https://www.banfi.it/it/
banner
  • Trade

Il Gavi World Tour ha conquistato anche New York

Dello stesso argomento

BANNER

Si è chiuso con successo a New York, mercoledì 7 settembre, il Gavi World Tour, il palinsesto di eventi nazionali e internazionali interamente dedicati al Gavi Docg. Promosso dal Consorzio Tutela del Gavi, la kermesse ha fatto tappa in tre delle più importanti metropoli mondiali: iniziato il 9 maggio a Roma, si è poi spostato a Londra, il 23 giugno, prima di raggiungere la Grande Mela. I tre appuntamenti, riservati alla stampa e agli operatori di settore, hanno rappresentato un’occasione unica per degustare più di 70 etichette di Gavi Docg e approfondire la conoscenza di questo vino bianco, 100% Cortese, grazie a masterclass dedicate alle peculiarità del vitigno e alla sua capacità di invecchiamento.

Un Gavi World Tour da tutto esaurito anche a New York

Gavi World Tour si è chiuso, dunque, con un grande successo: la degustazione nelle sale del Midtown Loft&Terrace di Manhattan ha infatti registrato il tutto esaurito e, tanto i seminari quanto il walk-around tasting, hanno generato consenso e apprezzamenti. 

“L’85% della produzione di Gavi Docg è destinato all’export e ciò rende necessario promuovere la denominazione in prima persona all’estero e non solo nei Paesi che ne rappresentano i mercati di punta”, racconta Maurizio Montobbio, presidente del Consorzio Tutela del Gavi. 

Un Gavi World Tour da tutto esaurito anche a New York. I prossimi appuntamenti del Gavi Docg per la promozione del Cortese nel 2023.
Maurizio Montobbio (Ph. LydiaLeePhoto come copertina)

“Con questo proposito ci siamo impegnati per offrire agli operatori di settore internazionali l’opportunità di conoscere a pieno il Gavi, il suo territorio e le famiglie di produttori che lo stanno facendo apprezzare in tutto il mondo”.

“È la prima volta che il Consorzio coordina la partecipazione dei produttori a eventi di questo genere e ciò rappresenta un segnale importante di come il territorio stia crescendo e stia prendendo consapevolezza del proprio valore e delle proprie potenzialità. La strada da percorrere è ancora lunga, ma i primi riscontri sono stati molto positivi e ci incoraggiano a proseguire in questa direzione”. 

Obiettivo raggiunto, dunque, per il Consorzio che, dalla sua fondazione nel 1993, ha sempre avuto come scopo principale promuovere, valorizzare e tutelare la denominazione in Italia e nel mondo. 

Il Gavi Docg si conferma, infatti, particolarmente apprezzato fuori dai confini nazionali: elegante e fresco è un vino che si abbina perfettamente alla cucina internazionale, presente in più di 100 Paesi al mondo, dal Nord Europa all’estremo oriente, dall’Australia al Sud America, con in media 11 milioni di bottiglie vendute all’estero. 

I prossimi appuntamenti del Gavi Docg

Il Gavi World Tour non vuole certo rappresentare un traguardo, bensì un punto di partenza: il 2022 ha determinato una svolta nelle attività di promozione del Consorzio che, con l’impegno nell’organizzazione e nella partecipazione a importanti eventi nelle principali metropoli mondiali, supporta in modo costante il percorso di internazionalizzazione dei produttori associati. 

Le attività del Consorzio, come affermato dal Presidente, non si vogliono limitare ai mercati di punta della denominazione, ossia Regno Unito e Usa, ma si spingono oltre, raggiungendo anche il Nord Europa, dove l’interesse nei confronti del grande bianco piemontese è in costante aumento. 

L’autunno e l’inverno vedranno, infatti, il Gavi Docg tra i protagonisti di eventi in Belgio e Danimarca e il Consorzio è già all’opera per l’organizzazione di appuntamenti e iniziative che si terranno nella primavera del 2023, con lo scopo di rafforzare valore percepito e posizionamento di questo vino inclusivo e dalla vocazione cosmopolita. 

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »