https://www.banfi.it/it/
banner
  • Trend

Montecucco: “2022 sarà l’annata del Vermentino”

Dello stesso argomento

BANNER

Avanza a pieno ritmo la vendemmia sulle pendici del Monte Amiata, nell’areale di produzione dei vini Doc e Docg Montecucco. E dagli esperti della zona si preannuncia un’annata straordinaria per il Vermentino. Ma il tempo della raccolta in questo angolo di Toscana è anche un buon momento per tirare un bilancio sull’attuale stato di salute della Denominazione. Con gli imbottigliamenti nel primo semestre a +27% sullo stesso periodo del 2021.

Vendemmia 2022 in corso a Montecucco: il primo bilancio

Vendemmia in corso a Montecucco, dove, in linea generale, già da inizio luglio aziende vitivinicole grandi e piccole si erano preparate ad affrontare la chiusura della stagione produttiva in un quadro molto complesso, rappresentato dall’incognita della siccità, che fino a tre settimane fa ha destato grandi preoccupazioni. 

Una lunga assenza di precipitazioni che ha dato tregua alla filiera agricola soltanto a metà agosto, con l’arrivo nelle zone dell’Amiata delle tanto attese piogge – che ad oggi hanno portato sui suoli del Montecucco un totale di circa 80-100 mm d’acqua – unite ad un altrettanto auspicato calo delle temperature già a partire dalla prima settimana di agosto. 

Una fortunata inversione di rotta, che ha riportato il periodo entro le medie stagionali ordinarie e contribuito enormemente a ripristinare la vitalità del vigneto dopo il lungo stress termico e idrico iniziato già da maggio. Come spiega Giovan Battista Basile, alla guida del Consorzio Tutela Vini Montecucco:

“Un andamento stagionale molto difficile che, fortunatamente e contrariamente alle previsioni di luglio, ci ha permesso di iniziare la vendemmia in serenità, con 10/15 giorni di anticipo rispetto alle medie e soprattutto nelle migliori condizioni climatiche, con le consuete escursioni termiche notturne che oscillano fino ai 13-15°C, fondamentali nella fase finale di maturazione dell’uva”. 

“Il Merlot è stato raccolto quasi ovunque, mentre tra fine agosto e inizio settembre abbiamo iniziato a vendemmiare il Vermentino e le varietà più precoci; a partire da metà mese si inizierà certamente anche con il Sangiovese. Si prevede una leggera flessione rispetto alle quantità portate in cantina nel 2021 – soprattutto nelle aree poco o non servite da irrigazione di soccorso – ma ci aspettiamo sicuramente performance qualitative superiori alla precedente annata”.

Notizie positive per la Denominazione Montecucco sul fronte degli imbottigliamenti, che, secondo il report statistico sulle principali denominazioni vitivinicole toscane di A.Vi.To, nel primo semestre del 2022 osservano una crescita del 27% sullo stesso periodo dell’anno precedente. 

“Nonostante l’attuale situazione di difficoltà per il comparto causata soprattutto dall’aumento dei costi delle materie prime e di produzione, siamo riusciti a mantenere finora un trend più che positivo”, sottolinea Basile. “Il mercato internazionale è in continua ricerca di novità nel panorama vitivinicolo globale, ma soprattutto di qualità, certezza ed affidabilità e il Montecucco risponde perfettamente a questa domanda e per la nostra DO i tempi sono maturi per rafforzare il posizionamento anche a livello nazionale”.

Vendemmia 2022 in corso a Montecucco: bilancio in Toscana di una annata che si annuncia straordinaria per Vermentino secondo Collemassari.c

Giuliano Guerrini (Collemassari): “Stupirà tanto il Vermentino 2022”

In merito all’andamento della vendemmia, arrivano anche le parole di una delle aziende di riferimento dell’areale e della Toscana, con Giuliano Guerrini, storico agronomo dell’azienda Collemassari, che si mostra molto ottimista rispetto a quanto visto nella prima fase della raccolta delle uve. “Nonostante il trend stagionale decisamente critico e preoccupante – che ha sottoposto la vite ad un notevole stress e che ha causato un anticipo di maturazione, poi regolarizzata dall’arrivo delle piogge di agosto – abbiamo portato in cantina uve spettacolari, dall’eccellente stato fitosanitario, senza alcuna traccia di peronospora né di oidio”, commenta. “Siamo entusiasti dei parametri chimici di maturità osservati, con un equilibrio tra grado zuccherino e acidità pressoché perfetto”. 

“Ci stupirà tanto il Vermentino, vitigno che non disdegna il grande caldo, tutt’altro, mentre hanno patito un po’ di più l’andamento stagionale altre uve bianche a bacca più piccola, così come il Merlot, che infatti è stato vendemmiato con un bell’anticipo e di cui purtroppo soffriremo perdite più importanti, fino al 40/45% in meno nelle aree non servite da irrigazione. Ma sulla qualità ci aspettiamo grandissime cose. Per quanto riguarda il Sangiovese, prevediamo risultati da lungo invecchiamento. Un’annata che, sotto il profilo qualitativo, mi ricorda molto la bellissima 2012”.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »