https://www.banfi.it/it/
banner
  • Eventi

Vignaioli per un giorno a Castiglion del Bosco

Dello stesso argomento

BANNER

In occasione della vendemmia 2022, Castiglion del Bosco apre nuovamente le porte della sua cantina a chi voglia vivere un’esperienza unica. Come ogni anno, infatti, l’azienda toscana organizza due tipologie di esperienze: l’Harvest Experience e l’Harvest Event. Due format di appuntamento per offrire la possibilità di vivere un evento straordinario nei vigneti di una delle tenute più storiche del territorio di Montalcino, patria del Brunello.

Harvest Experience a Castiglion del Bosco: tutti i giorni dal 6 al 20 settembre al cuore della Val D’Orcia

Due le occasioni pensate per wine lover appassionati ma anche per neofiti che desiderano provare l’effetto che fa partecipare alla vendemmia, andando al cuore del momento più magico dell’anno per una cantina.

L’Harvest Experience va in scena ogni mattina, da martedì 6 a martedì 20 settembre prossimi, ed offre agli ospiti l’opportunità di unirsi al team di vignaioli di Castiglion del Bosco per raccogliere i grappoli del nobile Sangiovese. 

Harvest Event e Harvest Experience: l’esperienza della vendemmia si fa in due a Castiglion del Bosco, simbolo del Brunello di Montalcino.

Dotati di kit individuali per la vendemmia, gli amanti del vino potranno scoprire i trucchi del mestiere e assistere in prima persona alla meticolosa cura dedicata al processo di raccolta delle uve.

Dopo l’esperienza in vigneto, seguirà una visita guidata della cantina di Castiglion del Bosco, dove verranno mostrati e descritti i metodi di produzione e i processi di invecchiamento adottati. Le attività della mattinata si concluderanno con una degustazione guidata di sei dei migliori vini dell’azienda, offerti in accompagnamento a formaggi di provenienza locale, salumi e pane con olio di oliva prodotto dalla tenuta. Harvest Experience dura tre ore e prevede un costo per persona di 150 euro.

Harvest Event: l’esperienza della vendemmia si fa in due nella tenuta simbolo del Brunello di Montalcino

L’imperdibile Harvest Event di Castiglion del Bosco, invece, è in agenda per venerdì 9 settembre. Un’esperienza unica di un’intera giornata, in cui i partecipanti potranno unirsi al team della tenuta per celebrare il raccolto dell’annata e godere dei piaceri della cucina toscana. 

Vignaioli per un giorno, gli ospiti vivranno ogni fase del processo di vinificazione: si inizia dalla raccolta di uve Sangiovese in vigna, selezionando con cura solo le uve più sane. Seguirà la pigiatura, che avverrà a piedi nudi in grandi tini di legno secondo la tradizione toscana. Un tour della barricaia consentirà, poi, di vedere il processo di invecchiamento del Brunello di Montalcino, seguito da una degustazione esclusiva di sei vini di Castiglion del Bosco, accompagnati da prodotti tipici toscani e dall’olio d’oliva della tenuta.

Harvest Event e Harvest Experience: l’esperienza della vendemmia si fa in due a Castiglion del Bosco, simbolo del Brunello di Montalcino.

Per la prima volta, inoltre, quest’anno a Castiglion del Bosco i partecipanti alla vendemmia avranno anche l’opportunità di gustare una cena nel vigneto, con vista sulla splendida Val d’Orcia, un momento conviviale dal tono informale: ricette tradizionali toscane e carni alla brace, il tutto accompagnato da musica dal vivo.

Harvest Event e Cena in vigna prevedono un costo a persona di 430 euro, con la possibilità di partecipare anche ai singoli eventi, con prezzo rispettivamente di 180 euro e 250 euro.

Per partecipare è necessaria la prenotazione contattando il team di Castiglion del Bosco a wine@castigliondelbosco.com o telefonando allo 05771913238. 

Nota bene: le date potranno mutare in base alle condizioni metereologiche e Castiglion del Bosco accoglie bambini di tutte le età, con quelli tra i 6 e i 12 che godono di una riduzione del 50% sul prezzo, mentre sotto i 6 anni la partecipazione è gratuita. 

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »