https://www.banfi.it/it/
banner
  • Trade

Enoturismo e vendita diretta: partnership tra Divinea e Winelivery

Dello stesso argomento

banner

Al via la nuova partnership tra Divinea, impresa tecnologica nata nel 2019 e specializzata in prodotti e servizi digitali per il settore vitivinicolo, e l’App Winelivery. Ad annunciarlo le stesse realtà, che hanno siglato un’intesa per aiutare le cantine a potenziare il proprio business enoturistico ed incrementare le vendite di vino dirette al consumatore finale. Sfruttando il know-how tecnologico di Divinea nella gestione dei servizi legati all’enoturismo e il network di Winelivery, attraverso l’omonima App scaricata da oltre 1 milione di italiani, la collaborazione consentirà di raggiungere un duplice obiettivo: da una parte le aziende vitivinicole italiane potranno incrementare il flusso di visitatori in cantina, dall’altra gli appassionati che vogliono entrare in contatto diretto con i loro brand di vino preferiti potranno migliorare la loro esperienza di acquisto.

Come funziona l’intesa tra Divinea e Winelivery per incrementare la vendita diretta di vino e l’enoturismo

Le 2 aziende collaboreranno, dunque, all’integrazione dei rispettivi strumenti, il software Wine Suite di Divinea e l’App Winelivery, per favorire sia le realtà vitivinicole sia i wine lover. 

“La collaborazione con Winelivery permette alle aziende vitivinicole che già utilizzano la nostra piattaforma di Crm e marketing, Wine Suite”, spiega Filippo Galanti, co-founder di Divinea (in foto, a sinistra), “di far conoscere le proprie attività enoturistiche direttamente nell’App di Winelivery. Allo stesso tempo le informazioni saranno inserite automaticamente sull’App di Winelivery, permettendo alle cantine, non solo di risparmiare tempo e di aumentare la visibilità delle proprie esperienze, ma anche di offrire ai clienti di Winelivery una migliore esperienza di acquisto”.

Sfruttando l’integrazione di Wine Suite, le cantine saranno in grado di promuovere in modo proattivo le proprie esperienze enoturistiche direttamente sull’App di Winelivery. Il sistema permetterà inoltre di creare tour e degustazioni in totale autonomia, aggiornare in tempo reale le disponibilità per ricevere prenotazioni ed integrare le prenotazioni ricevute con il proprio calendario di lavoro. 

Allo stesso tempo, gli appassionati di vino potranno utilizzare l’App di Winelivery oltre che per la consegna di vino a casa propria alla temperatura di servizio, anche per accedere a centinaia di esperienze e proposte enoturistiche nelle più belle cantine di tutta Italia, prenotando direttamente in App l’esperienza desiderata grazie ad un sistema di booking istantaneo.

“Era da tempo che cercavamo una modalità che ci permettesse di offrire un’esperienza utente di alto livello per lanciare una linea di business legata all’enoturismo”, sottolinea Francesco Magro, Amministratore delegato di Winelivery (in foto, a destra). “Grazie all’integrazione con Wine Suite siamo riusciti nell’obiettivo e siamo sicuri che questa partnership sarà capace di portare molto valore a tutti i nostri utenti”.

Come funziona l’intesa tra Divinea e Winelivery per incrementare la vendita diretta di vino e l’enoturismo. Un nuovo accordo tra le 2 realtà.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »