https://www.banfi.it/it/
banner
  • Story

La cantina più a Nord d’Italia: ecco dov’è

Dello stesso argomento

Nell’area vacanze sci & malghe Rio Pusteria, a un’altitudine di 750 metri s.l.m., si trova la cantina Santerhof. Ma non si tratta di una destinazione del vino come le altre. Ci troviamo infatti davati alla cantina situata più a Nord d’Italia. E dopo quasi 100 anni durante i quali non è stata produttiva, Willi Gasser e la moglie Helga hanno deciso di riportare vita tra i suoi filari. Siamo nella cornice dei vigneti dell’Alto Adige, nello specifico nella zona della Val Pusteria, dove marito e moglie produttori hanno iniziato a realizzare vini di qualità da varietà resistenti in regime biologico. Una produzione, quella del vino che è ripresa, cui affiancano, come da consolidata tradizioni a queste latitudini, quella di succhi di frutta e di un’ampia varietà tra mele e pere, sempre rispettando la natura e assecondandone i ritmi. 

Il ritorno alla vita delle vigne della cantina cantina più a Nord d’Italia

Nelle vicinanze della storica Chiusa di Rio, nell’area vacanze sci & malghe Rio Pusteria, si erge la cantina Santerhof, la più a Nord d’Italia. Immersa nella natura rigogliosa caratteristica di queste zone di montagna, soprattutto nei caldi mesi estivi, è quasi nascosta dalla vista dei passanti meno attenti. Gestita da Willi e Helga Gasser dal 1987, qui si producono diverse tipologie di vino biologico su oltre due ettari di terreno vitato distribuiti attorno alla cantina. Ma come anticipato c’è di più: sui soleggiati pendii di Rio di Pusteria, come da tradizione in questi luoghi, si coltivano anche mele e pere la cui disponibilità varia a seconda della stagionalità.

La cantina Santerhof vanta una storia lunga, ma la sua rinascita la deve a Willi Gasser e alla moglie Helga che, nel 1991, hanno piantato dei vitigni resistenti i quali, qualche anno dopo, nel 1994, hanno iniziato a donare le loro prime nuove uve. In totale gli ettari di terreno sono sei, tutti distribuiti ad altitudini tra i 750 e gli 850 metri s.l.m.: due e mezzo sono dedicati all’allevamento di diverse varietà di vitigni resistenti che permettono, quindi, di ottenere uva senza dover fare ricorso a pesticidi; la parte restante, invece, è riservata alla coltivazione di alberi da frutto. 

Qui, tutto è prodotto seguendo con precisione principi e regole imposte dall’agricoltura biologica, volontà che nasce dal desiderio di Willi Gasser di rispettare la natura, la terra e i suoi ritmi. 

Come visitare la cantina più a Nord d’Italia: fare un tour alla scoperta del maso dei Gasser in Val Pusteria e dei vini resistenti Santerhof.
(Ph. Santerhof)

I vini “resistenti” firmati Santerhof in Val Pusteria

I vini a marchio Santerhof si distinguono indubbiamente per la loro aromaticità e mineralità, caratteristiche dovute alla tipologia di suolo, granitico e ad alto contenuto di minerali, tipico dei terreni altoatesini a queste quote. 

Quattro sono i bianchi: 

  • Granitus, vino complesso, elegante, dal retrogusto minerale e dalla spiccata acidità che ben si integra alle note fruttate;
  • Primus, che regala intensità, acidità e sprigiona profumi di frutta tropicale e pesca; 
  • Muskaris, una vera delizia per il palato, fresco ed equilibrato porta con sé un piacevole contrasto tra nota acida, spaziata e fruttata. 
  • Poi c’è Sogrius, vino dolce al punto giusto, che sorprende per pienezza, raffinatezza minerale e robusta acidità, nonché per le note fresche di mela e fiori di prato. 

Due invece i vini rossi: 

  • Robustus, corposo, dal retrogusto fruttato e gradevole, un vino che si adatta a tutte le occasione, e Rubus, che al palato evoca frutti rossi quali lampone e cassis.

A loro si aggiunge l’unico vino dolce a marchio Santerhof:

  • Soleil, dal colore ambrato e che sprigiona note di frutta esotica e di pesca al naso, vivacità e setosità al palato. 

Infine, due novità:

  • Rio 0.1, uno spumante che convince con la sua piacevole acidità e con la sua freschezza piccante, e il SantRosé, rosato espressivo perfetto per l’estate che si distingue per il bouquet floreale e speziato.
Come visitare la cantina più a Nord d’Italia: fare un tour alla scoperta del maso dei Gasser in Val Pusteria e dei vini resistenti Santerhof.
(Ph. Santerhof)

Come visitare la cantina più a Nord d’Italia e fare un tour alla scoperta del maso dei Gasser

La cantina Santerhof fa parte di un contesto più ampio, quello del maso, sempre di proprietà dei Gasser: oltre ai vini biologici, infatti, qui si producono anche succhi di mela e d’uva freschi e genuini e si propone un’ampia varietà di mele, tra cui le Topaz, le Pinova e le Florina, pere, prugne, e noci la cui disponibilità cambia a seconda della stagione e che è possibile acquistare presso il loro punto vendita, sempre all’interno del maso; in aggiunta, si allevano diversi animali tra cui pecore, maiali polli e capre. 

Chi lo desidera, infine, può prenotare una visita guidata con Willi o con il figlio Johannes e godersi un tour alla scoperta della cantina e dell’intero maso, dei suoi vigneti e di tutti gli animali di cui si prendono cura.

Le visite si svolgono tutto l’anno ed è necessaria la prenotazione da effettuare ai numeri 348 3067054 / 0472 849632 o scrivendo una mail all’indirizzo di posta bio@santerhof.eu.

Come visitare la cantina più a Nord d’Italia: fare un tour alla scoperta del maso dei Gasser in Val Pusteria e dei vini resistenti Santerhof.
La Famiglia Gasser: Johannes, Eva-Maria, Helga e Willi (Ph. Santerhof)
banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »