https://www.banfi.it/it/
banner
  • Story

Ricette contro lo spreco alimentare: sfida Nobile di Montepulciano a contrada di Voltaia

Dello stesso argomento

banner

Le ricette di una volta contro lo spreco alimentare: questa la sfida lanciata da una delle massime eccellenze del vino toscano in occasione dei 20 anni di A Tavola con il Nobile. E con i Ravioli di Cibreo con rinforzo d’uovo è la contrada di Voltaia ad essersi aggiudicata per la quarta volta nella storia del premio l’edizione 2022 del concorso enogastronomico promosso dal Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano in collaborazione con il Magistrato delle Contrade della città. L’evento si è concluso domenica 21 agosto con la premiazione delle migliori ricette preparate dalle otto contrade del Bravìo delle Botti, la corsa con le botti per le vie del centro storico di Montepulciano che quest’anno andrà in cena il 28 agosto: al secondo posto si è piazzata la Contrada Gracciano con “La polpetta fritta, l’altra vita del lesso”, mentre a completare il podio in terza posizione è la Talosa con “Gli gnocchi di nonna Geffa”.

20 anni A Tavola con il Nobile di Montepulciano: trionfano nelle ricette contro lo spreco alimentare i Ravioli di Cibreo di contrada Voltaia.

20 anni di A Tavola con il Nobile di Montepulciano: trionfano tra le ricette contro lo spreco alimentare i Ravioli di Cibreo di contrada di Voltaia

Ogni piatto in gara, compresi i vincenti Ravioli di Cibreo i contrada di Voltaia, è stato degustato in abbinamento a tre etichette di Vino Nobile di Montepulciano sorteggiate prima della gara.

A fare da conduttore ai 20 anni di A Tavola con il Nobile è stata la storica voce di Decanter (Radio 2 Rai) e di Camper (Rai 1), Tinto, ormai tra gli ambasciatori dell’eccellenza toscana. 

Insieme a lui e ai giurati del premio, giornalisti da tutta Italia, chiamati a valutare le ricette contro lo spreco alimentare, presenti anche gli storici amici del Consorzio e di A Tavola con il Nobile: dalla campionessa olimpica Sara Simeoni al conduttore televisivo Bruno Pizzul, passando poi per il procuratore sportivo Claudio Pasqualin fino ai volti de La Prova del Cuoco Anna Moroni e Augusto Tocci. 

20 anni A Tavola con il Nobile di Montepulciano: trionfano nelle ricette contro lo spreco alimentare i Ravioli di Cibreo di contrada Voltaia.
La giuria di A Tavola con il Nobile 2022

“20 anni di recupero della tradizione, 20 anni in cui abbiamo dato la possibilità a oltre 150 giornalisti di conoscere il nostro territorio attraverso uno dei suoi valori aggiunti, l’enogastronomia”, ha spiegato durante la premiazione il presidente del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, Andrea Rossi. 

“Il tema di questo anno poi ci tocca da vicino dal momento che siamo riusciti a legarlo a un progetto del Consorzio, PortamiConTe, dedicato proprio alla sensibilizzazione contro lo spreco alimentare”. 

L’albo d’oro del premio A Tavola con il Nobile, a oggi, vede la contrada Collazzi in testa con cinque successi, l’ultimo lo scorso anno, seguita da Talosa e Voltaia, con quattro affermazioni a testa, e San Donato, tre volte vincitrice. A chiudere, una vittoria per parte per Gracciano, Cagnano, Poggiolo e Coste (in ex-aequo nel 2012). 

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »