https://www.banfi.it/it/
banner
  • Story

70 anni di cooperazione per Cantine dei Colli Berici

Dello stesso argomento

Buon compleanno a una delle cooperative simbolo del vino Veneto. Cantine dei Colli Berici di Lonigo, Barbarano Vicentino e San Bonifacio ha celebrato i primi 70 anni dalla fondazione, chiamando a raccolta soci, dipendenti, autorità e stakeholder per un momento di festa e per tirare un bilancio della sua crescita. L’evento ha avuto luogo nei giorni scorsi nella sede in viale Vicenza a Lonigo e ha visto la partecipazione di oltre 600 persone. “La forza di Cantine dei Colli Berici è la cooperazione”, spiega il presidente Pietro Zambon, “fin dalla sua costituzione avvenuta nel 1951 al caffè Borsa di Lonigo. Lì, alcuni imprenditori agricoli locali fondarono una cooperativa per lavorare le uve e vendere i vini ottenuti, adottando un unico metodo ed un’unica strategia produttiva e commerciale. Negli anni la struttura si è ingrandita fino alla fusione con la cantina di Barbarano Vicentino, e successivamente con la cantina di San Bonifacio. Un percorso di crescita che prosegue fino a oggi”. Nel 1999, infatti, Cantine dei Colli Berici ha acquisito la maggioranza nell’azienda della famiglia Cielo al fine di garantire un miglior sbocco commerciale della propria produzione. Nel 2001, poi, Cantina di Colognola ai Colli è entrata nel capitale della azienda della Casa Vinicola Sartori, spinta dalle medesime finalità. Nel 2008 le due realtà, Cantine dei Colli Berici e Cantina di Colognola ai Colli, che nel frattempo si è fusa con Cantina di Merlara, hanno costituito il Consorzio di secondo livello Collis Veneto Wine Group, che detiene anche l’intero capitale sociale di Cantine Riondo. Il Gruppo, così, conta oggi oltre 2mila soci, che grazie ai circa 6mila ettari di vigneto coltivati tra le province di Verona, Vicenza e Padova conferiscono a Collis le più prestigiose Doc del territorio, tra cui Colli Berici, Prosecco, Valpolicella, Soave, Pinot Grigio. 

Il futuro di Cantine dei Colli Berici e del Gruppo Collis guidato da Pietro Zambon: le sfide dei prossimi anni e la festa dei primi 70 anni.
Pietro Zambon

Il futuro di Cantine dei Colli Berici e del Gruppo Collis: le sfide per i prossimi anni

Il Gruppo Collis, dunque, può guardare al futuro con fiducia ma consapevole delle sfide che si dovranno affrontare. 

“È doveroso”, sottolinea Zambon, “lavorare nel rispetto del creato ponendo una sempre maggiore attenzione al consumo delle risorse naturali ed all’utilizzo di prodotti sempre meno impattanti sul benessere dell’uomo e sugli equilibri naturali”. 

“Le nuove tecnologie e il progresso scientifico potranno sicuramente indicarci pratiche agronomiche e industriali più rispettose dell’ambiente e dell’uomo, come ad esempio le pratiche agronomiche derivanti dal sistema Sqnpi che, come Gruppo, stiamo fortemente incoraggiando”.

“Grazie agli investimenti in tecnologia, alla perizia dei nostri laboratori di analisi e alla professionalità delle nostre strutture”, prosegue il presidente, “il Gruppo Collis produce oltre 85 milioni di bottiglie ed esporta in 65 paesi nel mondo. Dal 2008 ad oggi sono stati investiti oltre 80 milioni di euro per migliorare i nostri principali processi industriali che sono sottoposti alle più rilevanti certificazioni di settore. Abbiamo oltre 30 punti vendita diretti distribuiti sul territorio italiano per la vendita dei nostri prodotti e per consolidare il rapporto con clienti e consumatori”. 

Al termine della cerimonia per i primi 70 anni, momento speciale che ha chiuso le celebrazioni è stata la consegna di una targa a Umberto Zambon, uno dei soci fondatori di Cantine Colli Berici.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »