https://www.banfi.it/it/
banner
  • Trade

Vendemmia 2022 in Champagne al via: le date, cru per cru

Dello stesso argomento

Scatta l’ora X della vendemmia 2022 anche in Champagne. Il Civc ha svelato oggi, sabato 20 agosto, le date d’inizio, con i primi grappoli a poter essere raccolti già dal 22 agosto. Le cesoie si poseranno quel giorno nell’Aube su Chardonnay, Pinot Noir e Meunier dei comuni di Balnot-Sur-Laignes, Buxeuil, Celles-Sur-Ource, Merrey-Sur-Arce, Neuville-Sur-Seine, Polisot e Polisy. Poi a seconda delle specifiche individuate per ogni cru e vitigno sulla base delle rilevazioni effetuate su clima e avanzamento dello stato delle vigne, si procederà comune per comune con la propria data di via assegnata. Una nuova vendemmia anticipata, dunque, rispetto ai tradizionali canoni di metà settembre, per via del caldo estivo che ha fatto maturare più rapidamente le uve del Sud della zona dell’Aisne, in cui si concentra il 10% della produzione di Champagne. Una vendemmia anticipata, dunque, come spesso accaduto in questi ultimi anni, ma che si annuncia promettente. È, infatti, una raccolta che, come evidenzia Sophie Claeys sul suo sito dedicato alla bollicina più conosciuta al mondo, si presenta ai nastri di partenza carica di speranze per quantità e qualità. Una buona notizia, indubbiamente, a Reims e dintorni, dopo un paio d’anni complicati per il mondo Champagne in termini di approvvigionamenti, non certo di popolarità. 

Le date cru per cru e tutte le novità della vendemmia 2022 in Champagne. Le performance 2021 della bollicina più nota in Italia e nel mondo.
(Ph. Civc, come copertina)

Le performance 2021 della bollicina più nota di Francia in Italia e nel mondo

Dopo la pandemia, nel 2021 le bottiglie spedite solo in Italia delle più celebri tra le bollicine francesi sono state 9 milioni 225mila, con un incremento del 32,8% rispetto al 2020 e del 10,8% rispetto al 2019. A valore, l’Italia ha raggiunto una quota di 200,159 milioni di euro, facendo registrare una crescita del 36,3% sul 2020 e dell’11,3% sul 2019.

Nello scenario globale, le spedizioni totali di Champagne nel mondo, nel 2021, hanno invece raggiunto le 320 milioni di bottiglie (140 milioni destinate alla Francia e 180 milioni per l’export), in crescita del 31% rispetto al 2020 e del 9% rispetto al 2019. Con il mercato francese a confermare un ritorno al livello del 2019 (+25%), mentre le esportazioni hanno visto un incremento del 37% sul 2020 e del 15% sul 2019.

Il giro d’affari globale dello Champagne nel 2021 ha raggiunto così un nuovo record, con 5,7 miliardi di euro e una crescita del 36% rispetto al 2020 e del 14% rispetto al 2019, ma portando a qualche difficoltà nel mantenere costanti gli approvvigionamenti sui diversi mercati. Ma da quest’anno il Comité Champagne ha già annunciato in occasione della riunione con Vigneron e Maison dedicata a fissare la resa commerciabile della vendemmia 2022, importanti novità.

Le date cru per cru e tutte le novità della vendemmia 2022 in Champagne

Come vi avevamo raccontato, l’intesa tra Vigneron e Maison che mira a difendere gli interessi della filiera attraverso una gestione condivisa ha deciso di comune accordo di fissare una resa commerciabile di 12.000 kg/ha per la vendemmia 2022, il livello più alto degli ultimi 15 anni. 

Una scelta dettata da una richiesta di prodotto che continua a crescere e che dal Comité Champagne ritengono trend di vendite che proseguirà per lungo tempo, tanto da dare vita a un cambio di strategie importante in tema “réserve”, con la nascita del nuovo strumento dello sblocco differito che vi abbiamo in precedenza raccontato.

Per scoprire invece quali sono le date di inizio vendemmia 2022 in Champagne, comune per comune, ecco di seguito da consultare il documento ufficiale condiviso dal Civc.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »