https://www.banfi.it/it/
banner
  • Eventi

Milano Wine Week 2022: quinta edizione, tutte le novità

Dello stesso argomento

Accessibilità, internazionalità e coinvolgimento del pubblico: queste le 3 parole d’ordine della quinta edizione di Milano Wine Week. La manifestazione, dall’8 al 16 ottobre prossimi, spalancherà nuovamente al mondo del vino le porte del capoluogo lombardo con un programma che si rinnova. L’obiettivo è quello di sempre: trasformare Milano in un hub enologico, coinvolgendo wine lover, appassionati, opinion leader e operatori del settore provenienti da tutto il mondo che si daranno appuntamento sotto la Madonnina per vivere un’esperienza a 360°, grazie al coinvolgimento tutti i più noti quartieri cittadini, dedicata alla valorizzazione delle eccellenze italiane. Ma quali saranno le novità di Milano Wine Week 2022? Ve le sveliamo.

Le novità di Palazzo Serbelloni e del wine shop targato Haier: le location di Milano Wine Week 2022

Prima novità per Milano Wine Week 2022 vede protagonisti gli spazi della kermesse. Al cuore del capoluogo lombardo, 3 le sedi designate per fare da “casa” alla ricca agenda della manifestazione: il Babila Building, Palazzo Bovara e la new entry 2022 di Palazzo Serbelloni.

Le location costituiranno il più frequentato e prestigioso asse della manifestazione, con attività per professionisti e consumer in programma negli headquarter, nelle vie attigue e negli esercizi di somministrazione e commerciali. 

Un vero e proprio défilé per appassionati, professionisti e key player internazionali dove scoprire le grandi etichette e le cantine emergenti, attraverso attività ed esperienze pensate per aprire le porte della città alle aziende vinicole di tutta Italia, grazie a modalità di partecipazione scalari, occasioni di business efficaci e all’accesso alla più iconica vetrina del lifestyle made in Italy.

Milano Wine Week 2022, tutte le novità: Masterclass, Mww Awards, Palazzo Serbelloni, Wine Districts, accordo con Ice-Maeci per l’incoming B2B.
Palazzo Bovara

Palazzo Serbelloni, lo splendido palazzo in corso Venezia 16, sarà teatro della conferenza stampa di apertura della manifestazione nonché di importanti incontri quali i Forum della Milano Wine Week, consueto appuntamento di approfondimento e formazione che indagherà temi di grande rilevanza – dal ruolo delle nuove generazioni di produttori e consumatori all’internazionalizzazione del vino italiano, passando per l’innovazione di settore e i migliori case studies delle eccellenze vinicole – con un format rinnovato, più dinamico e coinvolgente, che metterà in dialogo i protagonisti del settore, nazionali e internazionali.

Nella rinnovata location del Babila Building, invece, nascerà l’Enoteca Mww. Qui troveranno spazio banchi d’assaggio e postazioni con sommelier specializzati dove i visitatori potranno degustare un’ampia gamma di referenze e interagire personalmente con i produttori che presidieranno i Tavoli dei Vignaioli e i Walk Around Tasting. Con una entrance fee minima, tutte le aziende e i produttori vitivinicoli potranno ottenere il loro spazio dedicato all’interno dell’innovativo wine shop e avranno così l’occasione di raccontare i propri prodotti al grande pubblico. 

Il Babila Building, infine, sarà il punto di partenza dei Walk Around Tasting e dei Wine Tour alla scoperta della ricchezza dei territori del vino a due ore massimo di distanza dal capoluogo lombardo.

Milano Wine Week 2022, tutte le novità: Masterclass, Mww Awards, Palazzo Serbelloni, Wine Districts, accordo con Ice-Maeci per l’incoming B2B.

Masterclass, Mww Awards e Wine Districts: il programma di Milano Wine Week 2022

Quartier generale della manifestazione per il pubblico trade sarà, ancora una volta, Palazzo Bovara, in corso Venezia 51. Con 3 sale degustazione connesse con 11 location in 7 Paesi chiave per l’export del vino, i suoi spazi ospiteranno, in contemporanea con l’Italia, le masterclass dedicate agli operatori internazionali.

Come vi abbiamo già anticipato, ritorneranno anche nel 2022 i Mww Awards, giunti alla seconda edizione. In una serata di gala, una giuria composta da esperti assegnerà il Premio Carta Vini alle migliori selezioni vinicole del settore della ristorazione e il Premio Wine Retail a quelle dei rivenditori al dettaglio.

Infine, per tutti gli appassionati e wine lover, Milano Wine Week 2022 manterrà la sua caratteristica impostazione di evento diffuso. Ai già celebri Wine Districts, riformati con attività curate da Mww che permetteranno di unire le peculiarità di ogni quartiere con le esperienze legate al mondo del vino, si affiancheranno le cosiddette Wine Streets, con location dedicate a consumatori e professionisti, oltre a installazioni, esperienze e iniziative in tutta la città.

Milano Wine Week 2022, tutte le novità: Masterclass, Mww Awards, Palazzo Serbelloni, Wine Districts, accordo con Ice-Maeci per l’incoming B2B.

Ritorna il grande pubblico e accordo con Ice-Maeci per l’incoming B2B

Obiettivo di Milano Wine Week 2022 è proprio quello di lasciarsi alle spalle gli anni della pandemia, che ne hanno limitato l’organizzazione di iniziative in presenza destinate al grande pubblico. La kermesse punta dunque a riappropriarsi della connotazione di grande manifestazione esperienziale, non solo grazie a un calendario fitto di eventi e iniziative, ma anche grazie a un sistema facilmente fruibile con il supporto dell’App Mww lanciato 12 mesi fa, che renderà sempre più accessibile e intuitiva la navigazione del palinsesto e la scoperta delle attività, dei prodotti e dei protagonisti degli eventi.

In parallelo, in un momento per il settore enologico caratterizzato da ottime performance, ma anche da importanti rincari dovuti principalmente alla difficoltà di reperimento delle materie prime, la Milano Wine Week rilancia sul suo volto B2B. Per creare opportunità di business efficaci, via a un importante progetto di incoming sviluppato grazie al supporto di Ice-Maeci, che porterà a Milano una grande delegazione di buyer e stampa internazionali. Ma tra le novità di Milano Wine Week 2022, anche le nuove strutture messe a disposizione al fine di agevolare il contatto con i key player del settore e il ricco palinsesto internazionale che coinvolgerà gli operatori dei più importanti mercati vinicoli mondiali (Canada – Stati Uniti – Uk – Cina – Giappone) che vedrà aggiungersi la tappa di Houston fra le sedi Usa coinvolte, ad affiancare New York e Chicago per garantire la copertura di tutti i principali target statunitensi dell’export.

“Milano Wine Week arriva alla sua quinta edizione e come ogni anno”, spiega Federico Gordini, Presidente di Mww Group, “l’obiettivo del nostro gruppo di lavoro è quello di costruire una manifestazione che sappia adattarsi alle mutevoli condizioni del mercato e degli scenari internazionali”. 

“Quest’anno, più che mai, la nostra offerta permetterà ad aziende e Consorzi di tutte le dimensioni di poter essere presenti all’evento con iniziative diverse pensate per raggiungere sia il mondo degli operatori italiani sia i più importanti mercati di export attraverso il nostro sistema di Masterclass internazionali”. 

“Oltre al lato trade della manifestazione – che quest’anno sarà rafforzato anche per quanto riguarda le attività milanesi grazie al primo Incoming di operatori esteri realizzato con il contributo di Ice-Maeci – dopo anni di pausa forzata degli eventi ad alto coinvolgimento di pubblico, Milano Wine Week torna a proporre il più innovativo hub di attività dedicate al consumatore, coinvolgendo un numero sempre più ampio di location dove si terranno iniziative che diventeranno una piattaforma di grande efficacia per la comunicazione e l’interazione tra il mondo del vino e il pubblico”.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »