https://www.banfi.it/it/
banner
  • Eventi

Zorzettig Vini sponsor dell’incontro tra culture a Mittelfest

Dello stesso argomento

I Colli Orientali del Friuli sono da sempre terra di confine e di commistioni. Quelle collegate a culture che in queste zone si sono sovrapposte, arricchendosi vicendevolmente. E da sempre, il vino rappresenta un tassello fondamentale nel racconto di una storia che narra d’incroci tra realtà apparentemente molto distanti tra loro, ma che in queste terre hanno saputo trovare una sintesi e convivere. Da decenni il Mittelfest, rassegna che ha la sua casa a Cividale del Friuli, città patrimonio mondiale dell’Unesco, ricorda questi incroci e sovrapposizioni, grazie a una kermesse, dove teatro, musica e danza si fanno portavoce dei valori e delle tradizioni della Mitteleuropa. Un incontro tra Est e Ovest, oggi più decisivo che mai, che ogni anno si rinnova dal 1991 e che nella sua 31esima edizione, dedicata a quegli “imprevisti, che arrivano a stravolgere consolidate abitudini e certezze troppo facili, con il loro vortice di rischi, dolori e, pure, opportunità”, come sottolinea Giacomo Pedini, direttore artistico della manifestazione, nella sua presentazione di Mittelfest 2022, si arricchisce con la novità dell’azienda vitivinicola Zorzettig che si fa sostenitrice dell’evento in veste di main sponsor.

Cultura del territorio e le tradizioni uniche dei Colli Orientali: i vini Zorzettig e l’incontro tra Est e Ovest

Mittelfest è innanzitutto la sua terra e la sua città, Cividale del Friuli, patrimonio mondiale dell’Unesco: una rete di pubblico, artisti, ospiti, cittadini e un network di hotel, ristoranti e caffè, in una delle terre più rinomate d’Italia per la storia e i sapori. E una realtà come Zorzettig, che proprio nella valorizzazione dello scrigno di tradizioni e natura unico dei Colli Orientali del Friuli ha da sempre uno dei suoi pilastri, non poteva che essere parte fondante della kermesse, che già da anni sostiene impegnandosi in prima fila.

Trasmettere ciò che la cultura del territorio insegna e farne tesoro per orientarsi in un presente che ci pone sfide inattese: questo l’obiettivo condiviso dall’azienda vitivinicola di Spessa con Mittelfest.

Cultura del territorio e le tradizioni uniche dei Colli Orientali: Zorzettig Vini sponsor dell’incontro tra culture a Mittelfest in Friuli.
Veronica e Annalisa Zorzettig

“Siamo molto legati a questa manifestazione che con le sue proposte da anni porta sul territorio friulano progetti artistici nazionali e internazionali, diventando così centro promotore non solo dello spettacolo, ma anche dell’intera cultura mitteleuropea”, sottolinea Annalisa Zorzettig, a capo dell’azienda di famiglia Zorzettig Vini. “E quest’anno, visto anche il tema scelto, abbiamo deciso di sostenere Mittelfest come main sponsor”. 

“Sempre più spesso, infatti, ci troviamo di fronte a sfide determinate da eventi inattesi e questi ultimi anni ne sono un esempio lampante anche per il nostro settore, che ha dovuto imparare a comunicare attraverso linguaggi nuovi fronteggiando grandi complessità. Quest’anno, inoltre, anche Mittelfest ha iniziato ad avvicinarsi alla sostenibilità, un tema tanto caro a Zorzettig che già da anni lavora per riportare in vigna la biodiversità, pratica fondamentale per migliorare la sostenibilità”.

Ed è proprio con un frutto di questa visione sostenibile, che Annalisa Zorzettig brinda al successo della nuova edizione che andrà in scena dal 22 al 31 luglio prossimi. “Scelgo il Friulano Doc Friuli Colli Orientali 2020 della nostra selezione Myò”, spiega indicando quale dei suoi vini dedica alla kermesse. “Un vino che parla delle nostre radici ma che al contempo rappresenta in pieno la nostra idea di viticoltura sostenibile. Il vigneto di Friulano è stato messo a dimora nel lontano 1936. Il terreno è composto da marne e arenarie di origine eocenica, terreno chiamato ponca in dialetto, in grado di accogliere le radici in profondità e dare loro nutrimento.  Un vigneto dove ogni ceppo diventa un unico in grado di esprimere la storia, la cultura e la saggezza dei viticoltori friulani. Un vigneto vivo, dove le tecniche agronomiche sono razionalizzate per la tutela ambientale”.

Cultura del territorio e le tradizioni uniche dei Colli Orientali: Zorzettig Vini sponsor dell’incontro tra culture a Mittelfest in Friuli.

Mittelfest 2022: il programma della kermesse a Cividale del Friuli dal 22 al 31 luglio

Il taglio del nastro della 31esima edizione di Mittelfest è in agenda il 22 luglio prossimo a Cividale del Friuli, con la kermesse che terminerà il giorno 31. Come anticipato, quest’anno il tema scelto dal direttore artistico Giacomo Pedini è “Imprevisti”, per un festival multidisciplinare tra teatro, musica e danza che vedrà messi in scena al cuore del Friuli 28 progetti artistici provenienti da 14 Paesi, tra cui 20 prime assolute o nazionali. 

L’evento è un’occasione per conoscere una parte rilevante del continente europeo, quella sud-orientale, che ben ci racconta le peculiarità della nostra epoca sul tema degli eventi inattesi che ci coinvolgono e talvolta ci travolgono. 

Il progetto Mittelfest si pone come motore culturale per la regione del Friuli-Venezia Giulia da dove vuole espandere le proprie radici all’intera Italia e Mitteleuropa attraverso collaborazioni internazionali che agiscano come ambasciatrici di pace. 

L’edizione 2022, come spiegato, punta anche alla sostenibilità, con l’obiettivo d’impattare sempre meno sui luoghi e sulle risorse ambientali. Per farlo, l’associazione Mittelfest ha intrapreso un percorso di revisione dei propri processi con lo scopo finale di ottenere la certificazione Uni En Iso 14001:2015. E anche gli spettatori saranno coinvolti in questo impegno: da un lato, vivendo pienamente gli spettacoli e la città, dall’altro contribuendo a far crescere la manifestazione più a misura di uomo e ambiente, esprimendo il loro parere attraverso un questionario sulla percezione dell’impatto del festival.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »