https://www.banfi.it/it/
banner
  • Story

Langosteria, mare e monti: Paraggi si rinnova aspettando St. Moritz

Dello stesso argomento

banner

Stagione estiva al via per Langosteria a Paraggi. Nella splendida location tra Portofino e Santa Margherita Ligure, hanno riaperto le porte del ristorante pied-dans-l’eau del Gruppo milanese capitanato da Enrico Buonocore. E sono tante le novità ad attendere gli ospiti in quest’oasi del riposo e del gusto, a iniziare dalla rinnovata partnership con il Gruppo Belmond, che gestirà gli storici Bagni Fiore per la seconda stagione, quest’anno in parte personalizzati da Dior. Un nuovo connubio nel segno della più raffinata eleganza, che scandirà la Dolce Vita nella Riviera Ligure in attesa dell’altro atteso opening dell’anno: quello che entro fine 2022 porterà Langosteria sulle piste di St. Moritz.

Come cambia Langosteria Paraggi

Langosteria inaugura l’estate di Paraggi con il ristorante sempre più immerso in un ambiente che dialoga con il panorama circostante. La sala, così come la terrazza, affacciata sulla splendida baia, a richiamare le atmosfere marinare. E l’uso sapiente della luce a definire ogni angolo del ristorante, come da tradizione e cifra stilistica per Langosteria, contribuendo a creare un’atmosfera soffusa e raffinata.

Quest’anno, Langosteria Paraggi si presenta anche con un nuovo volto frutto dei numerosi investimenti strutturali promossi, che hanno portato al rifacimento della terrazza e al rinnovamento e ampliamento degli spazi cucina, con l’aggiunta nell’offerta della preparazione di piatti cucinati sulla brace viva con il metodo robata.

A dirigere l’attività del ristorante Marco Pannacci, storico general manager del Gruppo, con l’ausilio dal restaurant manager Bruno Rago e dell’executive-chef Antonio D’Ambrosio.

Si rinnova la partnership con il Gruppo Belmond ai Bagni Fiore personalizzati Dior

Paraggi si rinnova e a venire riconfermata è anche la partnership con il Gruppo Belmond, che gestirà gli storici Bagni Fiore per la seconda stagione, quest’anno in parte personalizzati con un’altra realtà del lusso della galassia che fa capo a Lvmh: Dior. 

Langosteria Paraggi si rinnova in attesa di salire ad alta quota: entro fine 2022 opening in montagna sulle piste di St. Moritz in Svizzera. Ph Kristen Pelou dei Bagni Fiore Dior
Ph. Kristen Pelou

La Maison, che sbarca nel borgo ligure con un concept store, va ad animare le terrazze dei Bagni Fiore con un nuovo bar e spazio lounge, vestendo elegantemente cabine, lettini e ombrelloni con una versione verde dell’iconico pattern toile de Jouy. 

A completamento dell’offerta, è allestita una Spa Dior temporanea in riva al mare per coccolare i clienti con trattamenti su misura, a chiudere il cerchio di una experience che, nella baia di Paraggi, declina nella sua massima espressione il concetto di ospitalità, in attesa dell’altra grande novità per il 2022, che porterà entro fine anno la proposta di Langosteria anche a St. Moritz.

Langosteria ad alta quota: entro fine 2022 sulle piste di St. Moritz

Langosteria, infatti, ha posto in agenda, dopo Milano, Paraggi e Parigi, l’apertura di un nuovo locale a St. Moritz, in Svizzera, entro la fine del 2022.

Dopo quelle che era stata l’esperienza “stagionale” del 2017 con il Fish Bar Courmayeur in collaborazione con Super G, è un ritorno ad alta quota per il Gruppo. In questo caso, però, la prima “vera” location di montagna con insegna Langosteria troverà una dimora tutta sua a “Chesa Chantarella”, una baita tipica dotata di un’ampia terrazza con ingresso diretto sulle piste da sci del comprensorio del Corviglia. Un’atmosfera suggestiva e accogliente, dunque, circondata da un panorama mozzafiato. Con l’operazione a configurarsi come la seconda apertura all’estero, dopo Parigi, proseguendo la strategia di posizionamento di Langosteria in location strategiche.

Langosteria Paraggi si rinnova in attesa di salire ad alta quota: entro fine 2022 opening in montagna sulle piste di St. Moritz in Svizzera.
Enrico Buonocore
banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »