https://www.banfi.it/it/
banner
  • Collection

Alta Langa Hundred Sixty Four 2012: una bollicina speciale per i primi 164 anni di Fontanafredda

Dello stesso argomento

banner

Una bollicina esclusiva per festeggiare il 164esimo compleanno: Fontanafredda brinda con un’edizione limitata dell’Alta Langa Docg dal packaging d’eccezione all’importante traguardo. Un’edizione limitata, che riporta in bianco e oro la serigrafia di una stampa originale dell’intera tenuta fondata dal primo Re d’Italia. Creato per questo speciale anniversario, L’Alta Langa Hundred Sixty Four 2012 è un 100% Pinot Nero dal pérlage fine e persistente realizzato in sole 4338 bottiglie, sboccate dopo 105 mesi sui lieviti.

Alta Langa Hundred Sixty Four 2012, una bottiglia speciale per un compleanno speciale: la bollicina per i primi 164 anni di Fontanafredda.

Una bottiglia speciale per un compleanno speciale: l’Alta Langa per i primi 164 anni di Fontanafredda

Una bottiglia speciale per un compleanno speciale. È con l’edizione limitata Alta Langa Docg Hundred Sixty-Four 2012 che Fontanafredda festeggia 164 anni dalla sua fondazione, da quel lontano 17 giugno 1858, quando “un atto di comando del regio delegato” al comune di Serralunga d’Alba, testimoniò, “per ingiunzione”, l’iscrizione nel patrimonio privato di Vittorio Emanuele II, allora ancora Re di Sardegna, una superficie di 138,82 “giornate piemontesi”. Una storia che nasce dall’amore tra il primo Re d’Italia e Rosa Vercellana, a cui il sovrano donò il terreno acquisito nel 1858, dove ancora oggi sorge la cantina, e che attualmente raggiunge i 120 ettari totali di vigneti certificati e coltivati a Biologico.

È proprio la tenuta di Fontanafredda, il pegno d’amore di Vittorio Emanuele II alla sua Bela Rusin, ad aver ispirato il packaging della bollicina del 164esimo compleanno, che celebra l’anniversario della realtà che produce grandi vini in Serralunga d’Alba, nel cuore delle Langhe Patrimonio dell’Unesco. 

“Un traguardo non da poco, quello raggiunto con i nostri 164 anni di storia, che abbiamo scelto di festeggiare con la bollicina più rappresentativa del territorio piemontese, l’Alta Langa, una denominazione che, negli ultimi anni, sta collazionando continui successi e che si posiziona ai livelli dei grandi spumanti italiani”, spiega l’azienda. “Ricca di profumi, cremosa, fresca al palato e persistente nella lunghezza gustativa grazie all’uva 100% Pinot Nero e i 105 mesi di affinamento sui lieviti. L’Alta Langa Hundred Sixty Four 2012 è una bollicina unica nel suo genere, capace di raccontare la nostra tradizione centenaria nel calice di tutti”. 

Alta Langa Docg Hundred Sixty-Four 2012 Fontanafredda

Dal colore giallo oro con riflessi verdi, questa edizione esclusiva è caratterizzata da un pérlage finissimo e molto persistente, al naso i profumi di grande intensità e complessità ricordano il miele millefiori, le spezie, la frutta secca tostata e la crosta di pane. In bocca si avverte tutta la struttura del Pinot Nero con un retrogusto lungo e sensazioni di freschezza e sapidità. Ottenuto dalla vinificazione di uve che, grazie all’altitudine, maturano con lentezza in modo da produrre aromi molto particolari, è sboccato dopo un periodo di affinamento sui lieviti di almeno 9 anni. Si tratta di uno spumante Metodo Classico che ben si presta come aperitivo ma, soprattutto, per la sua indiscussa personalità rappresenta un modo eccellente per accompagnare con classe tutte le portate.

banner
BANNER
BANNER

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »