https://www.banfi.it/it/
banner
  • Eventi

Valtidone Wine Fest: alla scoperta di Ortrugo e Malvasia a due passi da Milano

Dello stesso argomento

A due passi da Milano, entra nel vivo il progetto dedicati a neofiti e wine lover appassionati per andare alla scoperta dei vini del piacentino, con un focus particolare che quest’anno porrà al centro Ortrugo e Malvasia. Domenica 4 settembre, infatti, in occasione della prima giornata del Valtidone Wine Fest, nel cortile della Rocca municipale di Borgonovo (Piacenza), alle 12 e alle 18, si terranno due percorsi di gusto dal titolo “Dal Po all’Appennino”, curati dalla Strada dei Colli Piacentini, dalla Strada del Po e dalla Strada del Fungo Porcino di Borgotaro e in collaborazione con Mani in Pasta.  “Cominciamo ad entrare nel vivo delle attività del progetto Emilia Wine Experience che è un progetto di Destinazione Emilia che coinvolge Piacenza, Parma e Reggio-Emilia in una serie di eventi di scambio tra territori”, spiega Elisabetta Virtuani della Strada dei Vini e dei Sapori e Consorzio Vini Piacentini, “Le due degustazioni con focus sull’Ortrugo vedranno l’abbinamento con prodotti del territorio insieme a Mani in Pasta. Saranno degustazioni a numero chiuso, guidate e un po’ particolari e questo è solo l’inizio del ricco programma di eventi che rientreranno sotto il marchio Emilia Wine Experience”. Ecco cosa prevede il ricco cartellone di iniziative.

Elisabetta Virtuani

Ortrugo, Malvasia e festa dell’uva: tutti gli eventi e il programma dei quattro weekend del Valtidone Wine Fest a settembre

Il Valtidone Wine Fest, di cui fa parte la tappa di Borgonovo, è il festival che celebra il vino e il suo territorio, la splendida Val Tidone, in provincia di Piacenza, in Emilia-Romagna ai confini con Piemonte e Lombardia, a soli 60 chilometri da Milano. 

La rassegna ritorna nel 2022 con la formula collaudata delle quattro tappe, ognuna in un fine settimana, nei comuni di Borgonovo, Ziano, Alta Val Tidone e Pianello. 

Un festival che poggia sulle caratteristiche che l’hanno reso noto e apprezzato in questi anni anche al di fuori dei confini provinciali, ma che si rinnova come ogni anno con tante novità e appuntamenti speciali. 

Come da tradizione, il viaggio nei vini e nel territorio parte da Borgonovo Val Tidone. Il 4 settembre, con Ortugo & Chisôla, l’evento che unisce il vino bianco autoctono del territorio piacentino alla focaccia con i ciccioli de.co.

Ortrugo, Malvasia e festa dell’uva: tutti gli eventi e il programma dei 4 weekend del Valtidone Wine Fest a settembre a due passi da Milano per Emilia Wine Experience.

Poi, a Ziano Piacentino, sui colli vitati della Val Tidone, domenica 11 settembre la declinazione della rassegna in Sette Colli in Malvasia, altro vitigno autoctono per eccellenza, si unisce alla storica Festa dell’Uva. Anche in questa occasione il marchio Emilia Wine Experience sarà protagonista di una masterclass in programma per il 10 settembre a Castel San Giovanni nell’ambito di una cena-degustazione. 

La terza tappa si svolgerà invece il 18 settembre a Trevozzo con “DiTerreDiCibiDiVini e… diOli” e il marchio Emilia Wine Experience sarà protagonista di un cooking show in collaborazione con Tipicamente Alta Val Tidone. 

Il programma del Valtidone Wine Fest si concluderà infine il 25 settembre a Pianello con lo spumeggiante evento “Pianello Frizzante”. 

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »