https://www.banfi.it/it/
banner
  • Trade

Davide Scabin nuovo chef del ristorante Carignano di Torino

Dello stesso argomento

BANNER

Al ristorante stellato Carignano arriva in cucina come executive chef Davide Scabin, coadiuvato dai giovani Francesco Polimeni, classe 1997, da anni chef de cuisine, e da Kevin Gardini. Nel suo passato, è arrivato a vantare due stelle Michelin, due Forchette del Gambero Rosso e tre Cappelli de L’Espresso. Oggi, Scabin si occuperà a Torino con il suo estro creativo della ristorazione nella totalità del Grand Hotel Sitea, ovvero il ristorante stellato Il Carignano e il bistrot Carignano Pop, del Royal Palace Suites e del Carignano Banqueting.

Davide Scabin nuovo chef del ristorante Carignano: arriva in cucina anche al Grand Hotel Sitea di via Carlo Alberto a Torino.

Lo chef Davide Scabin arriva in cucina al Ristorante Carignano e al Grand Hotel Sitea

Il Ristorante Carignano si trova all’interno dello storico Grand Hotel Sitea di via Carlo Alberto. Con i suoi oltre 90 anni di storia e quarta generazione di imprenditori che rappresenta il meglio dell’hotellerie subalpina, la famiglia Buratti. 

In queste sale sono passati grandi artisti, premi Nobel e tante celebrità nei più diversi ambiti: da Uto Ughi a Rita Levi Montalcini, da Marcello Mastroianni a Platini, passando per Banana Yoshimoto, Lou Reed e Ray Charles. Ma anche la storia ha fatto capolino. È in questo luogo, ad esempio, che è andato in scena, nel 1935, il debutto a Torino dello straordinario jazzista Louis Armstrong, con il suo ultimo concerto in Italia.

Il Grand Hotel Sitea rappresenta dal 1925 una pietra miliare dell’hôtellerie subalpina e un simbolo della tradizione torinese, avendo ottenuto anche il riconoscimento di “Locale storico d’Italia” nel 2001. Si tratta, infatti, di un albergo che riesce a conciliare il gusto moderno e il legame con il passato, esercitando un certo impatto sulla cultura della città.

Oggi a fare un ulteriore salto di livello è anche la sua cucina, con l’arrivo dell’eclettico chef Davide Scabin.

“Consci dell’immenso capitale umano presente in azienda, cercheremo insieme al nuovo direttore d’orchestra di raggiungere nuovi e più ambiziosi traguardi aziendali facendo della nostra Torinesità un tratto distintivo”, spiega la proprietà, quarta generazione alla guida dell’hotel, fin dal 1925, la famiglia Buratti Lera.

E Scabin chiosa con un annuncio:

“Entrare in una realtà così strutturata come quella della squadra di Grand Hotel Sitea, è per me sia una sfida a livello organizzativo, sia un’opportunità per poter nuovamente esplodere tutta mia creatività. Prevedo di essere pienamente operativo con il mio menù già dai primi di novembre”. 

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »