https://www.banfi.it/it/
banner
  • Trade

Vecchia Cantina di Montepulciano: centrato l’obiettivo della certificazione Equalitas

Dello stesso argomento

A pochi giorni dalla certificazione di sostenibilità per la Denominazione intera, primo caso in Italia, il Vino Nobile di Montepulciano può vantare un altro importante obiettivo raggiunto grazie alla certificazione di sostenibilità ottenuta da una delle aziende di riferimento della Docg per numeri e per storia, la Vecchia Cantina di Montepulciano. La storica realtà toscana ha infatti raggiunto l’obiettivo certificato secondo lo standard Equalitas come organizzazione sostenibile.  “Un impegno che ci siamo presi ormai da qualche anno, anche proprio per sostenere il percorso che ha portato il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano ad essere la prima Denominazione italiana con questo marchio”, spiega il presidente della Vecchia Cantina di Montepulciano e numero uno del Consorzio da poco riconfermato, Andrea Rossi. “Abbiamo lavorato d’intento con i circa 400 soci per sensibilizzarli a un approccio diverso al lavoro quotidiano, un passaggio non facile, ma di grande importanza sotto vari punti di vista, quello etico e sociale innanzi tutto”. 

La certificazione arriva in un momento particolare per la cooperativa poliziana, che proprio in questi giorni sta portando a termine un altro importante progetto, quello legato al restyling della struttura nell’ottica soprattutto dell’enoturismo (in foto sotto il progetto), quindi dell’accoglienza e dell’educazione nei confronti del consumatore non solo per quanto riguarda il concetto di qualità e specificità del prodotto, ma anche appunto della sostenibilità e dell’incidenza positiva che porta al suo territorio, sia in termini ambientali, sociali ed economici. 

Vecchia Cantina di Montepulciano: centrato l’obiettivo della certificazione di sostenibilità Equalitas per un volto storico della Toscana.

Cos’è lo standard Equalitas di certificazione per la sostenibilità

Lo standard Equalitas, elaborato dall’omonima società italiana controllata da FederDoc, consente la certificazione di sostenibilità dell’Organizzazione, ovvero della singola impresa vitivinicola, dei prodotti vitivinicoli e delle Denominazioni di Origine. Studiato espressamente per il settore vitivinicolo, è certamente tra i più all’avanguardia a livello internazionale, l’unico a prevedere anche la certificazione delle Denominazioni di origine. 

Equalitas è un protocollo molto impegnativo che implica il rispetto di un numero elevato di requisiti ambientali, come la misurazione dell’impronta carbonica e dell’impronta idrica, e socio economici, come la verifica del rispetto delle libertà sindacali e delle pari opportunità. Inoltre, lo standard prevede anche il raggiungimento di obiettivi progressivi e la stesura di un bilancio di sostenibilità nel quale presentare e comunicare i risultati ottenuti.

La Cooperativa Vecchia Cantina di Montepulciano: un volto storico della Toscana del vino

La Cooperativa Vecchia Cantina di Montepulciano, fondata nel 1937, oggi conta circa 400 soci, che hanno scelto di lavorare insieme con passione e nel rispetto del territorio con un obiettivo comune: garantire prodotti sempre più di qualità a un prezzo accessibile. 

I vigneti si estendono sui territori dei Comuni toscani di Montepulciano, Pienza, Cetona, Torrita di Siena, Sinalunga, Foiano della Chiana, Castiglion Fiorentino, Cortona e Chiusi, oltre che su quelli umbri di Città della Pieve e Castiglion del Lago. 

La Vecchia Cantina di Montepulciano abbraccia, dunque, 2 regioni e 3 province: Siena e Arezzo in Toscana, Perugia in Umbria. Con la Cooperativa che mette al servizio dei suoi soci la lunga esperienza nel settore offrendo nuove e moderne tecniche di lavorazione, oltre a un team di agronomi ed enologi che dà supporto durante l’intero ciclo produttivo e nella valorizzazione del prodotto.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »