https://www.banfi.it/it/
banner
  • Story

Un’estate italiana da degustare al calice grazie a Coravin

Dello stesso argomento

BANNER

Un’estate tutta da degustare. Seduti ai tavoli più prestigiosi delle migliori destinazioni della ristorazione in giro per l’Italia. Un viaggio in 6 tappe tra le più spettacolari location del Bel Paese – da Portofino a Cortina d’Ampezzo, da Taormina al Lago di Garda – alla scoperta di etichette d’eccellenza. Tutto questo e tanto più ancora è il progetto “A Sip of Summer by Coravin”, che per la prima volta offre a neofiti e appassionati l’opportunità di avventurarsi alla scoperta di un’esclusiva selezione di vini al calice, grazie all’innovativa tecnologia Coravin che permette di godersi un bicchiere senza dover stappare la bottiglia, eliminando così il rischio di ossidazione. Ecco dove trovare la speciale wine list.

A Sip of Summer by Coravin: quali sono le location in Italia con le speciali wine list al calice

L’iniziativa “A Sip of Summer by Coravin” coinvolge selezionate location estive dal fascino unico: dalla splendida piazzetta di Portofino, sulla Riviera Ligure, con il ristorante Cracco Portofino, alla vicina Laigueglia con lo storico Hotel Windsor, recentemente riaperto dopo un importante restauro; dalle montagne di Cortina d’Ampezzo con il SanBrite, raffinata malga stellata, fino al mare siciliano di Taormina con l’eclettico Morgana Lounge Bar. E ancora: da Stresa, sulle rive del Lago Maggiore, con il Gigi Bar, fino a Puegnago sul Garda con Casa Leali, una delle realtà più amene e accattivanti del panorama della cucina lacustre. A partire da oggi e fino al 20 settembre, alcune tra le migliori bottiglie in carta in questi sei locali si potranno bere al calice, grazie a uno degli strumenti Coravin: il Timeless, il Pivot o lo Sparkling

“A Sip of Summer è un progetto in cui crediamo molto perché incarna perfettamente lo spirito di Coravin: la tecnologia al servizio della vita di tutti i giorni per rendere più accessibili anche i vini più pregiati e per supportare i professionisti del food & beverage durante la loro attività garantendo una conservazione corretta del vino ed evitando sprechi e impoverimenti sensoriali”, sottolinea Greg Lambrecht, fondatore di Coravin. “Così vogliamo permettere ai consumatori di godersi un sorso d’estate scoprendo la varietà dell’offerta dei vini del territorio, partendo dalle location più prestigiose per arrivare nelle case di tutti gli appassionati”.

Da Portofino a Cortina d’Ampezzo, 6 destinazioni per un’estate italiana tutta da degustare

Ciascuna tra le 6 location protagoniste di “A Sip of Summer by Coravin” racconterà alla propria maniera il suo peculiare carattere e il territorio di riferimento attraverso una Summer Wine List appositamente studiata per l’occasione.

“Con passione e coraggio cerchiamo piccole realtà che valorizzino al meglio l’intero territorio italiano, rispettando le varietà, le rese e i terroir”, afferma Stefano La Mantia de Il Gigi Bar di Stresa a proposito dei principi ispiratori della propria carta dei vini.

Alessandro Sironi, albergatore che per anni si è dedicato al progetto di restauro dello storico Hotel Windsor a Laigueglia, per questa prima stagione propone, insieme al maître Gianmichele Fois, una carta dei vini in continua evoluzione che raccoglie le etichette delle realtà vitivinicole provenienti dalle principali regioni italiane pur mantenendo una particolare attenzione ai piccoli produttori locali. Una selezione rappresentativa delle eccellenze del territorio ma anche e soprattutto della storia e dei ricordi personali, con l’obiettivo di raccontare i valori fondanti dell’hotel: semplice raffinatezza e qualità.

A Casa Leali, sul Garda, “la mescita rispecchia quella che è la filosofia della nostra carta vini, con ricercatezza e qualità. Cerchiamo sempre di proporre ai nostri clienti bottiglie speciali e mai scontate”, spiegano lo chef Andrea Leali e Marco Leali, sommelier e maître di sala. 

I vini scelti per la carta estiva di Cracco Portofino rispecchiano l’eleganza e l’equilibrio del locale e sono studiati per accompagnare i piatti più iconici dello chef. “Le etichette che abbiamo scelto per il progetto raccontano il territorio con eleganza, raffinatezza e passione”, sottolinea lo chef Carlo Cracco. “Il nostro desiderio è narrare una storia, che sia attraverso un piatto o un vino. Con Coravin vogliamo estendere questo racconto a chi ancora non lo conosce, esaltandone sostenibilità ed efficienza tecnologica”.

Da Portofino a Cortina d’Ampezzo, 6 destinazioni per un’estate italiana tutta da degustare al calice con A Sip of Summer by Coravin.
Marcello Magaldi, regional sales manager Coravin, con chef Carlo Cracco

Paolo Viola, Bar Consulente evidenzia come “missione di Morgana Lounge Bar di Taormina è la salvaguardia dell’ambiente; la selezione dei vini ricade sui prodotti tipici del territorio. A questa scelta etica si mescolano marche internazionali per incontrare i gusti variegati di un pubblico vasto”.

Al SanBrite di Cortina “la cantina vanta un’ampia selezione di vini per nulla casuale”, condivide la General Manager e Maître Ludovica Rubbini. “Crediamo che ogni vino debba legarsi alla nostra azienda e alla filosofia che la caratterizza. I vini che abbiamo scelto per la proposta al calice sono una selezione di quelli che riteniamo essere i più rappresentativi e coerenti rispetto ai piatti dei nostri menu. Utilizziamo Coravin da tempo e apprezziamo la possibilità di ridurre gli sprechi migliorando la conservazione dei vini. La sostenibilità è un tema cui siamo molto legati e per questo siamo contenti di far scoprire ai nostri clienti come conservare correttamente il vino pur mantenendo un’elevata qualità”.

Con A Sip of Summer la tecnologia Coravin viene messa al servizio di pubblico, ristoranti e hotel che potranno così sperimentare in prima persona l’efficacia e la facilità di utilizzo di ciascun sistema, rendendo accessibili bottiglie importanti e pregiate.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »