https://www.banfi.it/it/
banner
  • Trade

Nasce AMC Vini, matrimonio tra Advini, Meregalli e La Collina dei Ciliegi

Dello stesso argomento

BANNER

Meregalli Giuseppe Spa, holding di Gruppo Meregalli, ha perfezionato il 19 settembre il proprio ingresso nel capitale di Advini Italia Spa, la joint-venture costituita il 20 luglio 2020 da La Collina dei Ciliegi e dal gruppo francese Advini SA. La nuova realtà che si va così a formare, con un aumento di capitale effettuato dalla stessa Meregalli Giuseppe e dai soci di Advini Italia che porta i tre soggette a partecipare con quote paritarie, conduce anche al cambio di nome dell’azienda, ora ribattezzata AMC Vini Spa, da Advini – Meregalli – Collina. Nasce così una nuova partnership che ha dato già il via a numerose sinergie, ma guarda anche al 2023 per l’opening del un nuovo Wine & Life Style Club Duomo 18 a Milano.

Cosa cambia con la nascita di AMC Vini

“È un piacere”, esordisce l’amministratore delegato del Gruppo Meregalli, Marcello Meregalli, spiegando i dettagli dell’intesa, “unire le forze con La Collina dei Ciliegi e con Advini in AMC”.

“Questa società si occuperà di potenziare le rispettive possibilità commerciali delle nostre aziende verso l’estero e verso nuovi canali. AMC poi aprirà un esclusivo club in centro a Milano, in cui il vino sarà protagonista e potrà fare da collante ai tanti eventi ed ai tanti ospiti che saranno coinvolti. Quando il mondo della produzione, della distribuzione e della finanza si fondono, sono sicuro sarà un progetto che ci darà grandi soddisfazioni”.

A fargli eco le parole del presidente di AMC Vini, Antoine Leccia, numero uno del Consiglio di Amministrazione di Advini SA:

“Sono molto felice di questa partnership che dà concretezza alla relazione storica che Advini intrattiene con la Famiglia Meregalli da più di quarant’anni, che si unisce alla partnership già in corso con La Collina dei Ciliegi. Essa dimostra l’amicizia che ci lega, una visione comune nella filiera del vino e la passione per la degustazione che andrà a beneficio dei consumatori dei nostri grandi vini sul mercato italiano”.

E Massimo Gianolli, presidente de La Collina dei Ciliegi, conclude:

“Quando nel 2020 abbiamo dato vita ad Advini Italia dissi di essere stato da sempre convinto della carta vincente rappresentata dalla capacità di fare squadra tra i campioni dei due storici leader produttivi mondiali, Italia e Francia. Oggi la partnership che abbiamo costituito due anni fa con il gruppo Advini si rafforza e si amplia con l’entrata nel suo capitale del leader della distribuzione dei vini di alta gamma in Italia, il Gruppo Meregalli, con il quale abbiamo da subito condiviso le linee strategiche di sviluppo e l’impostazione di AMC Vini”.

Nasce AMC Vini, partnership di Advini, Meregalli e La Collina dei Ciliegi: nel 2023 l’opening del Wine & Life Style Club Duomo 18 a Milano.

Nel 2023 l’opening del Wine & Life Style Club Duomo 18 a Milano, la distribuzione dei vini La Collina dei Ciliegi passa a Visconti 43

In tema di sviluppo, come anticipato da Marcello Meregalli, AMC Vini ha realizzato all’atto della costituzione un primo e importante passo concreto, dando vita a Duomo 18 Srl – di cui AMC è socio unico – che gestirà il nuovo Wine & Life Style Club Duomo 18 in Piazza Duomo a Milano, la cui inaugurazione è programmata nel primo trimestre 2023. 

“Dopo l’esperienza unica che abbiamo maturato con il VIP Club gestito a San Siro per sette anni”, prosegue Massimo Gianolli, “nelle Skylounge del primo anello rosso, abbiamo deciso con i nostri soci di AMC di dare vita a un Wine Club esclusivo in cui gli eventi sportivi saranno uno dei pretesti per dare una nuova e prestigiosa casa a quel formidabile network di aziende e privati che sposano la nostra vision e che potrà godere della più ampia offerta di vini di alta gamma disponibile nel panorama italiano”.

Nasce AMC Vini, partnership di Advini, Meregalli e La Collina dei Ciliegi: nel 2023 l’opening del Wine & Life Style Club Duomo 18 a Milano.
Il CdA di Duomo 18: da sinistra, Stefano Falla, Massimo Gianolli e Corrado Mapelli. In copertina: Davide Mascalzoni, Antoine Leccia e Corrado Mapelli

Dal 1° settembre La Collina dei Ciliegi ha affidato la distribuzione dei suoi vini a Visconti 43 (società del Gruppo Meregalli) in via esclusiva per il canale Horeca dell’intero territorio italiano, con le due realtà ad aver co-organizzato la convention della rete vendita, oltre 140 agenti, il 9 settembre presso il Theatro di Erbin, nel cuore dell’azienda vitivinicola della Valpantena.

“L’unione fa la forza”, spiega il direttore generale del Gruppo Meregalli, Corrado Mapelli. “Per la nostra più giovane consociata, Visconti 43, è un’opportunità davvero importante nonché una palese testimonianza degli ambiziosi traguardi che si prefigge. Consolidiamo tramite la stessa un rapporto di collaborazione che vanta uno storico di più di 40 anni (con il Gruppo ADVini) nonché un nuovo percorso con La Collina dei Ciliegi che, viste le ottime premesse, siamo certi, ci vedrà impegnati assieme sul territorio almeno per altrettanti anni”. 

E Davide Mascalzoni, recentemente entrato nel consiglio di amministrazione de La Collina dei Ciliegi conlcude:

“Siamo onorati e orgogliosi che i vini de La Collina dei Ciliegi siano rappresentati in Italia da Visconti 43 ed entusiasti di lavorare fianco a fianco con il più importante gruppo italiano di distribuzione di vini di alta qualità. Questo accordo conferma, da un lato, la bontà del lavoro fatto in questi anni in vigneto e in cantina e dall’altro rafforza la nostra convinzione di proseguire con altrettanto impegno e dedizione sul percorso intrapreso”.

banner
BANNER
BANNER
banner

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »

WineCouture, anno tre, numero 7/8: Bollicine audaci

Presente e futuro del segmento che sta trainando da tempo il vino made in Italy. Alle bollicine italiane è consacrato il nuovo numero di WineCouture. Quelle bolle d’Italia chiamate ad essere audaci, come ha evidenziato “l’uomo da copertina” Luca Serena e i 40 protagonisti, tra aziende, distribuzione, ristorazione, enoteche e consorzi, che hanno condiviso le loro riflessioni sul domani degli spumanti tricolore.

CONTINUA A LEGGERE »