https://www.banfi.it/it/
banner
  • Story

L’Italia del vino di Tommasi ora è a portata di clic

Dello stesso argomento

banner

L’accoglienza della famiglia Tommasi in tutta Italia ora a portata di un solo clic. Le esperienze in cantina, in agriturismo, in hotel e la ristorazione della storica realtà del vino sono adesso comodamente prenotabili online su Tommasi Wine Hospitality. Degustazioni, corsi di cucina, e-bike, Terme e Vino, dalla Valpolicella a Montalcino, fino alle pendici dell’Etna per un vero viaggio nell’Italia del vino più pregiato.

Tommasi: la wine hospitality è ora prenotabile online con degustazioni, corsi di cucina, e-bike, Terme e Vino.

Tommasi: la wine hospitality è ora prenotabile online

L’ospitalità Tommasi diventa, dunque, accessibile per tutti con un clic. Vedere nella digitalizzazione uno strumento a disposizione del mondo del vino e dell’enoturismo come un’occasione di apertura e crescita. Un trend che la famiglia Tommasi ha deciso di cogliere e seguire per permettere al pubblico di organizzare e prenotare online visite e degustazioni nelle tenute storiche in Valpolicella, in Toscana a Montalcino con l’apertura al pubblico di Casisano e a Barile in Basilicata presso Paternoster. 

Tutto ciò è possibile grazie al neonato portale Tommasi Wine Hospitality, piattaforma che include tutta l’ospitalità di famiglia, ovvero: Villa Quaranta Tommasi Wine Hotel&Spa con il Ristorante Borgo Antico e le Terme della Valpolicella, l’Albergo Mazzanti e il Caffè Dante Bistrot in centro a Verona; l’agriturismo Poggio al Tufo a Pitigliano, nel cuore della Maremma Toscana.

Tommasi: la wine hospitality è ora prenotabile online con degustazioni, corsi di cucina, e-bike, Terme e Vino.

“L’ospitalità è sempre stata parte del DNA e della storia della famiglia Tommasi. Rivedere i visitatori in cantina e nelle nostre strutture ricettive è una grande soddisfazione”, spiega Pierangelo Tommasi. 

“Un ritorno ed una riscoperta per i turisti italiani (circa il 60%) e per i turisti esteri (il 40%), che arrivano in maggior parte dall’Europa. In primis Germania, Svizzera, Olanda, Belgio, Scandinavia e Regno Unito. Paesi in cui i consumatori conoscono i vini Tommasi da tempo e che, finalmente, possono tornare a visitare i territori in cui il prodotto prende vita”.

“Il nuovo portale online nasce dalla volontà di avvicinare ancora di più il pubblico facendo conoscere tutte le diverse iniziative che organizziamo nelle nostre tenute”.

Dalla Valpolicella a Montalcino, fino all’Etna: un viaggio nell’Italia del vino

Quello guidato dalla famiglia Tommasi è gruppo che lavora per il presente e il futuro del vino italiano. Se da una parte rappresenta la storia della Valpolicella, nel tempo si è aperto a tutta Italia: sono otto tenute vitivinicole in sette regioni con Tommasi in Veneto, Tenuta di Caseo in Lombardia, Casisano a Montalcino e Poggio al Tufo in Maremma Toscana, Masseria Surani in Puglia, Paternoster in Basilicata, un progetto in Umbria pronto nel 2023, l’acquisizione di una tenuta sull’Etna in Sicilia nel 2022 e una partnership nel Chianti Classico con La Massa. Completa il quadro il progetto culturale e vitivinicolo De Buris, legato al territorio della Valpolicella Classica, al recupero di Villa De Buris e all’Amarone Classico doc Riserva.

Il gruppo, infatti, ha da 120 anni come primo obiettivo di creare grandi vini, valorizzando ogni singolo territorio. E questa mission passa sempre più anche dall’accoglienza in cantina.

“Siamo davvero molto felici di tornare allo stesso entusiasmo e agli stessi numeri del 2019, con un trend di visitatori, che se continua ci permetterà di chiudere il 2022 con una previsione di crescita significativa”, sottolinea Michela Tommasi. “Confidiamo che questo fermento continui fino a fine anno grazie, anche al nuovo portale che ci permetterà non solo di offrire un servizio migliore, ma anche un monitoraggio preciso dei flussi e della permanenza nelle nostre strutture”.

Degustazioni, corsi di cucina, e-bike, Terme e Vino: la wine hospitality per Tommasi

Tutte le proposte di ospitalità presenti online permettono di scoprire il vino in tutte le sue sfaccettature e sono pensate sia per chi si approccia a questo mondo per la prima volta e sia per gli appassionati. 

Tommasi: la wine hospitality è ora prenotabile online con degustazioni, corsi di cucina, e-bike, Terme e Vino.

Sono infatti disponibili diverse tipologie di degustazione, corsi di cucina, tour con l’e-bike tra i vigneti della Valpolicella e i trattamenti “Terme & Vino”, una vera immersione nelle uve come strumento di benessere per corpo e mente, proprio come accade presso Terme della Valpolicella, l’area termale di Villa Quaranta.

“Villa Quaranta è stato il primo progetto di Ospitalità, tra i primi in Italia per il trait d’union che ha saputo creare tra accoglienza e vino”, illustra Barbara Tommas. “Era la fine degli anni ‘80, quando era pionieristico parlare di ospitalità legata al vino. Un’unione fortunata che è stata di esempio per molti e che ora stiamo applicando anche nelle altre tenute in Italia e che siamo orgogliosi di rappresentare”.

Villa Quaranta

Tommasi Family Estates parla sempre più d’Italia. Col sito che vede oggi prenotabili anche le esperienze nella tenuta toscana di Montalcino a Casisano, finalmente aperta al pubblico, e i tour nel Vulture, presso tenuta Paternoster, nella terra dell’Aglianico.

La creazione del portale Tommasi Wine Hospitality è stato il naturale risultato del lungo lavoro della famiglia Tommasi per quanto riguarda l’enoturismo: il perfetto punto di partenza per accompagnare wine lover, clienti e semplici curiosi in un vero e proprio viaggio nel mondo del vino italiano. Una sfida ad essere sempre più responsive e digitali che Tommasi ha voluto fortemente cogliere e seguire per poter offrire un servizio quanto più su misura per ogni cliente.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »