https://www.banfi.it/it/
banner
  • Trade

O Magazin Portofino raddoppia: bistrot a Santa Margherita

Dello stesso argomento

Lo storico ristorante O Magazin di Portofino raddoppia. Alla storica insegna si aggiunge O Magazin Bistrot, nei suggestivi caruggi di Santa Margherita. Per un progetto che rappresenta l’incontro di tre personalità che provengono da diversi ambiti. Simona Mussini, legata all’azienda di famiglia e al ristorante di Portofino, lo chef genovese Edo Ferrera e l’imprenditore milanese Marcello Forti, con una grande esperienza nel settore alberghiero food & beverage, si uniscono per dare vita a un nuovo format: l’obiettivo comune è quello di promuovere il territorio e dare risalto a uno dei golfi più affascinanti della nostra penisola. Per un’estate all’insegna delle novità.

La storia, la famiglia Mussini e le novità dell’estate del ristorante a Portofino

Dal 1990 la storia del ristorante O Magazin a Portofino si lega indissolubilmente a quella della famiglia Mussini e al mondo del mare. Le sorelle Emilia e Simona rilevarono l’attività di quel vecchio “magazzino” dove i nonni custodivano le reti e l’attrezzatura da pesca e ne fecero il ristorante, punto di riferimento che è oggi. 

La famiglia Mussini, a capo dal 1949 di uno storico cantiere navale fondato da Giorgio Mussini, è da sempre legata al mare e al Tigullio tanto che il richiamo alla nautica e ai suoi elementi è evidente anche nel design e nella concezione del ristorante.

Il Ristorante e il Bistrot hanno iniziato la stagione estiva con uno slancio che da sempre contraddistingue la filosofia di Ö Magazìn. In cantiere ci sono progetti di ampliamento dell’offerta, come il lancio di un aperitivo a base di finger food locali, salumi di mare abbinati ad una selezionata cantina di vini della zona, tra cui Vermentini e Bianchetta.

Lo chef Edo Ferrera alla guida di O Magazin Bistrot a Santa Margherita Ligure: menù, location e le novità estate del ristorante a Portofino.

Lo chef Edo Ferrera alla guida di O Magazin Bistrot a Santa Margherita Ligure: menù e location

Il risultato dell’incontro tra Mussini, Ferrera e Forti è un ristorante che racchiude in sé la tradizione del luogo e della sua cucina che si vuole proiettare verso il futuro per diventare una realtà replicabile ed esportabile in altre località nazionali, anche fuori dai nostri confini. 

La cucina di O Magazin Bistrot è affidata a una firma non scontata nel panorama gastronomico, quella di Edo Ferrera, il “cuoco nomade e irrequieto”. Protagonista indiscusso nel menù di Santa Margherita – come in quello di Portofino – è il pescato, elaborato secondo una tecnica che si avvicina al fine dining. Semplicità e sostanza sono gli elementi chiave di questa formula, secondo il principio less is more.

Le proposte del menù sono un tributo alla Liguria. Non mancano le linguine di Gragnano ai muscoli di La Spezia, le iconiche trofie al pesto – simbolo per eccellenza della gastronomia regionale – e gli gnocchi di patate quarantine al ragù bianco di coniglio alla Ligure. 

La carta si arricchisce anche di una proposta che strizza l’occhio alla tradizione lombarda ad omaggiare le origini di Marcello Forti, la tipica cotoletta alla milanese.

Lo chef Edo Ferrera alla guida di O Magazin Bistrot a Santa Margherita Ligure: menù, location e le novità estate del ristorante a Portofino.

Se da O Magazin di Portofino, in Calata Marconi 33, si pranza e cena con i piedi nell’acqua, a Santa Margherita il contesto è quello dei vicoletti del centro storico, in via Cairoli 3, in un palazzo antico caratterizzato da splendide volte dipinte. 

Come nella location gemella, i riferimenti al mondo del mare sono evidenti nell’arredo e nella concezione dello spazio. Il fil rouge è rappresentato dai tavolini originali ispirati all’imbarcazione tipica dell’azienda Mussini, “l’Utility di Portofino”. 

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »