli special tasting, degustazione dei vini della Docg Tullum, per gruppi tra le sei e le otto persone. Seguirà una cena speciale, con 4 portate in abbinamento ai vini Feudo Antico, in collaborazione con Zietta al mercato, bistrot dello chef abruzzese Fabrizio Sacco.

Debutto a Cantine Aperte per Feudo Antico, sabato 28 e domenica 29 maggio. Porte aperte per conoscere il suo progetto di archeo-enologia e degustare le etichette dell’azienda in Abruzzo.

Porte aperte anche domenica 29 maggio, dalle 10 alle 20, quando si ripeteranno le visite guidate all’interno dell’azienda, accompagnate dalle degustazioni e gli special tasting. 

Tornano anche le masterclass: alle 11, nuova verticale di 4 annate di Casadonna Pecorino Terre Aquilane Igp, mentre alle 13 è in programma una degustazione di 4 etichette di Pecorino, per capire come lo stesso vitigno può esprimersi in maniera differente. 

A partire dalle 14, invece, l’assaggio di 4 diversi Montepulciano d’Abruzzo. Lo special event di domenica 29 maggio verterà, poi, sull’abbinamento di formaggi del Bio Agriturismo Valle Scannese e vini di Feudo Antico, dalle 17 alle 18.

Durante l’intera manifestazione sarà possibile acquistare e gustare lo street food preparato da Zietta al mercato. Per informazioni e prenotazioni e per avere il programma completo visitare il sito dell’azienda oppure scrivere una email all’indirizzo hospitality@feudoantico.it o chiamare il numero 340 8469682.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »