https://www.banfi.it/it/
banner
  • Trade

Isole e Olena è francese: Epi sbarca in Chianti Classico

Dello stesso argomento

I “francesi” del Brunello Biondi-Santi (e dei volti storici della Champagne Piper-Heidsieck e Charles Heidsieck) sbarcano in Chianti Classico. Epi, gruppo familiare indipendente di proprietà e gestito da Christofer Descours, ha comunicato di aver acquisito da Paolo De Marchi e famiglia la tenuta Isole e Olena, una delle più importanti e storiche cantine nella Toscana del Gallo Nero.

La storia di Isole e Olena in Chianti Classico: Paolo De Marchi e il Gallo Nero

Paolo De Marchi

Fondata nel 1956 dalla famiglia De Marchi, Isole e Olena conta 56 ettari di vigneti a 300 – 500 metri sul livello del mare e si trova a San Donato in Poggio nella Toscana del Gallo Nero. È realtà rinomata per far parte della selezionata cerchia di cantine che negli anni ’70 e ’80 ha promosso il riconoscimento del Chianti Classico come regione vinicola di alta qualità. 

Isole e Olena si è guadagnata la fama di essere un esempio di eleganza e autenticità nel Chianti Classico, grazie alla “visione” di Paolo De Marchi, alle sue ricerche e al lavoro sul campo. Il suo passato proprietario è stato un pioniere negli studi e nelle sperimentazioni nei vigneti con il chiaro obiettivo di valorizzare il territorio, migliorare le prestazioni dei vitigni autoctoni, principalmente il Sangiovese, attraverso la selezione massale e una mappatura dettagliata dei suoi terreni ricchi di galestro.

Sotto la guida di De Marchi è nato, tra gli altri, il Cepparello, uno dei primi Supertuscan che ha raccolto da subito il consenso dagli amanti del vino più esigenti del mondo ed è diventato l’emblema della tenuta.

Dopo il Brunello di Biondi-Santi, un altro simbolo di Toscana per i francesi di Epi Group: il nuovo assetto

Particolare soddisfazione trapela dalla Francia per l’operazione conclusa, che arricchisce di un nuovo diamante del vino di Toscana il prestigioso porfolio di Epi Group.

Christofer Descours, presidente, commenta: 

“Sono lieto che la rinomata tenuta Isole e Olena entri a far parte del nostro Gruppo. Rispettiamo profondamente la visione unica di Paolo De Marchi, la sua ricerca dell’eccellenza e la sua perseveranza nel produrre vini raffinati e autentici. Intendiamo proseguire il lavoro di Paolo De Marchi, mettendo la nostra passione per l’eccellenza e la nostra esperienza sui mercati internazionali al servizio dei vini unici di Isole e Olena”.

Dopo il Brunello di Biondi-Santi, un altro simbolo del vino di Toscana per i francesi di Epi Group, con Isole e Olena in Chianti Classico.

A fargli eco le parole dello stesso De Marchi, presidente ed enologo di Isole e Olena:

“Dopo aver dedicato gran parte della mia vita a Isole e Olena, sono contento di vedere la mia tenuta nelle mani di un Gruppo che condivide i valori a cui personalmente sono molto legato: la trasmissione del know-how, la valorizzazione del terroir e la ricerca dell’eccellenza. Contribuirò attivamente a questo nuovo entusiasmante capitolo di Isole e Olena per garantire una transizione graduale e fluida. Questa operazione non riguarda la mia proprietà di famiglia a Lessona in Alto Piemonte, gestita da mio figlio Luca, che potrà ora beneficiare di più del mio supporto ed esperienza”.

Paolo De Marchi manterrà il suo ruolo di enologo della realtà chiantigiana, mentre Giampiero Bertolini, attuale amministratore delegato di Biondi-Santi, assumerà la responsabilità operativa diretta di Isole e Olena in qualità di nuovo AD, occupandosi di entrambe le proprietà.

“Biondi-Santi e Isole e Olena condividono molti valori, primo fra tutti una lunga dedizione al Sangiovese e alle rispettive Denominazioni”, sottolinea Giampiero Bertolini. “Entrambe le tenute hanno una storia rinomata e una propensione alla viticoltura pionieristica; non vedo l’ora di lavorare fianco a fianco con Paolo per approfondire insieme come portare nel futuro il grande patrimonio di Isole e Olena, sia nel Chianti Classico che nel segmento Supertuscan”. 

Dopo il Brunello di Biondi-Santi, un altro simbolo del vino di Toscana per i francesi di Epi Group, con Isole e Olena in Chianti Classico.
Giampiero Bertolini

E in merito alla nuova acquisizione e al futuro della divisione vino di Epi Group, Damien Lafaurie, Ceo di Epi Wine & Champagne, chiosa:

“L’acquisizione della tenuta iconica Isole e Olena rappresenta un momento importante per noi, poiché prosegue lo sviluppo della nostra presenza in Italia dopo l’acquisizione di Biondi-Santi”. 

“È un privilegio continuare lo straordinario lavoro che Paolo De Marchi ha compiuto in più di quarant’anni in Isole e Olena e per la denominazione Chianti Classico”.

“Crediamo profondamente nel potenziale di crescita dei migliori vini italiani sui principali mercati internazionali e siamo determinati a continuare a investire nella qualità dei nostri vini, dei nostri marchi e delle nostre reti distributive, affinché vengano riconosciuti tra i migliori vini al mondo”.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »