https://www.banfi.it/it/
banner
  • Story

Fantini sbarca al Lido per un party esclusivo con Rolling Stone 

Dello stesso argomento

I vini firmati Fantini Group sbarcano a Venezia per l’imminente Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, con l’edizione numero 79 in programma da oggi, 31 agosto, fino al 10 settembre. Il grande schermo incrocia nella città lagunare le etichette del gruppo leader tra le aziende esportatrici del Sud Italia, con oltre 28 milioni di bottiglie, grazie a una partnership con la rivista Rolling Stone. Si stapperà, infatti, una selezione dei suoi prodotti migliori durante un esclusivo party riservato ad attori, registi e addetti ai lavori, con l’appuntamento fissato al Lido, a due passi dal red carpet della mostra del cinema, il 7 settembre.

Il ritorno alla mostra del cinema di Venezia per Fantini: i vini del brindisi al party esclusivo con Rolling Stone il 7 settembre

È un ritorno, quello di Fantini, ormai quasi un habitué della mostra del cinema di Venezia. Una presenza, però, con vesti completamente rinnovate, ad iniziare dall’inedita partnership con la rivista Rolling Stone, vera e propria bibbia della pop culture.

“Per noi è un una bellissima opportunità, ci leghiamo a un nome importante e di evidente pregio”, sottolinea entusiasta Giulia Sciotti, marketing manager & brand ambassador del gruppo con sede a Ortona, in Abruzzo.

Fantini sbarca al Lido per un party esclusivo con Rolling Stone: ritorno alla mostra del cinema di Venezia per un brindisi il 7 settembre.
Giulia Sciotti

Il connubio culminerà in un attesissimo party in programma mercoledì 7 settembre, in una lounge esclusiva a pochi passi dal red carpet, al Lido: attori, cantanti, produttori e bel mondo che gravita attorno al festival festeggeranno qui i protagonisti della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica brindando con i vini di Fantini. 

Ci saranno ovviamente le bollicine, quelle bianche e quelle rosé di Gran Cuvée Fantini. Ma poi non mancheranno le bottiglie della linea Calalenta, di grandissimo successo, anche in questo caso sia in versione bianco, da uve Pecorino, sia in versione rosato, da uve Merlot. E per i grandi appassionati di vini rossi la proposta non sarà da meno: ecco sua maestà Edizione Cinque Autoctoni, celebre e multipremiato, un armonioso e sapiente incontro dei migliori grappoli di Montepulciano, Primitivo, Sangiovese, Negroamaro e Malvasia.

Fantini sbarca al Lido per un party esclusivo con Rolling Stone: ritorno alla mostra del cinema di Venezia per un brindisi il 7 settembre.

Esordio “mondano” al Lido per il nuovo volto del brand

L’occasione sarà anche perfetta per quello è l’esordio “mondano” per il nuovo marchio Fantini Group, ufficializzato lo scorso anno dopo un lungo processo di rebranding. 

L’ancor più forte identità di gruppo va ora a identificarsi sotto il payoff “Fantini. Tastemakers in wine”. Non solo wine maker, dunque, ma esperti, curatori che influenzano le tendenze e le mode a livello globale per quanto riguarda l’enologia e il consumo di vino. 

“Venezia è il palcoscenico perfetto per presentarci così: dinamici, innovativi, in veste diversa, con il logo aziendale rinnovato”, conclude Giulia Sciotti sulla presenza al Lido. “Insomma, siamo diversi e uguali: insieme legati alle nostre radici ma nel contempo proiettati verso il futuro e verso traguardi sempre più importanti”.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »