https://www.banfi.it/it/
banner
  • Collection

Settimocielo, il primo Lambrusco Grasparossa Rosé Metodo Classico di Cantina Settecani

Dello stesso argomento

banner

Una nuova scommessa, che svela una nuova forma e un colore “diverso” del più grande classico tra le bollicine della via Emilia. Lo presenta Cantina Settecani, che ha lanciato sul mercato una vera e propria rarità, frutto di un pregiato single vineyard. Si chiama Settimocielo ed è un Lambrusco Metodo Classico Rosé da uve Grasparossa che svela tutto il carattere e la territorialità di questa varietà diffusa soprattutto nella provincia modenese.

Settimocielo, una nuova bollicina fuori dagli schemi sulla via Emilia

Si chiama Settimocielo ed è il nuovo vino fuori dagli schemi di Cantina Settecani, realtà modenese fondata nel 1923. Una novità che svela tutto il carattere delle uve Grasparossa, restituendo il senso di territorialità a questa varietà simbolo per le bollicine della via Emilia.

“Per la nostra cantina”, afferma Paolo Martinelli, presidente di Cantina Settecani, “Settimocielo rappresenta una tappa fondamentale della nostra storia, quasi centenaria. Il nostro primo Metodo Classico, infatti, vuole segnare idealmente il lancio di un nuovo corso produttivo che ci porterà ancor di più a farci apprezzare come produttori di una specifica area territoriale del Lambrusco”. 

“In questi anni abbiamo lavorato sia in vigna, con la selezione di esposizioni e altitudini peculiari, sia in cantina, attraverso microvinificazioni su piccole partite di uve, con l’obiettivo di far emergere nel bicchiere le sfumature organolettiche del Grasparossa portate in dote da questo contesto agricolo”.

Settimocielo, single vineyard di Lambrusco Grasparossa in Rosé: il primo Metodo Classico Cantina Settecani, bollicina fuori dagli schemi.

Un single vineyard di Lambrusco Grasparossa in Rosé: il primo Metodo Classico di Cantina Settecani

Un singolo vigneto di alta collina con vent’anni di età, la riscoperta di un antico clone di Lambrusco Grasparossa, la scelta del Metodo Classico, con una sosta di due anni sui lieviti prima della commercializzazione: sono pochi, semplici, ma attenti e ben ponderati, gli elementi che questa storica realtà di Castelvetro di Modena fatta di 150 soci conferitori e 300 ettari di vigneti, ha scelto per affrontare la sua nuova sfida, il Lambrusco Grasparossa Dop Rosé Brut Metodo Classico.

La decisione di produrre un Metodo Classico Rosé con uve di Lambrusco Grasparossa, una tipologia poco usuale quando si parla della bollicina più conosciuta della via Emilia, nasce dopo aver individuato un vigneto dalle caratteristiche uniche a 425 metri di altitudine a Puianello, sul confine meridionale del comune di Castelvetro di Modena.

“All’interno di questo vigneto è presente un particolare clone di Lambrusco Grasparossa”, spiega Andrea Graziosi, enologo della cantina, “si caratterizza per una contenuta resa per ettaro, una acidità elevata e un grappolo spargolo con buccia spessa. Tutte caratteristiche che ci hanno spinto a voler intraprendere questa nuova avventura che intende donare una veste differente al Lambrusco Grasparossa, fuori dagli schemi classici ai quali siamo solitamente abituati quando pensiamo ai vini che si ottengono da questo vitigno, pur mantenendo integre le sue caratteristiche più tipiche”.

La vigna di Puianello ha un’esposizione a nord-est e gode di un microclima caratterizzato da correnti d’aria per tutta la durata dell’anno, una buona escursione termica nel periodo estivo-autunnale e terreni calcarei ricchi di micro e macro elementi. 

Le uve di Lambrusco Grasparossa vengono vendemmiate manualmente durante la prima decade di settembre, in leggero anticipo rispetto all’epoca classica di maturazione. Dopo una pressatura soffice e la prima fermentazione in tini di acciaio, il vino viene posto in bottiglia per la seconda fermentazione secondo il Metodo Classico. Riposa sui lieviti per 24 mesi prima del dégorgement e l’imbottigliamento finale.

“Con Settimocielo”, conclude Fabrizio Amorotti, direttore commerciale della Cantina, “vogliamo rispondere alle richieste di quei wine lover che richiedono vini moderni ma connotati da una forte identità. In questo senso, abbiamo lavorato per un biennio a questo progetto con l’obiettivo di esaltare le peculiarità del terroir rispettando il carattere tipico espresso dal Grasparossa con un metodo classico che ci auguriamo possa diventare oggetto di desiderio di quei consumatori che non vogliono rinunciare all’eleganza e alla personalità”.

La prima annata del Lambrusco Grasparossa Rosé Metodo Classico firmato da Cantina Settecani, prodotto in una edizione limitata, è la 2019 e sarà disponibile prevalentemente nel canale Horeca e dettaglio specializzato. 

Lambrusco Grasparossa Rosé Metodo Classico Cantina Settecani

Di colore rosa intenso con tonalità che ricordano la ciliegia e un perlage di ottima finezza, il Lambrusco Grasparossa Dop Rosé Brut Metodo Classico Settimocielo si apre su tipiche note fruttate di visciole e piccoli frutti che lasciano poi spazio a delicati tocchi floreali e incisive sfumature agrumate, all’interno di un quadro olfattivo di ottima maturità. Al palato acidità e sapidità si fondono in un sorso equilibrato e dinamico. È certamente la tavola il luogo privilegiato di questo Lambrusco Grasparossa, che si presta perfettamente ad essere abbinato a tutto pasto, dagli antipasti tradizionali come lo gnocco fritto accompagnato da salumi, ai primi piatti e alle portate principali a base di pesce, sia di lago sia di mare, della cucina più contemporanea e creativa.

Settimocielo, single vineyard di Lambrusco Grasparossa in Rosé: il primo Metodo Classico Cantina Settecani, bollicina fuori dagli schemi.
banner
BANNER
BANNER

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »