https://www.banfi.it/it/
banner
  • Collection

Pool Wine: come si abbina la bollicina da bordo piscina 

Dello stesso argomento

BANNER

Una bollicina da bordo piscina. O, per chi cerca un’alternativa altrettanto piacevole, da aperitivo al tramonto in riva al mare. L’ha pensata la Cantina Riboli, realtà nata negli anni 2000 quanto viene acquistata una casa di campagna con annessi 6 ettari di terreno. Del 2009 la vendemmia e vinificazione di uve Barbera, nel 2013 a essere imbottigliata è la prima annata ufficiale di Barbera d’Asti Docg alla quale è dato il nome Mappale 61. Da qui l’inizio di un’avventura che ha condotto fino all’ideazione del “Pool Wine”, 100% Chardonnay dal Piemonte, perfetto da solo o miscelato con altri ingredienti in un cocktail rinfrescante.

Metodo Classico Blanc de Blancs Riboli: il Pool Wine 100% Chardonnay da aperitivo bordo piscina che arriva dal Piemonte

Dissetarsi, rinfrescarsi e vivere gli ultimi momenti della giornata in tranquillità, tra il sole che cala, il rumore delle onde e la brezza marina, assaporando appieno gli ultimi momenti passati in spiaggia. Oppure scegliere una più cittadina piscina, per beneficiare di ogni scampolo d’estate.

È qui che entrano in gioco gli spumanti e i vini frizzanti, i prodotti maggiormente consumati durante la stagione calda. La differenza tra la temperatura dell’ambiente e quella di servizio, infatti, fanno sì che durante l’estate si apprezzi in maniera particolare un bianco frizzante servito fresco, alla temperatura corretta. Sia che ci si trovi sulle spiagge italiane, al mare, piscina o montagna, questa tipologia di vino è pronta per soddisfare differenti modalità di consumo: da solo in un calice o miscelato con altri ingredienti. 

L’azienda vitivinicola piemontese, a tal proposito, ha pensato a un prodotto perfetto che ha assunto la forma del Metodo Classico Blanc de Blancs, 100% Chardonnay con minimo 20 mesi sui lieviti, da servire a temperatura di 4°C in una giornata di sole.

“Noi soprannominiamo questo vino Pool Wine proprio per la sua freschezza e la sua incredibile beva”, spiega Roberto Riboli. “Crediamo sia un vino perfetto da consumare durante un aperitivo in spiaggia o a bordo piscina al tramonto. Un vino con una grande versatilità, ideale per accompagnare dei finger food, come una tartare di gambero o comunque con qualsiasi pietanza a base di pesce. Ma è perfetto anche con affettati e formaggi freschi, come ad esempio la robiola di Roccaverano, eccellenza della nostra penisola”.

E se la bottiglia non dovesse terminare? “Abbinateci una pasta con pomodorino datterino e qualche foglia di basilico fresco, che potete anche servire fredda”, conclude Riboli.

Metodo Classico Blanc de Blancs Riboli

Il vino spumante è da sempre il protagonista dei festeggiamenti e l’estate è certamente uno dei periodi che offre diverse occasioni per celebrare. Il Metodo Classico Blanc de Blancs Riboli è un 100% Chardonnay, pool wine perfetto per l’aperitivo. Fresco e delicato, con note di frutta matura a bacca gialla, chiude il sorso con una buona acidità finale. Da provare con tartare di scampi e gelato alla mandorla, insalate fresche estive, frittini, poké con avocado e mango.

Metodo Classico Blanc de Blancs Riboli: come si abbina il Pool Wine 100% bollicina Chardonnay da aperitivo bordo piscina che arriva dal Piemonte.
banner
BANNER
BANNER

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »