https://www.banfi.it/it/
banner
  • Trade

Tannico WinePlatform sposa il data driven marketing con Divinea

Dello stesso argomento

L’e-commerce del vino e il data driven marketing uniscono le forze per potenziare le vendite delle cantine italiane. Nasce con questo intento l’accordo di integrazione tra Wine Suite, la piattaforma Crm e Marketing dell’impresa tecnologica Divinea e WinePlatform di Tannico, la soluzione che permette alle cantine di vendere ai propri clienti finali appoggiandosi sulle infrastrutture di Tannico per l’evasione degli ordini. Ecco cosa prevede la nuova partnership che porta il vino online ancora più nel futuro.

Integrazione di WinePlatform di Tannico con il software Wine Suite di Divinea: come funziona

Con la nuova collaborazione siglata con Tannico, Divinea mette a segno, dopo quella con Winelivery, un’altra partnership per dare nuovo impulso alla crescita delle aziende vitivinicole italiane. Un grande valore per le cantine che cercano una soluzione completa per incrementare le vendite direct-to-consumer.

“Gli asset tecnologici e logistici di WinePlatform”, spiega Matteo Ranghetti, ceo e Co-founder di Divinea, “sono totalmente complementari con la tecnologia alla base di Wine Suite e aiutano a rendere semplice e immediata la vendita ai consumatori finali, riducendo le distanze tra wine lover e brand di vino. I primi test con le cantine che usufruiscono dei nostri servizi stanno confermando la nostra intuizione e puntiamo a crescere assieme nei prossimi mesi attraverso la costruzione di una relazione con WinePlatform solida e duratura nel tempo”.

Tannico sposa il data driven marketing con Divinea: come funziona l'integrazione di WinePlatform con il software Wine Suite.
In foto di copertina, da sinistra: Roberto Villa, Head of Marketing Divinea, Filippo Galanti, Co-Founder Divinea con Matteo Ranghetti, Giulia Corcos, responsabile di WinePlatform, e Beatrice Moretti, Operation Specialist di Tannico

La partnership tra Divinea e WinePlatform porta, infatti, concreti benefici alle aziende vitivinicole grazie alla possibilità di conoscere nel dettaglio i propri consumatori con un’anagrafica completa e uno storico degli acquisti. 

Questi dati vengono raccolti da WinePlatform e passati in maniera automatica al Crm di Wine Suite nel pieno rispetto del trattamento dei dati in materia di privacy. Grazie agli input raccolti, le aziende potranno inoltre sfruttare al meglio Wine Suite per segmentare opportunamente la loro base clienti in funzione delle preferenze e delle abitudini di acquisto e abilitare azioni di marketing personalizzate per incrementare nel tempo le vendite dirette. 

“Nel processo di crescita di WinePlatform stiamo lavorando con diversi partner per supportare le cantine già nostre clienti con servizi a valore aggiunto”, sottolinea Giulia Corcos, responsabile di WinePlatform.

“In questo processo si inserisce l’integrazione con la piattaforma Crm Divinea che permetterà ai clienti di WinePlatform di poter utilizzare Wine Suite trovando già sincronizzati tutti i dati dei clienti finali che avranno acquistato loro prodotti attraverso la nostra piattaforma WinePlatform”.

Per conoscere le funzionalità e i benefici dell’integrazione Wine Suite e Tannico, le due realtà hanno organizzato un webinar in programma martedì 27 settembre alle 17

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »